La condanna di Derek Chauvin non è motivo di celebrazione, afferma il procuratore capo del caso

Il procuratore capo ha detto domenica che la condanna di Derek Chauvin per l’omicidio di George Floyd questa settimana “non è motivo di celebrazione”.

Ha detto Keith Ellison, procuratore generale del Minnesota Star Tribune Che c’era poca euforia nell’assicurare la condanna dell’ex ufficiale di polizia di 45 anni per l’omicidio del 25 maggio di George Floyd.

“È triste, molto triste”, ha detto Ellison.

“Un uomo è morto e un altro andrà in prigione per molto tempo”.

Il procuratore generale del Minnesota Keith Ellison ha guidato il processo contro Derek Chauvin

Jerry Blackwell, assistente speciale del procuratore generale, ha rilasciato una potente dichiarazione di apertura

Jerry Blackwell, assistente speciale del procuratore generale, ha rilasciato una potente dichiarazione di apertura

Jerry Blackwell, l’assistente speciale del procuratore generale – che ha rilasciato forti dichiarazioni di apertura e chiusura – concordava con questo punto di vista.

“È una tragedia, e non c’è nessun vincitore in una tragedia”, ha detto.

Il team si è riunito per parlare al giornale locale e ha confessato di essere ancora alle prese con la gravità del processo che è durato tre settimane e 10 mesi di preparazione.

“Ho chiesto a questi uomini quando siamo arrivati ​​qui, ‘Stai ancora dormendo?’, Ha detto Lula Velasquez Aguilo, assistente speciale del procuratore. E per tutti noi la risposta è no, non abbiamo ancora dormito.

Chauvin si trova attualmente a Oak Park Heights, l’unica struttura di massima sicurezza del Minnesota, e sarà condannato il 16 giugno.

I pubblici ministeri torneranno in tribunale ad agosto, per perseguire le condanne degli altri tre agenti coinvolti nell’arresto fatale di Floyd-J. Alexander Koenig, Thomas Lin e Tu Thao.

Ellison ha guidato l’accusa con l’aiuto dell’ufficio del procuratore della contea di Hennepin.

Chauvin si è inginocchiato sul collo di George Floyd durante l'arresto, provocando la morte del 46enne

Chauvin si è inginocchiato sul collo di George Floyd durante l’arresto, provocando la morte del 46enne

Ha riunito un team di “ all-star ” di 13 avvocati provenienti da tutto il paese che lavorano a distanza e si incontrano tramite Zoom a causa della pandemia.

Sono nominati in comitati che coprono vari argomenti, comprese le forze dell’ordine e la polizia; Problemi medici e causa della morte; Oltre all’arte dello spettacolo.

Il fulcro del caso è stato il video, girato da Darnella Frazier, dell’arresto di Floyd, e hanno detto di aver valutato attentamente quanto ha usato.

Abbiamo ritenuto che la prova più forte e più potente fosse il video e che ha permesso alle persone di vederlo da soli, giudicare da sé, giungere alle proprie conclusioni e poter dire loro: “Non c’è illusione ottica in questo; Blackwell ha detto.

Ha detto che il loro obiettivo è formulare un argomento basato sulla logica, non sull’emozione.

Ellison ha aggiunto: “ Anche se il video era incredibilmente potente, ho sempre pensato a come avremmo dovuto presentare questo caso se non avessimo il video in qualche modo.

“ Ho pensato che avessimo bisogno di sperimentare la situazione con un’immaginazione che non possedevamo il video e che era importante, perché ero sempre attento, ‘Lo suoniamo molto? In quale fase desensibilizzi? “

La chiave del loro successo, ha detto Ellison, è nominare gli avvocati come leader in un comitato e seguaci in altri comitati, per consentire a tutti di contribuire.

Blackwell e Steve Schleicher, uno dei procuratori del processo, hanno affermato che la direzione di Ellison, le riunioni settimanali di Zoom, i gruppi organizzati e compiti e scopi chiaramente definiti hanno facilitato il processo.

READ  L'esercito del Myanmar si impegna a rispettare la costituzione tra i timori di un colpo di stato | Myanmar

“Non era una nave pirata”, ha detto Schleicher.

“Era una nave da guerra ed era pronta per partire.”

Chauvin è stato fotografato in tribunale durante il processo di tre settimane, che ha visto la sua condanna martedì

Chauvin è stato fotografato in tribunale durante il processo di tre settimane, che ha visto la sua condanna martedì

Blackwell (estrema sinistra) ed Ellison (secondo da sinistra) con Chauvin (estrema destra) e il suo avvocato Eric Nelson

Blackwell (estrema sinistra) ed Ellison (secondo da sinistra) con Chauvin (estrema destra) e il suo avvocato Eric Nelson

Concentrandosi su questioni mediche, preparando esperti e delineando domande dietro le quinte, Velazquez-Aguilu ha detto che il senso del lavoro di squadra era forte.

“Tutti erano disposti a portare fuori la spazzatura, a fare letteralmente qualsiasi cosa grande o piccola”, ha detto.

“Non ho mai visto nessuno avere un accenno di ego dire: ‘Beh, sono così importante per fare questa cosa. ”

Tutti erano d’accordo sul fatto che lavorare a distanza non fosse una cosa facile: alcuni di loro non si erano conosciuti di persona fino a quando non avevano lavorato insieme per sei mesi.

“Ci sono stati momenti in cui ti sentivi come se stessi cercando di mescolare olio, acqua e mattoni”, ha detto Blackwell.

Fai un respiro profondo e continui a lavorare. Tutti erano impegnati a trovare il modo migliore per vincere. Abbiamo capito che non potevamo dare nulla per scontato. Questi casi sono difficili.

Il fattore complicante è stato l’accordo di 27 milioni di dollari che Minneapolis ha pagato alla famiglia Floyd, proprio come il caso era all’inizio.

Tuttavia, Ellison ha detto che non era la sua preoccupazione.

Non credo di sapere niente di lei. Di certo non l’ho nemmeno preso in considerazione. Non avevo alcun potere su di lui “, ha detto.

READ  Facilitare il blocco in Inghilterra: cosa cambierà dal 17 maggio | Notizie dal Regno Unito

“Non mi importava, non mi importava.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *