La centrale di ossigeno donata dall’Italia apre all’ospedale gestito da IDPP: The Tribune India

Tribune News Service

Nuova Delhi, 6 maggio

L’impianto di produzione di ossigeno medicale, inviato dall’Italia per far fronte all’emergenza sanitaria Covit-19 in India e in grado di aiutare fino a 100 pazienti contemporaneamente, è stato messo in funzione giovedì presso il CAPF Hospital di Greater Noida.

I funzionari hanno detto che i macchinari per l’impianto sono stati portati in India su un volo speciale pochi giorni fa ed è stato parcheggiato presso il centro CAPF Referral Hospital.

“L’ambasciatore italiano in India Vincenzo de Luca si è trasferito nello stabilimento nel corso di una cerimonia alla presenza di alti funzionari dell’ITPP. L’impianto sarà installato e operativo entro 48 ore nei locali dell’ospedale, ha detto la Border Security Force”.

Fornirà ossigeno medico agli oltre 100 letti Govit-19 disponibili presso l’ospedale. Il CAPF Hospital è composto principalmente da personale di varie organizzazioni di polizia e paramilitari, dalle loro famiglie e dai soldati di queste forze che operano sotto il comando del Ministero degli affari interni dell’Unione (MHA).

Parlando del processo di accensione, Luca ha detto che l’impianto sarebbe rimasto in ospedale “permanentemente” ed è stato un segno di amicizia e solidarietà tra i due paesi.

Descrivendo come alcuni turisti italiani sono stati trattati in India presso l’IDBP Medical Center quando Govind ha firmato il contratto l’anno scorso, ha detto: “Non abbiamo dimenticato questo (gesto dell’India) … Questa amicizia e solidarietà con l’India continuerà …”

READ  Cleotna Moloni afferma che l'Irlanda si concentrerà sul conflitto italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *