‘La loro assenza si farà sentire’: l’Italia teme che l’economia soffra per l’allontanamento dei russi | Italia

Un cartello giallo con la scritta “Paghiamo solo in rubli” ha un cartello giallo sulla vetrina di una tabaccheria ad Arezzo, città della Toscana orientale.

“È una provocazione”, ha detto il proprietario del negozio Anthony Brugado. “Voglio che le persone parlino di quello che sta succedendo. Alcuni leader prendono decisioni che riguardano milioni di persone. Questa è una sciocchezza”.

Sebbene Brucado abbia affermato di essere critico nei confronti dell’invasione russa dell’India meridionale, ha riconosciuto che la sua vetrina mostrava un messaggio contrastante. Non è solo.

Il governo italiano, insieme ad altri paesi dell’UE, è impegnato ad opporsi alla guerra russa in Ucraina. L’Italia ha imposto sanzioni all’economia russa, ha smesso di trattare con le sue banche e ha chiesto una soluzione negoziata del conflitto.

I sondaggi mostrano che l’80-90% degli italiani sostiene la posizione del governo e, secondo la società di sondaggi d’opinione Opinioni, potrebbero esserci ulteriori prove delle atrocità russe che vengono alla luce nella città ucraina di Pucha.

Tuttavia, il paese è fortemente dipendente dalle importazioni di gas russe, anche se il primo ministro italiano Mario Draghi ha categoricamente rifiutato la richiesta di pagare il gas in rubli, una mossa del gioco geopolitico degli scacchi che promuove l’identità gialla di Brugado.

Gli analisti affermano che le importazioni russe di merci italiane e la mancanza di visitatori russi potrebbero minacciare la debole ripresa economica post-epidemia dell’Italia. Alla fine di marzo, l’Economist Intelligence Unit ha declassato le sue stime di crescita economica in tutta l’UE, ma ha affermato che l’Italia sarebbe stata duramente colpita, con la crescita che quest’anno rallentava al 3,4% dal 4,4% della stima precedente a causa dell’impatto del commercio e del commercio con la Russia. Impatti secondari come l’aumento dei costi del carburante e problemi della catena di approvvigionamento. L’agenzia nazionale di statistica italiana ha dichiarato la scorsa settimana che se la guerra continua, saranno in programma ulteriori aggiustamenti al ribasso.

READ  O'Driscoll dice che il gioco italiano dà a Farrell la possibilità di sperimentare

Martedì, Federwini Michel Pallini, presidente dell’Associazione del settore vinicolo, ha affermato che la guerra in Ucraina potrebbe avere “impatti irreversibili a lungo termine” sui produttori di vino italiani. Ha detto che il disastro e la crisi umanitaria sono una delle principali preoccupazioni in Ucraina, ma che l’Italia è il più grande fornitore di vino in Ucraina e Russia, rappresentando circa il 6% delle esportazioni italiane di vino, con un fatturato totale di circa 400 milioni (£ 335 milioni). l’anno scorso. Questo sarà notevolmente ridotto quest’anno.

I produttori di beni di lusso, compresi abbigliamento, gioielli e accessori, hanno affermato di aspettarsi un calo simile delle esportazioni. Si dice che Forte dei Marmi, una località balneare che si rivolge ad acquirenti e visitatori russi, abbia interrotto i piani di espansione pochi giorni dopo l’inizio della guerra.

Secondo Michael Gostable, professore di economia e management all’Università Louis di Roma, il settore turistico italiano, già afflitto da blocchi e isolamenti negli ultimi due anni, sarà duramente colpito. Sebbene i russi non si siano classificati tra i primi 20 per numero di visitatori in Italia, ha notato che erano noni in termini di tempo trascorso nel Paese, secondi solo alla Germania se misurato dall’impatto economico complessivo.

“Tradizionalmente il visitatore medio russo rimane in Italia per cinque o più giorni, spendendo il 65% in più di denaro al giorno rispetto al turista medio, rispetto a due o tre di altri paesi”, ha affermato Gostable. “Vi assicuro che la mancanza di pubblico russo in questo campo si farà sentire”.

Mark Antonio Esposito, impiegato in un negozio di orologi di fascia alta a Roma, ha detto che gli effetti della guerra sono stati evidenti fin dall’inizio.

READ  Heathrow e Gatwick: consigli di viaggio in Francia, Spagna, Portogallo, Italia, Grecia e Cipro

“Gli orologi che vendiamo partono da circa 5.000 e vanno molto in alto”, ha detto Esposito. “Avevamo abbastanza ricchi clienti russi e abbiamo assunto un partner di lingua russa. Ma non credo di aver visto più di due o tre russi dall’inizio di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *