La Casa Bianca conferma la comunicazione con la Corea del Nord attraverso i “canali”

La Casa Bianca ha confermato lunedì che l’amministrazione ha contattato la Corea del Nord attraverso “canali” non dichiarati – ma il paese non ha ancora risposto.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jane Psaki ha affermato che gli Stati Uniti non hanno ricevuto “ nessuna risposta ” nonostante il coinvolgimento, dopo una serie di chiamate durante l’amministrazione Trump seguite da un congelamento alla fine del mandato di Trump.

Quindi posso confermare che abbiamo contattato. Ovviamente, abbiamo … tutti i canali che abbiamo sempre avuto a cui possiamo accedere.

La diplomazia è sempre il nostro obiettivo. Ha detto che il nostro obiettivo è ridurre il rischio di escalation.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jane Psaki ha confermato lunedì che gli Stati Uniti hanno contattato la Corea del Nord attraverso i canali diplomatici ma non hanno ricevuto risposta.

Ma finora gli sforzi non sono stati ripagati. “Non abbiamo ancora ricevuto alcuna risposta”, ha detto Psaki alla Casa Bianca.

Psaki ha descritto la natura dello sforzo, dicendo vagamente che gli Stati UnitiConcentrati sulla consultazione dei molti ex funzionari governativi che erano coinvolti nella politica della Corea del Nord, anche da diverse amministrazioni precedenti. Abbiamo e continueremo a impegnarci con altri alleati giapponesi e sudcoreani per ottenere input ed esplorare nuovi approcci. Stiamo ascoltando attentamente le loro idee, anche attraverso consultazioni tripartite.

Dopo che la Corea del Nord è stata sottoposta a pressioni per non aver risposto, Psaki ha risposto: “Questo avviene dopo più di un anno senza un dialogo attivo con la Corea del Nord, nonostante i molteplici tentativi di partecipazione degli Stati Uniti. Quindi la diplomazia … è ancora la nostra massima priorità. Ce l’abbiamo “. Penso che ci si possa aspettare che ci sarà una continua espansione dell’impegno con i partner e gli alleati nella regione.

L'amministrazione Biden è stata finora cauta nel descrivere pubblicamente il suo approccio alla Corea del Nord, affermando che sta conducendo una revisione politica completa sulla scia dell'impegno senza precedenti dell'ex presidente Donald Trump con il leader nordcoreano Kim Jong Un.

L’amministrazione Biden è stata finora cauta nel descrivere pubblicamente il suo approccio alla Corea del Nord, affermando che sta conducendo una revisione politica completa sulla scia dell’impegno senza precedenti dell’ex presidente Donald Trump con il leader nordcoreano Kim Jong Un.

Un rapporto riservato delle Nazioni Unite ha rilevato che il regime di Kim Jong Un aveva mantenuto e sviluppato i suoi programmi di missili nucleari e balistici per tutto il 2020 in violazione delle sanzioni internazionali, contribuendo a finanziarlo con quasi 300 milioni di dollari rubati attraverso violazioni informatiche.

Un rapporto riservato delle Nazioni Unite ha rilevato che il regime di Kim Jong Un aveva mantenuto e sviluppato i suoi programmi di missili nucleari e balistici per tutto il 2020 in violazione delle sanzioni internazionali, contribuendo a finanziarlo con quasi 300 milioni di dollari rubati attraverso violazioni informatiche.

Sabato un alto funzionario dell’amministrazione ha detto a Reuters che gli Stati Uniti avevano contattato la missione di Pyongyang presso le Nazioni Unite.

L’impegno finora infruttuoso degli Stati Uniti solleva interrogativi su come Biden affronterà le crescenti tensioni con Pyongyang sulle sue armi nucleari e sui suoi programmi di missili balistici. Arriva anche mentre la nuova squadra di Biden si occupa di altre questioni relative all’interruzione, compresi gli sforzi per riavviare l’accordo nucleare iraniano e gestire il ritiro pianificato delle truppe dall’Afghanistan.

Aggiunge anche una nuova dimensione alla visita del capo diplomatico e segretario alla difesa degli Stati Uniti la prossima settimana in Corea del Sud e Giappone, dove le preoccupazioni per l’arsenale nucleare della Corea del Nord dovrebbero essere in cima all’agenda.

L’alto funzionario dell’amministrazione Biden, che ha parlato in condizione di anonimato, ha fornito pochi dettagli sulla spinta diplomatica. Ma il funzionario ha detto che ci sono stati sforzi per raggiungere il governo nordcoreano “attraverso diversi canali a partire da metà febbraio, anche a New York”.

READ  Terza guerra mondiale: Putin emette una dichiarazione che avverte l'Ucraina di essere grata alla Russia | mondo | Notizia

La missione nordcoreana alle Nazioni Unite non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

L’amministrazione Biden è stata finora cauta nel descrivere pubblicamente il suo approccio alla Corea del Nord, affermando che sta conducendo una revisione politica completa sulla scia dell’impegno senza precedenti dell’ex presidente Donald Trump con il leader nordcoreano Kim Jong Un.

Gli sforzi di Trump per convincere la Corea del Nord a rinunciare alle sue armi nucleari sono falliti.

Un funzionario dell’amministrazione Biden ha detto che sembrava che non ci fosse stato un dialogo attivo tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord per più di un anno, anche alla fine dell’amministrazione Trump, “ nonostante i molteplici tentativi durante quel periodo da parte degli Stati Uniti di partecipare. ”

Il funzionario statunitense ha rifiutato di ipotizzare come il silenzio di Pyongyang avrebbe influenzato la revisione della politica della Corea del Nord da parte dell’amministrazione Biden, che avrebbe dovuto essere completata nelle prossime settimane.

Durante la sua campagna elettorale, Biden ha descritto Kim come un “delinquente” e ha detto che lo avrebbe incontrato solo “fintanto che avesse acconsentito a ridurre la sua capacità nucleare”.

Il ministro degli Esteri Anthony Blinken ha sottolineato la possibilità di ulteriori sanzioni, in coordinamento con gli alleati, per fare pressione sulla Corea del Nord a denuclearizzare.

Finora le sanzioni non sono riuscite a convincere Kim a rinunciare alle sue armi nucleari.

Blinken ospiterà le prime discussioni faccia a faccia tra la massima amministrazione Biden e funzionari cinesi il 18 marzo in Alaska. L’amministrazione Trump ha accusato la Cina di non aver imposto sanzioni alla Corea del Nord.

READ  Trump ha detto che Hitler "ha fatto molte cose buone", afferma un nuovo libro

Un rapporto confidenziale delle Nazioni Unite ha rilevato che la Corea del Nord ha mantenuto e sviluppato i suoi programmi di missili nucleari e balistici per tutto il 2020 in violazione delle sanzioni internazionali, contribuendo a finanziarla con quasi 300 milioni di dollari rubati a causa di violazioni informatiche.

Il rapporto, preparato da ispettori indipendenti delle sanzioni, afferma che Pyongyang “ha prodotto materiali fissili, mantenuto i suoi impianti nucleari e sviluppato la sua infrastruttura missilistica balistica”, pur continuando a cercare materiali e tecnologia per questi programmi dall’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *