Kylie Moore-Gilbert dice che l’Iran ha cercato di reclutarla come spia durante una condanna a due anni di prigione Iran

I membri della Guardia rivoluzionaria iraniana hanno tentato di reclutare l’accademica australiana Kylie Moore Gilbert come spia “numerose volte” durante i suoi più di due anni come prigioniera nel paese, e si sono offerti di rilasciarla se “avesse fatto un accordo” con il regime. , ha affermato.

In un’intervista con lei martedì sera sugli 804 giorni che ha trascorso rinchiusa nella famigerata prigione iraniana di Evin, Moore Gilbert ha detto di aver rifiutato ripetuti tentativi delle guardie di convincerla ad accettare di spiare per conto dell’Iran in cambio del suo rilascio.

Moore Gilbert ha detto a Sky News che sospettava che gli iraniani volessero “avere la loro torta e mangiarla anche loro” – avendo ricevuto qualcosa dall’Australia attraverso una soluzione diplomatica alla sua prigionia mentre utilizzava anche il suo status di accademia di spionaggio per l’Iran.

“Sapevo perché non stavano partecipando a nessun negoziato significativo con gli australiani perché volevano arruolarmi”, ha detto.

Volevano che lavorassi con loro come spia [and said] Che se collaboro con loro e accetto di diventare una spia per loro, mi libereranno … e guadagneranno la mia libertà [and] Fai un patto con loro. “

Moore-Gilbert, un britannico-australiano di doppia nazionalità, che ha studiato a Cambridge e ha tenuto lezioni di studi islamici presso l’Università di Melbourne, è stato arrestato a Teheran nel settembre 2018 mentre si preparava a imbarcarsi su un volo fuori dal paese dopo aver partecipato a una conferenza accademica a Qom.

È stata mandata nella famigerata prigione Evin di Teheran, che le Guardie rivoluzionarie tenevano nell’ala segreta 2A, ed è stata condannata a 10 anni di prigione per spionaggio in un processo segreto. Il governo iraniano ha affermato che era una spia che lavorava per Israele, il paese che detiene la nazionalità del marito separato.

READ  "L'economia tedesca è paralizzata" costretta ad ammettere che l'elettorato "è stato dolorosamente ostacolato dall'Unione Europea" | Il mondo | notizia

Nella sua prima intervista con Seating Dopo il suo rilascio nel novembre 2020 In un accordo di scambio di prigionieri che includeva Australia, Iran, Israele e Thailandia, Moore-Gilbert ha rivelato di essere stata pagata per far trapelare la sua storia ai media mesi prima che facesse notizia diversi mesi dopo il suo arresto.

Moore-Gilbert ha detto di essere “non convinta della vivace questione della diplomazia tranquilla” e ha rivelato che in una delle poche telefonate ricevute in prigione, ha chiesto alla sua famiglia di rivelarla in pubblico, ma “è rimasta in silenzio”.

Ha detto: “Sapevo che era stata deliberatamente rimossa dai media contro la mia volontà, e dalle prime sei settimane a due mesi … chiedevo alla mia famiglia di andare dai media”.

“Tuttavia, mi è stato detto che i media sapevano della mia prigione [were] Ho chiesto al governo di mantenere la calma … perché la linea che il governo stava sostenendo era che stavano cercando di trovare una soluzione diplomatica dietro le quinte con l’Iran.

“Avevo una visione completamente diversa della situazione sulla base delle mie esperienze a casa, ma questa era l’opinione del governo, e all’inizio i media hanno giocato per mesi”.

Nell’intervista, Moore-Gilbert ha parlato a lungo delle devastanti perdite psicologiche subite in carcere che hanno influito sulla sua salute mentale e, in particolare, delle prime quattro settimane trascorse in isolamento.

Ha parlato di “tortura psicologica” per essere stata in una piccola cella di due metri per due, dove le luci erano accese 24 ore al giorno, e di un “suono costante” dal telefono nella cella che poteva usare per chiamare le guardie.

READ  Donald Trump News: L'ex POTUS nel nuovo attacco alla legittimità di Biden mentre trama la prossima mossa | Il mondo | notizia

“Dopo le due settimane che stavo lanciando, l’ho perso completamente, ho perso la trama”, ha detto, “ero totalmente pazza”.

All’inizio non potevo mangiare niente e non riuscivo a dormire. Il mio stato emotivo era molto instabile, ero molto ansioso, il mio cuore batteva sempre forte e fondamentalmente soffrivo di un lungo attacco di ansia o di panico “.

Dopo un periodo iniziale di interrogatori quotidiani, ha detto che sarebbe andata per lunghi periodi “quando ero sola in questa stanza, chiusa in questa stanza 23 ore al giorno senza niente da fare, quindi alla fine ero una pazza”.

Moore Gilbert Ha costantemente negato le accuse contro di lei, Respinta dal governo australiano in quanto “priva di fondamento” e non è mai stata presentata alcuna prova pubblica dei suoi presunti crimini.

“Sono una donna innocente, imprigionata per un crimine che non ho commesso e non ci sono prove reali di ciò”, ha scritto Moore Gilbert in una lettera fatta uscire di nascosto dalla prigione lo scorso anno.

Martedì ha nuovamente negato le accuse durante un’intervista a Sky News, definendole “ridicole”. L’Accademia ha detto che ha tratto la sua forza dalla rabbia che provava perché era stata imprigionata con false accuse.

Questa rabbia l’ha spinta a “rispondere” e “infrangere le regole”. Ha stimato di aver intrapreso uno sciopero della fame per sette scioperi durante la sua detenzione ed è stata picchiata una volta dopo che il suo medico le aveva consegnato una lettera di “tradimento” e l’aveva mostrata alle guardie.

Ha anche rivelato che in un’occasione è riuscita a scalare la recinzione del suo cortile e salire sul tetto della prigione dove ha pensato di cercare di scappare.

READ  George Floyd Live News: ultimo aggiornamento del processo di Derek Chauvin

“Hai già pensato [escaping] Quando ero lì perché ci sono voluti 20 minuti per trovarmi. [But] Dove andresti, cosa farei? ” Lei disse.

“Non parlavo la lingua, indossavo l’uniforme della prigione … Senza qualcuno fuori che mi aiutasse … non so cosa avrei fatto.”

Moore Gilbert viene rilasciato in cambio del rilascio di tre terroristi condannati. Gli uomini hanno partecipato a un attentato a Bangkok nel febbraio 2012 mirato all’uccisione di due diplomatici israeliani, ma sono riusciti solo a far saltare in aria il loro appartamento in affitto e ferire cinque persone. I tre erano in prigione in Thailandia.

I media statali iraniani hanno mostrato filmati di tre uomini che hanno ricevuto corone avvolte nella bandiera nazionale al loro ritorno in Iran.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *