La capsula Boeing Starliner torna nell’hangar per la risoluzione dei problemi delle valvole – Spaceflight Now

Giovedì mattina il razzo Atlas 5 della United Launch Alliance e la piattaforma di partenza della capsula Starliner 41 di Boeing alla stazione della forza spaziale di Cape Canaveral. credito: Boeing

Le squadre di terra a Cape Canaveral hanno restituito la capsula Starliner con equipaggio Boeing e il missile Atlas 5 della United Launch Alliance all’interno del loro hangar di assemblaggio giovedì per risolvere ulteriormente il comportamento anomalo delle valvole all’interno del sistema di propulsione Starliner.

Senza una soluzione rapida, i tecnici dovranno rimuovere il veicolo spaziale dal razzo Atlas 5 per un lavoro più intenso, che potrebbe ritardare di mesi la missione Starliner Orbital Flight Test-2 senza equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale.

ULA ha già adottato misure per premunirsi contro la possibilità di smantellare il missile Starliner Atlas 5 per consentire all’azienda di passare ad altri compiti nel suo programma di lancio. Prima di riportare l’Atlas 5 nell’ovile, ULA ha svuotato il serbatoio del carburante del primo stadio di kerosene.

In piedi su una piattaforma di lancio mobile, il razzo da 172 piedi (52,4 metri) vola fuori dalla piattaforma di lancio sulla piattaforma 41 presso la Cape Canaveral Space Force Station e torna alla struttura di integrazione verticale presso l’ULA nella tarda mattinata di giovedì.

Con Atlas 5 e Starliner che sono tornati al VIF, i lavoratori hanno pianificato di installare le piattaforme di accesso e iniziare un altro giro di risoluzione dei problemi nel tentativo di scoprire perché le valvole di spinta all’interno del veicolo spaziale sono apparse in luoghi inaspettati.

Il problema alla valvola ha indotto Boeing a ordinare uno scrub durante il tentativo di lancio di martedì. Boeing ha affermato che ulteriori controlli hanno escluso una serie di potenziali cause, incluso il software.

Gli ingegneri hanno notato che i fusibili si stavano comportando male dopo che un temporale è passato sulla rampa di lancio lunedì. Boeing ha affermato che il maltempo sembra essere una causa improbabile del problema, ma le squadre all’interno del VIF controlleranno le capsule di spinta del veicolo spaziale per danni causati da acqua o elettricità.

READ  NASA's Curiosity spacecraft celebrates 3,000 days on Mars with an intense panorama

Ma non tutti i canili sono accessibili in VIF e i comandi per azionare le valvole mentre la navicella è sulla rampa di lancio non hanno comportato alcun cambiamento negli indicatori di posizione.

Le valvole del sistema di spinta in questione si trovano all’interno del modulo di servizio Starliner, che contiene una serie di propulsori a razzo progettati per allontanare il veicolo spaziale dal lanciarazzi durante un’emergenza in volo. Altri propulsori nel modulo di servizio vengono utilizzati per le manovre in orbita e il controllo dello sterzo dei veicoli spaziali.

Boeing ha dichiarato in una dichiarazione che uno dei primi passi dopo aver restituito il veicolo spaziale alla Stazione Spaziale Internazionale è stato quello di far funzionare la capsula Starliner, che richiede diverse ore. Quindi gli ingegneri inviano ordini per far funzionare le valvole. Se ciò non funziona, i team possono provare a controllare le valvole utilizzando metodi diversi.

“Permettiamo ai dati di guidare il nostro processo decisionale e non voleremo fino a quando i nostri team integrati non si sentiranno a proprio agio e fiduciosi”, ha affermato John Vollmer, vicepresidente e program manager per il programma Commercial Crew di Boeing.

Le fonti hanno affermato che le prossime possibilità di lancio della missione Starliner sono sabato e domenica, ma è improbabile che i controlli e i test dello Starliner – e qualsiasi potenziale problema relativo al modulo di servizio – vengano completati in tempo per il lancio del fine settimana.

Se il problema alla valvola persiste, si prevede che Boeing staccherà la capsula Starliner dalla parte superiore del razzo Atlas 5 e la riporterà alla fabbrica di veicoli spaziali dell’azienda presso il vicino Kennedy Space Center.

Ciò contrapporrebbe il programma di lancio della missione OFT-2 a diverse altre importanti missioni della NASA nei prossimi due mesi.

Il lancio della capsula SpaceX Cargo Dragon è previsto per il 28 agosto e utilizzerà la stessa porta di attracco della navicella spaziale Starliner. La navicella Dragon occuperà il porto di attracco della stazione spaziale fino a fine settembre.

READ  Una donna con una rara malattia muscolare canta per esercitare i polmoni

La Lucy Science Probe della NASA dovrebbe decollare durante un periodo di lancio planetario di 23 giorni il 16 ottobre. Come la missione Starliner, Lucy utilizzerà un razzo Atlas 5 della United Launch Alliance per lasciare la Terra e dirigersi verso il Sistema Solare per incontrare otto asteroidi, un record per una singola missione.

Lucy può essere licenziata solo quando la Terra è nella posizione corretta nella sua orbita attorno al Sole, rispetto agli obiettivi di asteroidi. La missione robotica ha un periodo di lancio di riserva nell’ottobre 2022, ma il veicolo spaziale è già stato spedito dallo stabilimento Lockheed Martin in Colorado a Cape Canaveral per iniziare i preparativi finali per il lancio.

Un altro lancio di Atlas 5 è stato programmato per l’inizio di settembre, trasportando satelliti sperimentali per il programma di test spaziali dell’esercito americano. Questa missione, designata STP-3, potrebbe dover essere ritardata fino a dopo il lancio di Lucy a seguito del ritardo nel lancio della missione Starliner OFT-2.

Se è probabile che siano necessarie più di due settimane per risolvere il problema della valvola Starliner, l’ULA dovrebbe smantellare il lanciatore Atlas 5 e iniziare a impilare il prossimo missile Atlas 5 da lanciare da Cape Canaveral. Con così poco tempo per adattarsi alla missione STP-3, questo sarà probabilmente il missile Atlas 5 a lanciare Lucy.

ULA ha anche un razzo Atlas 5 programmato per il lancio il 16 settembre dalla Vandenberg Space Force Base in California con il satellite Landsat 9 Earth Imaging della NASA e l’US Geological Survey. L’azienda ha bisogno di circa una settimana tra il lancio di Atlas 5 da Vandenberg e Cape Canaveral. Se il lancio di Landsat 9 continua il 16 settembre, ciò impedirà il lancio di qualsiasi missione Atlas 5 dalla Florida per alcune settimane a metà settembre.

READ  La NASA lotta per correggere un difetto nel computer del telescopio spaziale Hubble

Una volta che la missione OFT-2 sarà approvata per il decollo, la navicella spaziale Starliner attraccherà alla stazione spaziale, dove l’equipaggio del laboratorio aprirà i portelli della capsula dell’equipaggio. I membri dell’equipaggio della stazione scaricheranno diverse centinaia di libbre di carico e ispezioneranno il compartimento dell’equipaggio della capsula.

Un manichino di prova chiamato “Rosie the Rocketeer” occuperà uno dei sedili della capsula in OFT-2.

La capsula dell’equipaggio Starliner è stata lanciata in una missione di prova del problema OFT-1 nel 2019 che non è riuscita a raggiungere la stazione spaziale. Boeing e la NASA hanno accusato la missione fallita di errori di programmazione del software e i manager affermano che ulteriori test hanno risolto i problemi relativi al software prima di questa missione.

Boeing ha sviluppato il veicolo spaziale CST-100 Starliner sotto contratto con la NASA, che ha accordi simili con SpaceX per il programma Crew Dragon dell’azienda. La capsula SpaceX ha iniziato a trasportare gli astronauti sulla stazione spaziale l’anno scorso e Boeing è ora indietro di oltre un anno.

Entrambe le società hanno contratti con la NASA per almeno sei missioni commerciali dell’equipaggio verso le stazioni spaziali. SpaceX ha già lanciato due voli operativi di rotazione dell’equipaggio.

Prima che Boeing passi al suo primo volo di prova con equipaggio, i manager della NASA vogliono assicurarsi che l’appaltatore abbia risolto i problemi del programma che hanno accorciato il volo di prova per il 2019. Il volo di prova Starliner dimostrerà anche i sistemi di rendezvous e di attracco del veicolo spaziale, che non sono stati utilizzati nella missione 2019. .

Invia una mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Tweet incorporato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *