L Catterton vende Dondup per un fondo Made In Italy – WWD

Milano – Il fondo Made in Italy sta aggiungendo un altro marchio di moda al suo portafoglio di marchi consolidato e giovedì ha confermato che sta acquisendo Dondup dai fondi europei e asiatici di L Catterton.

Come riportato, fonti hanno riferito a WWD che il fondo Made in Italy, gestito da Quadrivio e Pambianco, stava cercando di acquisire Dondup e che l’accordo dovrebbe essere completato entro la fine di questa settimana.

Le partecipazioni in Dondup sono state acquisite dalla divisione europea di L Capital nel 2009 e poi da L Capital Asia nel 2015. L Capital fa ora parte di L Catterton. I dettagli finanziari della vendita non sono stati resi noti.

Il gruppo di private equity Made in Italy ha innalzato il target di raccolta fondi a 300 milioni di euro da 200 milioni di euro, di cui oltre il 70 per cento è già stato investito.

Dondup è il settimo investimento del Made in Italy e il quarto nel settore della moda, in linea con l’obiettivo del gruppo di private equity di creare un pilastro della moda. A novembre il fondo ha acquisito la maggioranza di GCDS, il brand di streetwear italiano fondato nel 2015 dai fratelli Giuliano e Giordano Calza, rispettivamente Direttore Creativo e CEO. Ha anche investito nel 120% del marchio Lino, ha acquisito il 70% della sua società madre Palladium Moda nell’autunno del 2018 e lo scorso anno ha acquisito il 60% di Rosantica, il marchio di gioielli e accessori che Michela ha fondato nel 2010. Panero.

Alessio Candi, partner del fondo Made in Italy, ha detto che l’acquisizione di Dondup rafforza la strategia di “investire in aziende italiane bene informate in modo da poter essere per loro uno strumento di crescita e integrazione internazionale”.

READ  The regulator wants only authority to hire fintech firms

Matteo Marzotto, presidente e azionista di Dondup, lascia l’azienda.

“Questa è stata un’esperienza molto positiva per più di quattro anni ed è stata una bella svolta perché Dondup era già un’ottima azienda e ora è più forte e meglio organizzata rispetto al 2016”, ha detto Marzuto in un’intervista.

Marzotto è diventato presidente di Dondup nel settembre 2016 e ha anche preso il merito dell’ex amministratore delegato Marco Casoni per la ristrutturazione e l’aumento dell’EBITDA della società.

“A quel tempo, l’EBITDA ammontava a 9 milioni di euro, e oggi è di 14,2 milioni di euro”, ha detto Marzotto. “Abbiamo attraversato due passaggi molto precisi, conquistando la dimensione di famiglia e cambiato la carnagione in termini di design”.

Marzotto si è avvalso dell’aiuto dell’attuale amministratore delegato Matteo Anchisi, che proseguirà in questa posizione sotto la supervisione del nuovo proprietario e diventerà azionista.

“Sono contento che rimarrà, è un ottimo manager”. Marzotto ha concluso, “Penso che questo sia un ottimo affare per un fondo Made in Italy”.

Come riportato, Marzotto ha intrapreso un’altra avventura nel campo della moda, acquistando due società della filiera italiana dei beni di lusso, formando l’Ambria Holding con due soci, tra cui Casoni, e acquisendo le quote di maggioranza nelle società italiane Zeta Catene e Galvanica Formelli, rispettivamente produttrici di catene. e metalli. Dettagli, componenti e trattamenti galvanici per accessori moda.

Fondata nel 1999 a Fossombrone, nelle Marche dell’Italia centrale da Massimo Berloni e Manuela Mariotti, Dondup produce collezioni prêt-à-porter uomo e donna interamente made in Italy. Entrambi hanno lasciato l’azienda poco dopo l’arrivo di L Catterton.

Made in Italy Fund prevede di creare un cluster industriale che valorizzerà e rafforzerà le sinergie tra Dondup, 120% Lino e Rosantica.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: la crescita dei servizi statunitensi raggiunge livelli record a maggio

Dondup ha chiuso il 2020 con vendite superiori a 52,6 milioni di euro, con l’Italia che rappresenta il 65% dei suoi ricavi.

L’obiettivo è il piano di espansione e internazionalizzazione di Dondup, CEO del fondo, Mauro Grange. Intendiamo rafforzare il marchio, in particolare negli Stati Uniti, dove già esiste il 120% di Lino e Rosantica, operando con vocazione industriale, attraverso l’accreditamento. . “” Questo nuovo processo rappresenta un altro tassello nella strategia del Gruppo, che si è formata per creare un centro moda “, affermano i meccanismi di interazione già esistenti tra le varie aziende e attraverso un’attenta attenzione agli aspetti di sostenibilità.

Il fondo prevede inoltre di migliorare e rafforzare la posizione del marchio attraverso una strategia di comunicazione che ne accrescerebbe la consapevolezza e l’identità e lo trasformerebbe in un marchio ambizioso.

L’obiettivo è anche quello di sviluppare il canale retail di Dondup attraverso i principali marchi nelle principali capitali in quanto attualmente esiste un solo punto vendita situato a Milano in Via della Spiga. Il fondo prevede inoltre di potenziare il canale online del marchio e aumentare il suo interesse per la sostenibilità.

Anchisi ha affermato che la sua “visione condivisa” con un fondo Made in Italy “ha reso il percorso agevole fin dall’inizio”. Il suo rispetto per la direzione che Dondup ha preso – dal suo passaggio a prodotti 100% Made in Italy al suo attento interesse per gli aspetti della sostenibilità, attraverso il suo desiderio di dirigere il marchio Crescere gradualmente e in modo costruttivo – mi ha convinto a investire insieme al fondo e sono sicuro che raggiungeremo grandi cose insieme “.

READ  Gli investimenti rafforzano la già comprovata capacità dei produttori di yacht turchi

Francesca Rooney, partner operativo del fondo Made in Italy, ha affermato che il nuovo proprietario intende istituire un centro per il riutilizzo, il riciclaggio e la rivendita dei prodotti di jeans, come misura per trasmettere i valori di sostenibilità e onestà del marchio e per aumentare fedeltà del cliente tra le giovani generazioni. ”Il denim è un prodotto essenziale per il marchio.

Nel 2018, Dondup ha collaborato con il rispettato e innovativo stabilimento italiano Candiani per creare il tessuto denim D / Zero, che utilizza il 50% in meno di acqua e il 70% in meno di prodotti chimici rispetto al Denim Candiani, che è già considerato innovativo in termini di sostenibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *