La destra cerca di screditare i “nemici” di Trump con un complotto trappola al miele – rapporto | Donald Trump

Un gruppo di attivisti di destra ha orchestrato un piano durante l’amministrazione Donald Trump per screditare i suoi potenziali oppositori – compreso il complotto della trappola del miele che utilizzava “agenti sotto copertura” – nel tentativo di catturare i dipendenti del governo critici nei confronti dell’ex presidente, il New York Times. e screditarli. menzionato.

I loro sforzi includevano una “operazione pianificata” contro l’allora consigliere per la sicurezza nazionale, HR McMaster, e la sorveglianza segreta del personale dell’FBI, volta a smascherare le opinioni anti-Trump nelle forze dell’ordine, secondo il giornale.

L’azione contro i dipendenti dell’FBI è stata coordinata dal Project Veritas, un’organizzazione conservatrice, e condotta da una casa in affitto del valore di 10.000 dollari al mese nel quartiere di Georgetown a Washington. menzionato. Project Veritas ha utilizzato a lungo operazioni barbare contro politici democratici, gruppi di difesa e media.

In questa lussuosa casa, “attivisti sotto copertura” hanno preso appuntamenti con i dipendenti dell’FBI, sperando di registrare di nascosto dichiarazioni dispregiative su Trump. Il giornale ha detto di aver usato profili di app di appuntamenti falsi per attirare i membri dell’FBI.

Gli attivisti che hanno lavorato in questa casa avevano “nomi in codice per Project Veritas”, come “Tiger” e “Brasile”. Sono state impartite istruzioni ai residenti di questa casa di non ricevere posta indirizzata ai loro nomi legali. Il New York Times ha affermato che se avessero utilizzato un’app di condivisione delle corse per tornare a casa, l’autista avrebbe dovuto fermarsi prima di arrivarci per assicurarsi che nessuno vedesse dove viveva effettivamente.

Un’ex spia britannica, Richard Seddon, è stata reclutata da un appaltatore della sicurezza per addestrare gli attivisti del Progetto Veritas “per infiltrarsi nei sindacati, nelle campagne del Congresso Democratico e in altri obiettivi”.

Non è noto se gli assistenti di Trump fossero a conoscenza degli sforzi.

Tuttavia, ha detto Barbara Leden, che secondo quanto riferito era tra i partecipanti agli sforzi contro McMaster volte È stato portato da una persona “che ha accesso al calendario McMaster”. Il documento rileva che a quel tempo Leden serviva come impiegato del Comitato giudiziario del Senato quando era presieduto dal senatore repubblicano dell’Iowa Charles Grassley.

Questo sforzo McMaster includeva un complotto per assumere una donna, che trasportava una videocamera segreta, per catturarlo mentre faceva dichiarazioni inappropriate che i suoi nemici avrebbero potuto usare per cacciarlo dall’ufficio.

La trama è stata abbandonata nel marzo 2018, dopo che McMaster si è dimesso il 22 marzo dello stesso anno. McMaster non se ne è andato a causa del complotto, ma ha voluto dimettersi piuttosto che essere licenziato da Trump, che lo stava infastidendo, ha detto il giornale.

In una risposta via e-mail inviata giovedì ai sostenitori, Project Veritas ha descritto la rivelazione del Times come “una campagna diffamatoria, con il fondatore del gruppo James O’Keefe che afferma:” Project Veritas non ha mai approvato un simile processo. Anche per “The Old Grey Lady”, questa affermazione è patetica “.

Project Veritas ha intentato una causa per diffamazione contro The Times nel 2020 per aver segnalato uno dei suoi video.

READ  "Pompei in miniatura" ritrovata sotto un ex cinema a Verona | Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *