La crisi in Etiopia si intensifica con l’arresto di 16 membri del personale delle Nazioni Unite e i britannici avvertiti di lasciare immediatamente il paese | notizie dal mondo

Almeno 16 lavoratori delle Nazioni Unite sono stati detenuti “contro la loro volontà” nell’Etiopia devastata dalla guerra, mentre ai cittadini britannici è stato chiesto di lasciare immediatamente il Paese africano.

dove Etiopia La scorsa settimana è stato dichiarato lo stato di emergenza e il governo è stato in grado di arrestare chiunque fosse sospettato di coinvolgimento con un gruppo terroristico senza bisogno di un ordine del tribunale.

All’inizio di quest’anno il parlamento del paese ha descritto il Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) come un gruppo terroristico. I combattimenti sono scoppiati a novembre 2020 Quando il primo ministro Abiy Ahmed ha annunciato un’offensiva militare per rovesciare il Fronte di Liberazione del Tigray, che era il partito regionale al governo nello stato del Tigray.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

Conflitto in Etiopia: Onu “profondamente preoccupata”

Le Nazioni Unite affermano che il personale detenuto ad Addis Abeba è di etnia tigrina, tra le notizie secondo cui il Fronte di liberazione popolare del Tigrino e i suoi alleati hanno recentemente minacciato di marciare verso la capitale.

Arriva quando il British Foreign Office (FCDO) ha esortato i cittadini britannici a lasciare il paese “finché le rotte commerciali sono disponibili” per paura di esacerbare il conflitto.

Il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha affermato che oltre ai 16 membri del personale detenuto, altri sei sono stati arrestati e poi rilasciati senza fornire motivazioni.

Le forze armate del Tigray, al centro, scortano soldati governativi etiopi catturati e membri della milizia alleata per le strade in camion scoperti, mentre vengono portati in un centro di detenzione a Mekele, capitale della regione settentrionale del Tigray in Etiopia venerdì, ottobre.  22, 2021. Gli operatori umanitari hanno affermato che gli attacchi aerei militari etiopi di venerdì hanno costretto un volo umanitario delle Nazioni Unite ad abbandonare il suo atterraggio a Mekele e un portavoce del governo ha affermato che le autorità erano a conoscenza del volo imminente.
foto:
Il Ministero degli Esteri britannico ha esortato i cittadini britannici a lasciare immediatamente il paese

Il vice portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq ha aggiunto che i colleghi della sicurezza hanno visitato i lavoratori detenuti e che al ministero degli Esteri etiope è stato chiesto di rilasciarli immediatamente.

READ  Joe Exotic dovrebbe ricevere una pena detentiva più breve, le regole della Corte d'appello federale | Colorado

Il portavoce del governo etiope Legis Tolu non ha ancora parlato degli arresti.

Tuttavia, il governo in precedenza aveva affermato di trattenere persone sospettate di sostenere le forze rivali del Tigray.

Soldati del governo etiope diretti nel Tigray منطقة
foto:
I soldati del governo etiope si dirigono nella regione del Tigray mentre il conflitto continua a intensificarsi

Migliaia di persone sono state uccise nell’ultimo anno in Etiopia, con Migliaia di persone sono state arrestate e milioni di persone sono rimaste senza casa.

La FCDO ha ora emesso un avvertimento urgente agli inglesi dicendo che il conflitto “ha il potenziale per intensificarsi e diffondersi rapidamente e senza preavviso”.

Una dichiarazione sul sito web del ministero recita: “FCDO ora sconsiglia tutti i viaggi in Etiopia, ad eccezione dell’aeroporto internazionale di Addis Abeba Bole (dove il consiglio rimane contro i viaggi tranne che per i viaggi essenziali).

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale consiglia inoltre di lasciare l’Etiopia finché le rotte commerciali sono disponibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *