La Cina ha segnalato tre casi umani di influenza aviaria H5N6

Altre tre persone nella Cina continentale sono risultate positive al virus dell’influenza aviaria H5N6, hanno detto i funzionari. Gli esperti hanno chiesto una maggiore sorveglianza in mezzo a un’ondata di casi umani negli ultimi mesi.

La Commissione sanitaria provinciale del Guangdong ha dichiarato giovedì che un uomo di 52 anni della città di Dongguan è risultato positivo all’influenza aviaria H5N6. “Il paziente è attualmente in cura in un ospedale designato a Dongguan”, ha affermato la commissione.

Altri dettagli sulle condizioni dell’uomo non sono stati immediatamente divulgati e la dichiarazione del comitato sanitario non ha detto perché l’uomo fosse stato contagiato. Ha detto che si ritiene che il rischio di trasmissione da uomo a uomo sia basso.

Un altro caso è stato segnalato a Yongzhou, provincia di Hunan, dove un contadino è stato ricoverato in condizioni critiche. Il 66enne si è ammalato alla fine di settembre e i campioni raccolti da uccelli domestici nel suo cortile sono risultati positivi all’influenza aviaria (H5), secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

I funzionari cinesi hanno rivelato un altro caso, che coinvolge una donna di 58 anni della provincia di Hunan, in una riunione dell’Organizzazione mondiale della sanità a settembre, secondo un nuovo rapporto dell’agenzia. La donna si è ammalata il 28 agosto ma il caso non è stato riportato al pubblico. Nessun dettaglio è stato rivelato sulle sue condizioni.

I funzionari cinesi forniscono solo informazioni limitate sui casi umani di influenza aviaria H5N6 e spesso occorrono settimane prima che i casi vengano segnalati pubblicamente dall’Organizzazione mondiale della sanità. La maggior parte dei casi è stata segnalata per la prima volta dal Dipartimento della salute di Hong Kong, che sta monitorando da vicino i casi umani.

READ  Universo, abbiamo un problema: la NASA indaga sull'interruzione del telescopio spaziale Hubble

Solo 52 persone hanno contratto l’influenza aviaria H5N6 dal primo caso confermato nel 2014, ma 20 sono stati segnalati negli ultimi quattro mesi e più della metà di tutti i casi sono stati segnalati solo quest’anno. Fare clic qui per un elenco di tutti i casi umani fino ad oggi.

Il virus H5N6 è noto per causare gravi malattie negli esseri umani di tutte le età e ha ucciso quasi la metà delle persone infette, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Non ci sono casi confermati di trasmissione da uomo a uomo, ma una donna di 61 anni risultata positiva al virus a luglio ha negato il contatto con pollame vivo.

Uno studio pubblicato dal Centro cinese per il controllo delle malattie a settembre ha identificato diverse mutazioni in due recenti casi di influenza aviaria H5N6. I ricercatori hanno avvertito che “la tendenza crescente dell’infezione umana con il virus dell’influenza aviaria è diventata un importante problema di salute pubblica che non può essere ignorato”.

Anche Theis Kuyken, professore di patologia comparata presso l’Erasmus University Medical Center di Rotterdam, ha espresso preoccupazione per il numero crescente di casi. “Questa alternativa potrebbe essere più contagiosa (per le persone)… o potrebbe esserci più di questo virus nel pollame al momento ed è per questo che più persone vengono infettate”, ha detto Quicken martedì.

All’inizio di questo mese, un portavoce dell’OMS ha affermato che è “urgentemente necessaria” una maggiore sorveglianza per comprendere meglio il numero crescente di casi umani. Il portavoce ha aggiunto che il rischio di trasmissione da uomo a uomo rimane basso perché l’H5N6 non ha acquisito la capacità di trasmettere continuamente tra gli esseri umani.

READ  Le zanzare a Louisville risultano positive al virus del Nilo occidentale

Nel frattempo, un rapporto del Centro europeo per il controllo delle malattie ha espresso preoccupazione per la scoperta di virus H5N6 con segni di adattamento dei mammiferi. “Ulteriori segnalazioni di eventi di trasmissione ai mammiferi, come foche e volpi, nonché prove sieroepidemiologiche di trasmissione ai cinghiali, potrebbero indicare processi evolutivi, compreso l’adattamento ai mammiferi con il potenziale per acquisire la capacità di trasmettere agli esseri umani”, il rapporto dichiarato. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *