La Corte Europea dei Diritti Umani chiede alla Russia di rilasciare Alexei Navalny per motivi di sicurezza | notizie dal mondo

Il Corte europea dei diritti dell’uomo Alla Russia è stato chiesto di rilasciare Alexei Navalny, il che ha portato a un nuovo confronto tra l’Europa e Mosca sul destino del fervente critico di Vladimir Putin.

La Russia ha detto che ignorerà la sentenza nonostante la sua richiesta di conformità come consigliere EuropaHa descritto la decisione della corte come “una scandalosa e grave ingerenza negli affari giudiziari di uno Stato sovrano”.

In una sentenza pubblicata mercoledì, il tribunale di Strasburgo ha concesso a Navalny la scarcerazione temporanea dal carcere perché ha affermato che il governo “non poteva fornire garanzie adeguate per la sua vita e salute”.

Navalny è stato vittima ad agosto di un sospetto avvelenamento da parte dell’FSB, che Putin avrebbe ordinato, e ha detto che la sua vita era in pericolo durante la custodia. È stato condannato a trascorrere i successivi due anni e mezzo in prigione per aver violato il rilascio condizionale della sentenza del 2014 e rischia ulteriori pene detentive mentre il governo sporge nuove accuse.

La corte ha osservato che la decisione è stata presa in relazione ai termini di reclusione di Navalny e non era contraria alla condanna per appropriazione indebita del 2014 contro Navalny, che è ampiamente considerata politicamente motivata. Questa settimana dovrebbe presentare ricorso contro la decisione in tribunale.

Una copia del verdetto pubblicato online afferma che Navalny dovrebbe essere rilasciato “con effetto immediato”.

Il ministro della Giustizia russo, Konstantin Chuichenko, ha definito la sentenza “inapplicabile”, affermando che “non vi è alcuna base legale per liberare questa persona dalla custodia”.

Russia Nuovi emendamenti costituzionali adottati lo scorso anno che affermavano che Mosca ha il diritto di ignorare le decisioni legali internazionali che violano la sua sovranità.

READ  A third body was found in a Norwegian landslide; 7 is still missing

Ha ignorato le decisioni chiave della Corte europea dei diritti umani in passato, inclusa un’ordinanza del luglio 2014 di pagare agli azionisti dell’impero petrolifero Yukos 1,9 miliardi di euro raccolti dall’oligarca Mikhail Khodorkovsky. Khodorkovsky è stato imprigionato per quasi un decennio con l’accusa di evasione fiscale e frode e la società è stata smantellata e venduta a società controllate dallo stato.

La Russia è entrata a far parte del Consiglio d’Europa nel 1996. Sotto Putin, si è scontrata sempre più con il corpo e ha minacciato di andarsene. Mosca ha perso i suoi diritti di voto alla sessione plenaria del Consiglio nel 2014 a causa della sua invasione dell’Ucraina, e l’ha riconquistata in modo controverso nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *