La fame degli americani di beni mondiali guida la ripresa globale

L’afflusso di denaro si sta riversando dall’economia statunitense e si sta diffondendo in tutto il mondo, portando la ripresa globale a un livello che non raggiungeva da decenni e dando fiducia alle aziende per investire nel soddisfare la massiccia domanda statunitense.

Gli economisti affermano che l’economia statunitense, guidata da uno stimolo stimato di 6 trilioni di dollari e assetata di beni globali, sta svolgendo il ruolo svolto dalla Cina sulla scia della crisi finanziaria del 2008.

Mentre altri paesi accolgono in gran parte l’aumento della domanda dalla più grande economia del mondo, la forza dell’espansione americana si sta riprendendo attraverso i mercati finanziari e causa interruzioni a livello mondiale come i colli di bottiglia delle spedizioni nell’Asia orientale, gli effetti sulle valute e i boom dei prezzi delle materie prime.

“Stiamo assistendo a un’ondata di inflazione”, ha affermato Angelo Trocchia, amministratore delegato della società italiana di occhiali Safilo Group SpA, la cui fabbrica in Cina sta producendo a pieno regime e compete con l’impennata dei prezzi per materiali come la plastica. “Dobbiamo sapere cosa faranno le banche centrali”.

Durante la metà degli anni 2000, gli Stati Uniti sono stati il ​​principale motore della crescita globale, fino a quando la massiccia espansione della Cina ha fornito il secondo, e spesso il principale, motore dell’economia globale. Ora, mentre la Cina continua a crescere in modo robusto, si prevede che rallenti nel corso dell’anno dopo il suo rapido ritorno dalla pandemia, poiché il suo governo cerca di frenare il credito. Anche la più lenta ripresa economica dell’Europa, appesantita dalla debole spesa dei consumatori, sta contribuendo a frenare l’inflazione e la domanda globali.

READ  "I venti contrari economici possono apparire da un maggiore potenziale di inflazione", Automotive News, Auto ET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *