Kraldini concorda sul fatto che l’Italia ha bisogno di ottenere risultati con urgenza

L’Italia si trova in una situazione difficile in cui ha bisogno di tempo per fornire esperienza ai suoi giovani giocatori, ma secondo l’ex capitano Leonardo Graldini devono affrontare l’urgenza di ottenere risultati.

Assuri, che punta a vincere il Guinness Sei Nazioni dal 2015 quando affronterà la Scozia a Roma sabato, ha una squadra junior per il campionato 2022 guidata dal 23enne flanger Michael Lamaro.

È anche uno dei 23 giocatori del Bennett nominati nella rosa di partenza dell’Italia e per Kraldini, che ha vinto 107 partite con l’Italia, nonostante l’entusiasmo della squadra per la sconfitta, i cambiamenti devono iniziare a livello di club. In Irlanda sono stati costretti a giocare per un’ora con 13 persone.

Ha spiegato: “Attualmente la squadra non è facile da valutare. L’Italia ha una squadra molto giovane. Abbiamo visto lo sforzo e l’interesse che avevano per il gioco irlandese.

“Non basta, lo so, lo sanno. Ma allo stesso tempo è chiaro che la squadra è molto giovane e hanno solo cinque, sei o sette partite con la nazionale.

“Hanno bisogno di più esperienza nei club. Alcuni di loro hanno iniziato a giocare in nazionale prima di giocare con i loro club pazzi. Non è colpa loro, hanno esperienza nei club prima di andare in nazionale.

“Ecco perché a volte è difficile. Quando giochi a livello internazionale, è un livello completamente diverso dall’URC o dal Challenge o dal Champions Trophy.

“Se hai due club professionistici, puoi prendere giocatori da lì, ad esempio hai pochissimi giocatori rispetto all’Irlanda. Per non parlare di Inghilterra e Francia, dove hai 14 club professionistici. Ecco perché è così importante aiutare i club creare un ambiente di successo. .

READ  La prima Spiceria della Bay Area apre a Berkeley

“Questo team avrà 2-3 anni di esperienza operativa, ma non possiamo aspettare così a lungo. Per questo stanno combattendo, il rugby italiano sta combattendo. Tutto parte dal club.

Kraldini sarà uno degli otto centurioni italiani a prendere parte allo scontro di sabato con la Scozia, seguito da sette centurioni uomini e una donna Sarah Burdin.

Solo Sergio Paris, che è in servizio nel club, non ha visto giocatori giocare 100 o più volte per l’Assiria.

Sebbene Kraldini non sia un cercatore di luce, riconosce che questo sarà un momento speciale.

Ha aggiunto: Sono molto felice di essere coinvolto. Quando si parla di rugby, questa è l’eredità che si vuole lasciare alle spalle. È una grande responsabilità quando rappresenti il ​​tuo paese.

“È meraviglioso se giochi più di 100 partite. Non mi piace molto questa celebrazione, ma sai di essere un membro di una famiglia.

“Lo spogliatoio dello Stadio Olimpico ha tutti i giocatori che hanno giocato per la Nazionale, con sopra il nome e il numero del giocatore. Vedete fate parte di una famiglia più numerosa.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web ufficiale dei Campionati di rugby Guinness Book of Six Nations in Inghilterra, Francia, Irlanda, Italia, Scozia e Galles https://www.sixnationsrugby.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *