La coalizione polacca è minacciata dal voto del parlamento sul disegno di legge sui media | Polonia

Il futuro del governo di coalizione tripartito della Polonia è in dubbio poiché il parlamento vota mercoledì un controverso disegno di legge sulla proprietà dei media che potrebbe far perdere la licenza alla più grande stazione televisiva indipendente rimasta del paese.

Dopo una notte di proteste a Varsavia e in altre 80 città contro il disegno di legge, che gli oppositori vedono come un tentativo di mettere a tacere una stazione radio spesso critica, il governo ha detto mercoledì di essere fiducioso che avrebbe vinto il voto.

Ma il risultato è tutt’altro che certo dal momento che il primo ministro Mateusz Morawiecki martedì ha licenziato il suo vice, Jaroslav Gawin, il leader del giovane membro della coalizione, per aver criticato la legge, spingendo il partito a ritirarsi formalmente dal governo.

“Conto che le questioni riguardanti la legge sui media avranno la maggioranza in Parlamento e sono sicuro che il governo della destra unita continuerà ad operare”, ha detto alla radio pubblica il portavoce del governo Peter Mueller.

I 13 parlamentari che appartengono ufficialmente al gruppo di consenso nella Camera dei rappresentanti da 460 seggi sono stati sempre più in contrasto con il principale partner di coalizione della destra unita, il partito populista Legge e Giustizia (PiS), e la loro partenza priva il governo. La maggior parte di loro sono single.

Ma non significa automaticamente il crollo del governo guidato dal PiS, che richiede un voto formale di sfiducia in parlamento. Mueller si è detto fiducioso che “un numero sufficiente di parlamentari sosterrà le benefiche riforme che stiamo proponendo”.

READ  Cheney chiede un'indagine penale su Trump nella prima intervista dalla sua cacciata

Gli osservatori hanno affermato che il Partito Legge e Giustizia cercherà di persuadere i deputati del partito Al-Wefaq a rompere la linea del partito e cercherà anche di conquistare un numero sufficiente di deputati indipendenti per assicurarsi una maggioranza, con I media polacchi parlano di critiche E altri incentivi offerti.

Gowen ha affermato che il suo partito sta lasciando il governo “a testa alta” dopo aver espresso profondi disaccordi sui cambiamenti fiscali previsti – il cosiddetto “accordo polacco”, volto a vincere la rielezione del governo nel 2023 – e un disegno di legge sui media.

Se approvata, la legge sulle trasmissioni impedirebbe a qualsiasi stazione televisiva di essere posseduta in maggioranza da società al di fuori dello Spazio economico europeo, costringendo US Discovery Group a vendere la maggior parte della sua partecipazione in TVN, la principale rete privata polacca.

“Questa legge viola chiaramente il principio della libertà dei media”, ha detto Gwin, aggiungendo che il cambiamento “ci spingerebbe al confronto con gli Stati Uniti, che sono il nostro più importante alleato dal punto di vista della difesa”.

La piattaforma civica dell’opposizione, guidata da luglio dall’ex primo ministro polacco e presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, è determinata a sconfiggere il PiS e ha colto la libertà dei media come una questione che potrebbe unire un’ampia coalizione di opposizione.

Radosław Sikorski, ex ministro degli esteri di Tusk ed eurodeputato al Parlamento europeo, ha twittato mercoledì: “Il nostro parlamento voterà oggi per squalificare TVN, la più grande stazione televisiva indipendente polacca di proprietà americana. Se il disegno di legge verrà approvato, probabilmente supereremo il punto. di non ritorno verso un autoritarismo cleptocratico”.

READ  La casa del vicepresidente Kamala Harris ispirata alla famiglia reale in un grande cenno alla regina | Royal | notizia

Il governo nega che la misura si rivolga a qualsiasi stazione radio, affermando che cerca di impedire la possibile acquisizione dei media da parte di paesi extra UE come Russia e Cina e ha respinto le proposte per limitare il divieto di proprietà ai paesi non OCSE.

Ma la mossa arriva sulla scia di una repressione governativa in corso sui media polacchi, in cui i servizi pubblici come la stazione televisiva statale TVP sono diventati organi di propaganda del partito al governo, mentre i media privati ​​e indipendenti sono stati costantemente esclusi attività commerciale.

Washington ha esortato Varsavia a ripensarci, affermando che la legge proposta danneggerebbe inevitabilmente “la difesa, le relazioni commerciali e commerciali” tra la Polonia e gli Stati Uniti. Centinaia di giornalisti ed editori polacchi hanno anche firmato una lettera aperta chiedendo al governo di fermare “la distruzione della libertà dei media nel nostro paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *