KPMG afferma che la fiducia dei CEO nell’economia globale sta tornando ai livelli pre-pandemia

I massimi dirigenti di alcune delle più grandi aziende del mondo sono più ottimisti riguardo alle prospettive aziendali, con la loro fiducia nell’economia globale che torna ai livelli pre-pandemia nonostante l’incertezza sulla variante delta del coronavirus.

Circa il 60 percento dei leader è fiducioso nelle prospettive di crescita dell’economia nei prossimi tre anni, ha affermato la società di consulenza KPMG nel suo rapporto, rispetto al 42 percento di un sondaggio simile condotto all’inizio di quest’anno. Previsioni del CEO per il 2021. La maggior parte delle persone si aspetta che un’acquisizione guidi la crescita.

“Nonostante la continua incertezza sulla pandemia, i CEO sono sempre più fiduciosi che l’economia globale stia tornando a rafforzarsi”, ha affermato Bill Thomas, presidente e CEO di KPMG Global. “Questa fiducia ha messo la leadership in una posizione di crescita audace”.

La pandemia ha portato alla recessione più profonda del mondo dalla Grande Depressione. L’economia globale, che si è contratta del 3,3% nel 2020, dovrebbe espandersi del 6% quest’anno sulla scia del rapido lancio del vaccino e dell’iniezione di circa 25 trilioni di dollari in stimoli fiscali e monetari da parte dei governi e delle banche centrali attraverso una pandemia, secondo al Fondo Monetario Internazionale. .

KPMG ha intervistato i CEO di oltre 1.300 aziende con un fatturato annuo di oltre 500 milioni di dollari in Australia, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Italia, Giappone, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti tra il 29 giugno e il 6 agosto sulle loro prospettive future . i prossimi tre anni.

Circa l’87 percento degli intervistati ha dichiarato di voler acquisire un’attività nei prossimi tre anni per trasformare la propria attività. Quasi il 70% dei CEO identifica la crescita inorganica attraverso joint venture, fusioni e acquisizioni e alleanze strategiche come pilastri della propria strategia di espansione.

READ  L'Italia arresta due allevatori di pecore siciliani per aver appiccato incendi boschivi

Il sondaggio ha anche rilevato che il 30% dei CEO prevede di investire oltre il 10% delle proprie entrate in misure di sostenibilità e programmi relativi al clima nei prossimi tre anni.

“Se c’è stato un risultato positivo negli ultimi 18 mesi, è stato che i CEO stanno impostando sempre più ESG [environment, social and governance standards] Al centro delle strategie di ripresa e di crescita a lungo termine, ha affermato Thomas. “La crisi climatica e sociale ha chiarito che dobbiamo cambiare i nostri metodi e lavorare insieme”.

Ha affermato che i leader aziendali riconoscono che devono portare un cambiamento positivo e sostenere misure per affrontare i rischi ambientali e le sfide sociali, dal genere e dalla razza, all’equità e alla mobilità sociale.

Il sondaggio ha rilevato che i dirigenti senior hanno identificato la sicurezza informatica, i cambiamenti climatici e le catene di approvvigionamento come i principali rischi per la crescita nei prossimi tre anni.

KPMG ha affermato che oltre la metà degli amministratori delegati globali, il 56%, ha affermato che la propria catena di approvvigionamento è stata sottoposta a una tensione crescente durante la pandemia.

Rashid Al-Qinaa, managing partner di KPMG in Kuwait, ha affermato.

“Tuttavia, il lato positivo rimane il fatto che sempre più organizzazioni stanno iniziando a integrare i fattori ESG nei loro piani di crescita a lungo termine, lasciando il messaggio che le riforme globali e la collaborazione saranno, infatti, fondamentali per apportare cambiamenti ambientali e sociali positivi”.

Quasi l’80% degli intervistati ha affermato che il sistema fiscale minimo proposto rappresenta una “grande preoccupazione” per i propri obiettivi di crescita.

Il sondaggio ha anche rivelato cambiamenti nel pensiero degli amministratori delegati sul futuro del lavoro a causa della pandemia.

READ  La società italiana Saipem ha messo in guardia sulle aspettative dopo l'incertezza in Mozambico

Solo il 21 percento dei leader aziendali ora afferma di voler ridurre, o di aver effettivamente ridotto, lo spazio per uffici della propria organizzazione, a differenza dell’agosto 2020, quando il 69 percento ha dichiarato di voler ridurre le dimensioni.

Sono invece concentrati sulla fornitura di una maggiore flessibilità alla loro forza lavoro al 51%, rispetto al 14% del sondaggio precedente, e stanno cercando di investire in spazi per uffici condivisi.

Il 37% dei CEO dispone di un modello di business ibrido per i propri dipendenti, in cui la maggior parte dei dipendenti lavora in remoto due o tre giorni alla settimana.

Aggiornato: 5 settembre 2021, 04:00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *