La Francia spezza il cuore di Wells tentando gli ultimi momenti della saga del Sei Nazioni

I sei paesi più strani e il gioco più strano. Una competizione capovolta e controversa che si è trasformata in un esito caotico riflette un torneo di azione e azione, ed è stata la Francia che è rimasta in piedi alla fine – le speranze di Welles per il quinto Grande Slam delle Sei Nazioni sono svanite nella notte di Parigi .

Per concludere la finale infinita di una partita che conteneva tutto, le urla esultanti di Bryce Doolin sono state finalmente ascoltate mentre il terzino affondava di gioia. Le teste caddero quando i difensori gallesi, stanchi della competizione e condannati al loro destino, corsero qua e là nel decisivo movimento finale della Francia, cercando disperatamente di attraversare; Non ci fu sviluppo finale.

Non che il gioco manchi di drammaticità. Dulin in precedenza ha svolto un ruolo di primo piano in quello che sembrava essere il momento cruciale del gioco. Il risultato del terzino sembra aver ridotto il deficit della Francia a cinque con una deviazione a venire 13 minuti prima dell’inizio della partita, ma un controllo con TMO Wayne Barnes ha rivelato la mano vagante di Paul Willems vicino all’occhio di Wayne Jones. Dopo una lunga riflessione, l’arbitro Luke Pearce era convinto di poter essere solo rosso: prova, con il gesso, a licenziare Willemse.

Incredibilmente, quello era solo il preludio agli ultimi dieci minuti di grande dramma. Ciò significa che Wells finirà per la terza volta contro 14, ma la Francia finirà con un vantaggio numerico poiché Taulupe Faletau e Liam Williams vedranno entrambi il giallo.

Così gli spazi sono stati aperti alla Francia. Approfittando di Charles Olivon dopo il compagno di squadra in seconda fila Gregory Aldrette in qualche modo interrompe la sua timidezza nel lanciare la striscia dal fondo della mischia francese, la conversione di Romain Ntamack in Francia in tre. Poi l’ultimo tentativo di Dulin, il settimo e ultimo della partita, un punteggio di 32-30 che racconta solo in parte la storia.

READ  Hong Kong: preoccupazione per la proposta di legge che potrebbe impedire a chiunque di andarsene | Hong Kong

I giocatori reagiscono al fischio finale

(AFP tramite Getty Images)

Come hanno fatto contro l’Inghilterra, la Francia ha subito iniziato ad aprire altri 10 minuti per testare i polmoni. Dopo che Dulin ha annullato un rigore in un angolo, Gregory Alldritt è stato trascinato via dalla striscia gallese dietro l’angolo dopo una mossa impressionante. Il pneumatico gigante Paul Williams è stato spinto di un pollice; Il romano Tauffenoa ha trovato l’ultimo piede per segnare.

Tuttavia, come una settimana fa, il bel tono in Francia ha invitato i loro avversari a ballare. L’esibizione della mano di Charles Olivon è stato tutto ciò che ha impedito a Gareth Davis di segnare entro tre minuti dalla partita di apertura per la Francia, ma la risposta è arrivata poco dopo, l’ultimo sandalo dell’ariete a sfondare la porta presentato nella forma inaspettata di Dan Bigger su una palla.

Tuttavia, il momento di vero splendore del primo tempo arriverà dai francesi. Doolin è avanzato in pericolo dopo un calcio gallese sciolto, affiancato da Matthew Galibert e Antoine Dupont in agguato. Un delizioso chip Dulin del piede sinistro rimbalzò dolcemente per il suo mezzo volo, e un rapido salto all’effervescente di Dupont permise alla comoda mezza barca.

Finora c’è stato un sacco di tempo nel primo quarto del Galles per pareggiare di nuovo mentre Josh Navidi premeva per risolvere di nuovo le cose. Non era niente di più di quello che si meritavano: con la Francia stranamente passiva in difesa, l’attacco gallese è stato chiamato a suonare piatto e ad alto ritmo, con il brillante Biggar che ha impostato un ritmo di percussioni con ali vaganti e gli attaccanti che arrivano con intenti.

Entrambi sono stati seguiti da un calcio di rigore poco prima dell’intervallo mentre la partita si è conclusa per un breve periodo al ritmo di Adagio, ma dopo il tie-break è successo di nuovo. Approfittando del suo slancio dal dischetto, Welles ha esteso il suo vantaggio a dieci volte, Josh Adams probabilmente ha deciso di essere riuscito a passare la palla nella mano di Dylan Cretin nel prato dove la coppia è inciampata dopo che Justin Tiborich e Tomos Williams hanno messo il dito.

Le speranze di Wells per il Grande Slam sono aumentate dopo altri otto minuti quando Mohamed Hawass ha visto la prima carta della partita, ed è stata forse una fortuna per Pearce che Pearce non fosse sicuro di segnare perché ha colpito il gallese con i pistoni. Biggar ne aggiunse tre e il vantaggio gallese fu di nuovo dieci.

E poi, l’ultimo quarto, e tutto il dramma che ne è derivato, il gioco è progredito con implacabile carta da intoppo a interruzione come un film di rapina. Una vittoria in sei nazioni potrebbe essere una vittoria per il Galles, poiché la Francia deve battere la Scozia con un punto in più nella finale posticipata della competizione di quest’anno e vincere. Per ora, però, la parte di Wayne Bevac avrebbe dovuto pensare a cosa avrebbe potuto essere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *