La galleria più ambita d’Italia sta provando un nuovo modo per attirare i turisti

(CNN) – Commissionarono e collezionarono alcune delle più importanti opere d’arte del Rinascimento e crearono una collezione d’arte che oggi è stata trasformata in uno dei musei più conosciuti al mondo.

Ma la famiglia fiorentina dei Medici collezionava anche opere d’arte di altre culture. La Galleria degli Uffizi, nata come family office quando governavano la città, è ora il museo più visitato d’Italia, aprendo una galleria nella galleria per mostrare una collezione come questa.

Scopo? Per fare appello a un turismo più diversificato.

Il Museo delle Icone Russe, che aprirà il 2 gennaio, sarà ospitato a Palazzo Pitti, il vasto palazzo della famiglia Medici che governò gran parte della Toscana.

Quattro sale che non sono mai state aperte al pubblico sono state riservate al museo, con i loro dipinti del XVII secolo restaurati in un’ambientazione teatrale delle colonne Trump L’Oil, soffitti a gaffer e misteriose statue di velo.

Farà parte del museo anche la Cappella Paladina, una chiesa privata della famiglia Medici, precedentemente aperta solo una volta all’anno per la maschera.

Questa collezione, che si dice sia la più antica al di fuori della Russia, contiene 78 icone dal XVI al XVIII secolo.

Ci sono icone associate all’arredamento del palazzo nell’ambientazione teatrale.

Gallerie degli Ufizi

Alcune delle icone erano solitamente disegnate da artisti che lavoravano per vasi russi e venivano inviate direttamente dal Cremlino di Mosca.

Fu iniziato dalla famiglia Medici e continuato dalla Casa di Lorena, dalla famiglia reale austriaca e dai governanti del Sacro Romano Impero, che governò la Toscana dopo la morte della famiglia Medici.

Questi simboli furono citati nell’elenco dei possedimenti medicei all’inizio del 1600, e poi ancora nel 1761, a quel tempo si trovavano a Palazzo Pitti, ampliando la collezione di San Francesco I, imperatore romano.

Ma le dimensioni della collezione degli Ufizi – decine di migliaia di opere in deposito – non sono state esposte dal XVIII secolo.

I punti salienti della collezione sono la Madonna e Mnologio, di proprietà della famiglia Medici, un calendario di feste tradizionali suddiviso in più di 100 scene uniche disegnate nei minimi dettagli.

Il direttore degli Uffizi Eike Schmidt la considera una collezione più intima di qualsiasi altra opera d’arte commissionata dai Medici.

“Si distingue dalle altre collezioni [the icons are] Principalmente di piccole e medie dimensioni, progettati per l’adorazione familiare personale e portatili “, ha affermato.

I dipendenti credono che il museo attinge al desiderio di uscire dalla routine post-epidemia e vedere qualcosa di diverso.

Tutte e quattro le stanze non sono state aperte al pubblico prima.

Tutte e quattro le stanze non sono state aperte al pubblico prima.

Gallerie degli Ufizi

Daniela Barandi, Sovrintendente del Museo delle Icone, ha dichiarato: “Questo è in risposta all’attuale necessità di ampliare la nostra offerta culturale a un pubblico più diversificato”.

Schmidt ha aggiunto che il museo aprirà la strada all’apertura dell’intero piano terra di Palazzo Pitti, le cui sale di pittura non furono mai aperte al pubblico.

“Hanno stanze incredibili, e i Granduchi [of Tuscany] Vivevano all’interno, ma oggi sono utilizzati principalmente come uffici e locali di servizio “, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *