La banca centrale prevede che l’economia italiana cresca del 5% quest’anno

(XINHUA) ROMA, 6 LUG. L’impatto positivo della campagna di vaccinazione italiana sullo sviluppo della pandemia di coronavirus ha dato impulso alla ripresa economica del Paese, che quest’anno è la terza economia della zona euro. Martedì, la banca ha dichiarato che le permetterà di crescere di circa il 5%.

Intervenendo alla riunione annuale della Banca d’Italia (ABI) tramite Videolink, Inhazio Bisco ha affermato: “La ripresa economica è dovuta al rapido ritmo delle campagne di vaccinazione e al relativo miglioramento della salute. Si sta rafforzando”.

In una riunione alla presenza del ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco, Bisco aveva precedentemente annunciato alcune previsioni che la Banca d’Italia rilascerà nel prossimo bollettino economico del 16 luglio.

Nelle ultime notizie, “Invieremo un aggiornamento delle previsioni. Secondo le stime attuali… il tasso di crescita medio annuo potrebbe aggirarsi intorno al 5% e possiamo recuperare più della metà di ciò che abbiamo perso nel 2020.. PIL”.

Tuttavia, la banca centrale ha avvertito che questo scenario dipende fortemente dalla capacità del Paese di “stabilizzare il contenimento delle infezioni” mantenendo l’attuale ritmo di circa 500.000 vaccini al giorno.

In caso affermativo, secondo Viscose, la crescita in Italia “sarà aiutata da dinamiche di investimento attive” nella seconda metà di quest’anno. Si prevede che i consumi interni riprendano a un ritmo più lento poiché gli elevati tassi di risparmio delle famiglie registrati durante la pandemia diminuiscono lentamente. L’export italiano beneficerà invece dell’accelerazione della domanda estera.

“Mantenendo buone condizioni monetarie e finanziarie con la politica fiscale, comprese le misure finanziate dall’Europa, la fase di espansione dovrebbe essere integrata e mantenuta nei prossimi due anni”, ha affermato il capo della Banca d’Italia.

READ  Resumption of flights at DFW, Love Field Airports after an FAA ground layover, expected delay - NBC 5 Dallas-Fort Worth

Il Pil italiano è sceso dell’8,9% lo scorso anno, ma “a meno che non venga attuata una forte espansione della politica fiscale e monetaria”, ha detto il ministro dell’Economia al Parlamento ABI.

Franco ha osservato che l’Italia ha registrato un leggero aumento del PIL nel primo trimestre del 2021. Invertendo l’avvertimento della banca centrale, ha anche sottolineato che le prospettive di crescita del Paese dipendono dalla sua capacità di controllare l’epidemia.

“La situazione è migliorata da aprile e siamo stati in grado di allentare le restrizioni ai movimenti e ai contatti sociali, che è stato l’impulso per la ripresa”, ha affermato.

Ha spiegato che la produzione italiana (la seconda più grande dell’UE dopo la Germania) è ora quasi tornata ai livelli pre-pandemia. L’unica eccezione rilevante è il settore tessile e dell’abbigliamento. L’edilizia ha già superato i livelli di produzione registrati all’inizio del 2020, ma la spesa dei consumatori è “ripresa in modo significativo” da maggio.

“Riadattando i risparmi delle famiglie ai livelli pre-pandemia, possiamo sostenere ulteriormente i consumi e stimolare in modo decisivo la crescita dopo il terzo trimestre”, ha affermato.

Le prospettive di crescita del Paese sono state ulteriormente rafforzate dal Piano nazionale di ricostruzione e resilienza del governo presentato di recente all’Unione europea.

I piani di rilancio su larga scala saranno finanziati da un fondo dell’UE di 192 miliardi di euro (227 miliardi di dollari USA) nell’ambito delle misure di ripresa della prossima generazione dell’UE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *