La Cina nomina l’ex capo della sicurezza intransigente come nuovo leader di Hong Kong dopo l’elezione individuale | notizie dal mondo

Il prossimo leader di Hong Kong sarà il capo della sicurezza noto per la sua repressione del movimento pro-democrazia della città.

L’ex agente di polizia John Lee è stato l’unico candidato “elettorale” a scegliere il successore di Carrie Lam come amministratore delegato di Hong Kong.

Il 64enne aveva già il sostegno di più della metà dei 1.500 membri della Commissione elettorale e aveva bisogno solo della maggioranza per vincere, cosa che ha fatto con più di 1.400 voti.

Parlando venerdì, ha promesso un approccio “orientato ai risultati”, dicendo: “Hong Kong dovrebbe cogliere l’occasione.

“Non possiamo aspettare, non possiamo fare tardi.

“Dovremo promuovere Hong Kong come città internazionale per sviluppare il potenziale di Hong Kong come società libera e aperta, per collegare la Cina continentale con il mondo”.

Mr. Lee sostituirà Carrie Lam il 1° luglio.

Il signor Lee è stato ministro della sicurezza durante le proteste a favore della democrazia del 2019 e ha supervisionato la risposta violenta ai manifestanti.

supportato Legge sulla sicurezza nazionale Ha assistito all’arresto di oltre 150 persone con l’accusa di sabotaggio, separatismo, terrorismo e collusione con forze straniere.

Gli Stati Uniti lo hanno sanzionato dopo che il disegno di legge è diventato legge nel 2020, criticato per aver “minato l’autonomia di Hong Kong e limitato la libertà di espressione o di riunione”.

foto:
Il signor Lee stava cercando di presentare un’immagine più morbida durante la sua “campagna” per votare

Il processo di selezione del signor Lee è stato messo sotto accusa mentre Pechino cerca di dare l’impressione di democrazia pur mantenendo uno stretto controllo sul risultato.

READ  Incendi boschivi in ​​Grecia: i residenti evacuati e l'Acropoli costretta a chiudere mentre gli incendi infuriano vicino ad Atene

La commissione elettorale ha votato a scrutinio segreto ma sono stati tutti attentamente controllati e anche i quattro ex amministratori delegati della città sono stati effettivamente scelti da Pechino.

Movimenti elettorali

“Anche i regimi autoritari di oggi si sentono obbligati a perseguire movimenti elettorali per conferire maggiore legittimità alle loro popolazioni ea livello internazionale”, ha affermato Yvonne Chiu, professoressa presso l’US Naval War College che ha scritto sulla politica di Hong Kong.

Leggi di più:
Hong Kong testata democratica chiusa dopo raid della polizia, arresti
Carrie Lam dice che non si candiderà per un secondo mandato dopo aver supervisionato la nuova e rigida legge sulla sicurezza

Mentre i 7,4 milioni di residenti di Hong Kong godono ancora di più libertà rispetto a quelli in Cina, il Partito Comunista ha rafforzato la sua presa negli ultimi anni.

Il dissenso è stato praticamente eliminato, con i critici del governo imprigionati, intimiditi al silenzio o costretti a fuggire all’estero.

Solo i fedeli a Pechino possono entrare in carica

Le modifiche alle leggi elettorali di Hong Kong lo scorso anno hanno limitato le posizioni politiche ai lealisti di Pechino.

I giovani professionisti costituiscono un gran numero di coloro che lasciano la città, un duro colpo per la reputazione di un luogo un tempo considerato uno dei principali centri commerciali dell’Asia.

nel mese di marzo , La Gran Bretagna ha respinto due giudici Che è stato fissato nelle alte corti di Hong Kong, dove il ministro della Giustizia Dominic Raab ha affermato che il divieto di “libertà di espressione e critica onesta allo Stato … contravviene al nostro accordo di estradizione con la Cina dal 1997”.

READ  Muore in carcere l'ex guerrigliero del Nicaragua che aveva aiutato a liberare Daniel Ortega | Nicaragua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *