La Corte Suprema italiana annulla mandato di cattura per sospettato vaticano

Mercoledì, i suoi avvocati hanno affermato che la Corte suprema italiana ha annullato un mandato di arresto per un sospettato chiave nel processo vaticano per frode ed estorsione, sollevando dubbi su se e quando sarebbe stato estradato dalla Gran Bretagna.

Con sentenza emessa martedì, la Corte di Cassazione ha rinviato il caso al Tribunale di Roma per il riesame, che a giugno ha confermato il mandato di cattura nei confronti di Gianluigi Torzi. Un funzionario della cassazione ha affermato che la sentenza scritta del tribunale, che spiega il motivo della decisione di annullamento, sarà emessa entro un mese.

I pubblici ministeri vaticani hanno accusato Torzi di aver estorto alla Santa Sede 15 milioni di euro (17,8 milioni di dollari) per cedere la proprietà di un edificio di lusso a Londra in cui il Vaticano ha investito circa 350 milioni di euro (420 milioni di dollari), per lo più donazioni di fedeli. Torzi nega ogni addebito.

I pubblici ministeri italiani hanno anche accusato Torzi di reati finanziari correlati e ad aprile hanno emesso un mandato di cattura per il suo arresto. Nella sua conferma della nota italiana, la Corte del Riesame ha sostenuto fermamente la tesi del Vaticano, affermando che le prove hanno dimostrato che Torzi ha utilizzato trattative in malafede, modifiche contrattuali dell’ultimo minuto e una rete di complici per frodare la Santa Sede.

È stato arrestato a Londra su mandato di cattura, ma rilasciato in attesa del procedimento di estradizione. Il Vaticano non ha un trattato di estradizione con la Gran Bretagna, quindi qualsiasi estradizione a Roma dipenderà dalle indagini italiane.

READ  La campagna di BLM nella moda italiana sta mostrando i primi risultati tangibili

Il processo in Vaticano contro Torzi e altri nove è iniziato a luglio e recentemente è ripreso, con il capo della giustizia che ha ordinato ai pubblici ministeri di riesaminare in tutto o in parte su di loro perché avevano commesso una serie di errori procedurali che hanno privato gli indagati dei loro diritti di difesa.

Gli avvocati di Torzi, Ambra Giovanni e Marco Franco, hanno affermato che la sentenza della Corte di Cassazione “sarebbe un passo importante per dimostrare l’innocenza del loro assistito”. Hanno sottolineato che i pubblici ministeri italiani hanno basato la loro indagine e la richiesta del mandato di cattura su prove fornite dal Vaticano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *