L ‘”ambasciata” Maya, costruita nel IV secolo, è stata scoperta utilizzando laser aviotrasportati

Gli archeologi in Guatemala credono di aver scoperto una “ambasciata” nascosta nella mitica città Maya di Tikal.

Il complesso comprende una piramide, un luogo di sepoltura e diversi oggetti che puntano a Teotihuacan, una città-stato rivale a centinaia di miglia di distanza in Messico.

Scoperto di recente grazie a scansioni laser aeree che possono penetrare secoli di sporcizia e crescita forestale

I risultati indicano che Teotihuacan, che invase Tikal alla fine del IV secolo, una volta era in buoni rapporti con il suo rivale che vi costruiva una base diplomatica.

In una conferenza stampa la scorsa settimana, i ricercatori in Guatemala hanno condiviso le immagini laser di Tikal, che mostrano i resti di edifici nascosti sotto la giungla.

Nel 2018, i ricercatori della Foundation for Maya Cultural and Natural Heritage (PACUNAM) hanno esaminato l’area intorno a Tikal dal cielo utilizzando la tecnica di rilevamento e distanza della luce, o LiDAR.

LiDAR può penetrare nella chioma di fitte foreste che sono cresciute nel corso dei secoli dalla caduta di Tikal e trovare resti di edifici nascosti negli alberi e nel suolo.

Gli archeologi sono stati in grado di determinare che Tikal era molto più grande di quanto si pensasse in precedenza, con milioni di residenti in più.

Una foto dalla parte meridionale della città mostrava chiaramente una piramide con un cortile chiuso fiancheggiato da strutture più piccole sotto i pali che originariamente si pensava fossero solo colline.

Le strutture di Tikal sembrano far parte di un complesso che era quasi una replica del castello, un complesso nella città-stato rivale di Teotihuacan.  Nella foto: una delle piramidi del castello

Le strutture di Tikal sembrano far parte di un complesso che era quasi una replica del castello, un complesso nella città-stato rivale di Teotihuacan. Nella foto: una delle piramidi del castello

Edwin Roman Ramirez, direttore del South Tikal Archaeological Project, ha iniziato a scavare nel sito l’estate scorsa e ha scoperto che le strutture erano fatte di terra e gesso, materiali che i Maya non avevano usato per la costruzione.

READ  Marjorie Taylor-Green è arrabbiata per non poter fermare gli altri su Twitter dopo aver intentato una causa

Piuttosto che assomigliare alla tipica architettura Maya, gli edifici erano quasi identici a quelli di Teotihuacan, una città-stato rivale a più di 600 miglia di distanza in quella che oggi è Città del Messico.

Prima che Teotihuacan invadesse Tikal nel 378, potrebbero essere stati alleati.  Nella foto: il Tempio del Grande Giaguaro a Tikal

Prima che Teotihuacan invadesse Tikal nel 378, potrebbero essere stati alleati. Nella foto: il Tempio del Grande Giaguaro a Tikal

Gli alberi della foresta pluviale oscuravano gran parte della città Maya di Tikal, che raggiunse il suo picco tra il 200 e il 900 d.C.

Gli alberi della foresta pluviale oscuravano gran parte della città Maya di Tikal, che raggiunse il suo picco tra il 200 e il 900 d.C.

L’archeologo della Brown University Stephen Houston ha detto National Geographic Il complesso sembra essere una replica a metà grandezza del “castello”, un colossale sviluppo di Teotihuacan che include una piramide a sei livelli conosciuta come il Tempio di Quetzalcoatl, un serpente fatto di piume.

“La somiglianza dei dettagli è stata sorprendente”, ha detto Houston.

Nel sito si trovano oggetti tipici di Teotihuacan all’inizio del IV secolo, tra cui dardi fatti di ossidiana e sculture del dio della pioggia Teotihuacan.

Hanno anche trovato una sepoltura eseguita con il metodo Teotihuacan.

In una conferenza stampa la scorsa settimana, Edwin Roman Ramirez, direttore del South Tikal Archaeology Project, ha affermato che la scoperta “ha dimostrato che a Tikal vivevano anche persone che erano Teotihuacan o persone strettamente legate alla cultura di Teotihuacan”.

La barca a Tikal include un modello a metà misura del Tempio di Quetzalcoatl, il serpente piumato (nella foto) a Teotihuacan

Un serpente piumato iscrizione sulla facciata del tempio Quetzalcoatl al Castello di Teotihuacan fuori Città del Messico

La barca a Tikal include un modello a metà misura del tempio di Quetzalcoatl, il serpente piumato (nella foto), a Teotihuacan

Presentazione fotografica

Presentazione del “castello” in stile Teotihuacan svelato a Tikal

Roman Ramirez ha dichiarato al National Geographic: “Abbiamo appreso che Teotihuacanus aveva almeno una certa presenza e influenza a Tikal e nelle vicine regioni Maya prima del 378”.

READ  Mladic, il "macellaio della Bosnia", ascolta il verdetto finale nel caso di genocidio | Notizie di conflitto

Ma non era chiaro se i Maya imitassero solo aspetti del regno più potente della zona. Ora ci sono prove che la relazione fosse molto di più.

Alcuni esperti hanno ipotizzato che il complesso fosse l’antica ambasciata di Teotihuacan, in un momento in cui le due comunità erano più amichevoli.

Una struttura del V secolo proveniente da Tikal che illustra l'influenza di Teotihuacan, che la occupò un secolo fa

Una struttura del V secolo proveniente da Tikal che illustra l’influenza di Teotihuacan, che la occupò un secolo fa

Nel gennaio 378, il re di Teotihuacan, Spearthrower Owl, inviò truppe al comando del suo comandante Born from Fire a Tikal.

Chi erano i Maya?

La civiltà Maya fiorì in America centrale per quasi 3.000 anni, raggiungendo il suo picco tra il 250 e il 900 d.C.

Definiti come l’unica lingua scritta completamente sviluppata nelle Americhe prima di Colombo, i Maya avevano anche arte e architettura molto avanzate, oltre a sistemi matematici e astronomici complessi.

Durante il loro periodo di massimo splendore, costruirono città incredibili utilizzando macchinari avanzati e svilupparono metodi di coltivazione sofisticati.

I Maya credevano che l’universo modellasse la loro vita quotidiana e usassero i cicli astronomici per determinare quando piantare i raccolti e impostare i loro calendari.

Ciò ha portato a teorie secondo cui i Maya potrebbero aver scelto di localizzare le loro città in linea con le stelle.

L’influenza Maya può essere trovata in Honduras, Guatemala, El Salvador occidentale e fino al Messico centrale.

I Maya non sono mai scomparsi: oggi i loro discendenti costituiscono una numerosa popolazione in tutto il Centro America.

Conservano un insieme distinto di tradizioni e credenze che derivano dalla fusione di culture precolombiane e post-conquista.

Il re di Tikal, la Zampa di Giaguaro, morì lo stesso giorno in cui il giovane figlio del gufo Spurthorne fu installato come re della città-stato rivale.

Nel V secolo d.C., l’architettura e l’arte a Tikal mostravano influenze di Teotihuacan, ma la replica del castello fu costruita intorno al 300 d.C.

READ  Secondo quanto riferito, Caitlyn Jenner sta valutando la possibilità di candidarsi per il governatore della California | Caitlin Jenner

Se questo è vero, allora la teoria sull ‘”ambasciata” si riferisce al deterioramento delle relazioni diplomatiche e allo scoppio delle ostilità tra le due società.

L’idea è supportata dalla scoperta di un composto indicativo di un Maya trovato di recente nel cuore di Teotihuacan

Le pareti dell’edificio erano decorate con colorati affreschi Maya. Scienza I rapporti, tuttavia, alla fine sono stati frantumati e sepolti, più o meno nel periodo in cui Tikal è stato aggirato.

I ricercatori sperano di scavare e analizzare ulteriormente i resti umani nella camera sepolcrale di Tikal, che fornirà ulteriori informazioni sullo scopo del complesso.

La civiltà Maya raggiunse il suo apice tra il 250 e il 900 d.C., quando controllò vaste aree di quello che oggi è il Messico meridionale, il Guatemala, il Belize e l’Honduras.

Si concluse con l’arrivo di Hernan Cortes e dei conquistatori spagnoli nel XVI secolo.

A marzo, gli archeologi hanno annunciato la scoperta di un sito a El Palmar, in Messico, i resti di un diplomatico Maya di alto rango vissuto 1.300 anni fa.

Si chiamava Agbach Wal e si ritiene che sia stato determinante nel formare un’alleanza inaspettata tra due potenti dinastie.

Il suo corpo è stato trovato in una tomba in un tempio con una scala che conduce a una piattaforma cerimoniale.

Le scale erano decorate con una piccola scrittura geroglifica che rivelava che Agbakh e Wall si recarono in Honduras nel 726 d.C. per facilitare un trattato tra i re rivali Copán e Calakmul.

Come molte parti dell’Impero Maya, El Palmar fu infine abbandonato e restaurato dalla giungla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *