La Corte di Strasburgo condanna ancora l’Italia per le emissioni Ilva – EURACTIV.com

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) giovedì ha nuovamente condannato l’Italia per aver messo in pericolo la salute dei suoi cittadini a causa dell’inquinamento dell’acciaieria Ilva di Toronto.

Anche l’Italia è stata condannata a gennaio 2019 per aver messo in pericolo la salute dei cittadini nell’acciaieria Ilva di Toronto.

Le nuove quattro condanne riguardano i reclami dei dipendenti presentati tra il 2016 e il 2019 e i reclami di oltre 200 residenti di Toronto o dei comuni limitrofi.

Lo stabilimento Ilva (ora Acciaierie d’Italia) nel sud Italia è da tempo il più grande produttore di acciaio in Europa. Tuttavia, si dice che l’aumento dei decessi per cancro nella regione sia dovuto alle emissioni tossiche della pianta. Nel 2012 l’autorità giudiziaria di Toronto ha ordinato la chiusura di un’area vicina.

Il potenziale elevato rischio di una crisi ambientale ha anche attirato l’attenzione delle istituzioni dell’UE. Nel 2013 la Commissione Europea ha iniziato a violare il mancato rispetto da parte dell’Italia della normativa ambientale dell’UE.

Le autorità nazionali hanno dovuto gestire il documento Ilva in un dilemma tra la protezione delle capacità strategiche nazionali e la protezione dell’occupazione e dell’ambiente.

Nonostante alcuni errori siano stati corretti, il tribunale di Strasburgo ha sottolineato che “le autorità italiane non hanno fornito informazioni accurate sull’effettiva attuazione del progetto ambientale, fattore importante per garantire che il funzionamento dell’acciaieria non continui rappresentano un rischio per la salute”. Nella sua ultima sentenza di giovedì (5 maggio).

READ  Italia 7-48 Galles: Sei Nazioni 2021 - Come è successo! | Gli sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *