La carenza di manodopera in Ungheria porta il governo a cercare lavoratori all’estero

Una vista dell’emblema del Monte dei Paschi di Siena (MPS), la banca più antica del mondo, che sta affrontando licenziamenti di massa nell’ambito di una prevista fusione istituzionale, a Siena, in Italia. Fotografia: Jennifer Lorenzini/Reuters

Quattro anni dopo aver speso 5,4 miliardi di euro (6,3 miliardi di dollari) per salvarlo, la Roma è in trattativa per la cessione del Monte dei Paschi (BMPS.MI) a UniCredit (CRDI.MI) e ha ridotto la sua partecipazione del 64% nella Banca Toscana, Valentina Zaa scrive, Reuters.

Di seguito una cronologia dei principali eventi della storia recente del Monte dei Paschi (MPS), che ne ha fatto l’epitome dell’incubo bancario italiano.

Annunci

Novembre 2007 – MBS acquista Antonfinita da Santander (san mk) per 9 miliardi di euro in contanti, pochi mesi dopo che la banca spagnola ha pagato 6,6 miliardi di euro al prestatore regionale italiano.

Gennaio 2008 – MBS ha annunciato un’emissione di diritti da 5 miliardi di euro, uno strumento finanziario convertibile da 1 miliardo di euro chiamato Fresh 2008, un’obbligazione ibrida azionaria da 2 miliardi di euro e un prestito ponte di 1,95 miliardi di euro per finanziare l’operazione Antonveneta.

Marzo 2008 – La Banca d’Italia, guidata da Mario Draghi, accetta di acquisire Antonfinetta a condizione che MBS ricostituisca il proprio capitale.

Annunci

Marzo 2009 – MBS vende 1,9 miliardi di euro di obbligazioni private al Tesoro italiano per risanare le proprie finanze.

Luglio 2011 – MPS ha raccolto 2,15 miliardi di euro in una causa sui diritti prima dei risultati degli stress test europei.

Settembre 2011 – La Banca d’Italia ha fornito 6 miliardi di euro di liquidità di emergenza a MPS attraverso operazioni di riacquisto mentre la crisi del debito sovrano dell’eurozona si intensificava.

Dicembre 2011 – L’Autorità bancaria europea fissa il deficit di capitale di MPS a 3,267 miliardi di euro come parte di una raccomandazione generale per 71 istituti di credito di aumentare le loro riserve di capitale.

READ  Aggiornamento 2- L'Italia ha bisogno di un sistema giudiziario più veloce per aiutare le banche ad affrontare il problema del prestito - Visco

Febbraio 2012 – MPS ha ridotto il proprio fabbisogno di capitale di 1 miliardo di euro convertendo strumenti di capitale misto in azioni.

Marzo 2012 – MPS ha subito una perdita di € 4,7 miliardi nel 2011 dopo aver cancellato miliardi dall’avviamento in operazioni tra cui Antonveneta.

Maggio 2012 – La polizia italiana perquisisce la sede di MPS mentre i pubblici ministeri indagano se ha indotto in errore i regolatori sull’acquisizione di Antonveneta.

Giugno 2012 – MPS afferma di aver bisogno di 1,3 miliardi di euro di capitale per conformarsi alla raccomandazione dell’EBA.

Giugno 2012 – Mps ha chiesto al Tesoro italiano di garantire fino a 2 miliardi di euro di obbligazioni private.

Ottobre 2012 – Gli azionisti hanno approvato un’emissione di azioni da 1 miliardo di euro rivolta a nuovi investitori.

Febbraio 2013 – MPS comunica che le perdite sui tre contratti derivati ​​2006-2009 ammontano a 730 milioni di euro.

Marzo 2013 – MPS perde 3,17 miliardi di euro nel 2012, trascinata al ribasso dai prezzi delle sue grandi partecipazioni in titoli di stato italiani.

Marzo 2014 – MPS registra una perdita netta 2013 di 1,44 miliardi di euro.

Giugno 2014 – MPS ha raccolto 5 miliardi di euro in un caso di diritti fortemente scontati e ha rimborsato allo Stato 3,1 miliardi di euro.

Ottobre 2014 – MPS è risultata la peggiore performance negli stress test europei con un deficit di capitale di 2,1 miliardi di euro.

Ottobre 2014 – Il presidente, amministratore delegato ed ex direttore finanziario di MPS viene condannato a tre anni e mezzo di carcere dopo essere stato giudicato colpevole di aver ingannato le autorità di regolamentazione.

READ  La Sicilia ha registrato la temperatura più alta mai registrata in Europa; Un morto negli incendi nel sud Italia

Novembre 2014 – MPS prevede di raccogliere fino a 2,5 miliardi di euro dopo i risultati dello stress test.

Giugno 2015 – MBS ha raccolto 3 miliardi di euro in contanti mentre ha aumentato la sua emissione di diritti dopo aver registrato una perdita netta di 5,3 miliardi di euro per il 2014 a causa di svalutazioni record di crediti inesigibili. Rimborsa il resto degli 1,1 miliardi di euro in obbligazioni private garantite dallo Stato.

Luglio 2016 – MBS ha annunciato una nuova emissione di diritti da 5 miliardi di euro e prevede di scaricare 28 miliardi di euro di crediti inesigibili poiché gli stress test mostrano che le banche europee avranno un patrimonio netto negativo in una recessione.

Dicembre 2016 – MPS si rivolge allo Stato per chiedere aiuto nell’ambito del piano di ricapitalizzazione prudenziale dopo il fallimento della chiamata in contanti. La Banca centrale europea fissa il fabbisogno di capitale della banca a 8,8 miliardi di euro.

Luglio 2017 – Dopo che la Banca Centrale Europea ha annunciato la capacità del MPS di ripagare il debito, la Commissione Ue autorizza il salvataggio del Paese da 5,4 miliardi di euro in cambio di una quota del 68%. Gli investitori privati ​​contribuiscono con 2,8 miliardi di euro, per un totale di 8,2 miliardi di euro.

Febbraio 2018 – MPS registra profitti nel 2018 ma afferma che le sue previsioni aggiornate non raggiungono gli obiettivi di ristrutturazione concordati nell’UE.

Ottobre 2018 – MBS ha completato la più grande operazione di cartolarizzazione di crediti inesigibili in Europa, eliminando 24 miliardi di euro di crediti inesigibili.

Febbraio 2020 – MPS subisce una perdita di 1 miliardo di euro per l’anno 2019.

READ  Southwest became the last major US airline to ban emotional support animals

Maggio 2020 – L’amministratore delegato Marco Morelli si dimette per sollecitare la Roma ad assicurarsi un partner per MPS il prima possibile. Al suo posto c’è il 5 stelle Guido Bastianini.

Agosto 2020 – L’Italia ha impegnato 1,5 miliardi di euro per aiutare MPS mentre lavora per rispettare la scadenza della riprivatizzazione della metà del 2022.

Ottobre 2020 – Gli azionisti di MPS hanno approvato un piano sponsorizzato dallo Stato per ridurre i crediti deteriorati al 4,3% del totale degli impieghi. La quota dell’Italia scende al 64% mentre il decreto apre la strada alla sua cessione.

Ottobre 2020 – Un tribunale di Milano accusa l’ex amministratore delegato di MPS e presidente di falso in bilancio in una decisione a sorpresa che costringe MPS a rafforzare le disposizioni legali sui rischi.

Dicembre 2020 – MBS afferma di aver bisogno di un capitale fino a 2,5 miliardi di euro.

Dicembre 2020 – L’Italia ha concordato incentivi fiscali per le fusioni bancarie di 2,3 miliardi di euro di interessi per gli acquirenti MPS.

Gennaio 2021 – MPS dice che sta aprendo i suoi libri a potenziali partner.

Febbraio 2021 – MPS subisce una perdita di 1,69 miliardi di euro per il 2020.

Aprile 2021 – Andrea Orsel assume la carica di amministratore delegato di UniCredit.

Luglio 2021 – UniCredit è in trattative esclusive con il Tesoro italiano per acquistare “parti selezionate” di MPS, un giorno prima che i risultati di uno stress test bancario europeo mostrino che il capitale della banca più piccola sarà spazzato via in una recessione.

(1 dollaro = 0,85 euro27)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *