Khalifa Haftar si candida alla presidenza | Libia

Un signore della guerra libico, che ha guidato un assalto di 14 mesi alla capitale e una volta ha detto che il paese non era pronto per la democrazia, ha annunciato la sua candidatura per La sua prima elezione presidenziale Alla fine del prossimo mese

Khalifa Haftar, il leader dell’autoproclamato Esercito nazionale libico, che ha combattuto contro il suo governo riconosciuto a livello internazionale nella guerra civile 2014-20, ha dichiarato di voler portare al popolo libico “gloria, progresso e prosperità” entrando a far parte di un contest in quanto presenta tra gli aspiranti il ​​figlio dell’ex dittatore libico Muammar Gheddafi.

La base di appoggio di Haftar è nell’est del Paese e, se eletto, difficilmente verrà accettato dalle milizie dell’ovest che hanno combattuto per più di un anno per impedirgli di conquistare Tripoli.

I membri dell’Esercito nazionale libico sotto il suo comando sono stati incriminati dalla Corte penale internazionale per crimini di guerra dalla Corte penale internazionale, e sta anche affrontando un’udienza in tribunale in Virginia da parte dei parenti delle sue presunte vittime che affermano che è colpevole di crimini di guerra, compresa la fame. famiglie. Haftar, un cittadino americano, insiste di essere irresponsabile.

A lui è stato attribuito più volte il merito di aver sostenuto l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti ed è stato osteggiato dalla Turchia, che ha sostenuto le milizie che difendevano Tripoli con combattenti e armi.

Haftar ha annunciato la sua candidatura tramite un discorso televisivo dalla città orientale di Bengasi, indossando giacca e cravatta al posto dell’uniforme militare, e dimostrandosi un eroe nella lotta alla corruzione.

READ  Amnesty International spoglia Alexei Navalny di "prigioniero di coscienza" | Alexey Navalny

Ha detto: “Cambieremo il futuro della Libia se mettiamo i suoi tesori e la sua ricchezza nelle mani di persone integre”.

“Annuncio la mia candidatura per le elezioni presidenziali, non perché sto inseguendo il potere, ma perché voglio guidare il nostro popolo verso la gloria, il progresso e la prosperità”.

Il 77enne, che ha affermato che le elezioni sono l’unica via d’uscita dal caos libico, ha affermato in un’intervista a Jeune Afrique pubblicata nel febbraio 2018, che la Libia non è ancora matura per la democrazia, sollevando dubbi su quanto durerà la Libia. resta una democrazia se vince.

Le sue possibilità di vittoria sono state danneggiate, supponendo che le elezioni si fossero tenute, dalla decisione di Saif al-Islam Gheddafi. Per annunciare domenica che è in piediPerché entrambi sperano in Oriente di attirare lo stesso gruppo di elettori. Un’altra figura di spicco dell’Est è anche la presidentessa del Parlamento Aguila Saleh.

La candidatura di Haftar, 40 giorni prima del giorno delle elezioni nominali, mette in luce il caos che circonda le elezioni, con le controversie che infuriano sulle qualifiche di coloro che cercano di candidarsi, i poteri costituzionali del presidente e se sono possibili libere elezioni in un paese con il maggior numero delle persone. Dal momento che 20.000 truppe straniere, compresi i mercenari, sono in libertà. Ci sono già segnalazioni di squadre di campagna istituite da mercenari nell’est.

Ma la comunità internazionale si è nuovamente impegnata per le elezioni di venerdì scorso e potrebbe spettare agli Stati Uniti decidere se le elezioni risaneranno o acuiranno le divisioni in Libia. Fino a 600 persone hanno fatto domanda per candidarsi alle elezioni parlamentari e le loro credenziali sono ora in fase di verifica.

READ  Psaki si muove dopo che un giornalista di Newsmax spinge le teorie del complotto a Wuhan

Tale è il caos che circonda le regole, che la Commissione elettorale nazionale appare sul suo sito web per annunciare che la candidatura di Gheddafi è stata respinta, solo per vedere la posizione rimossa pochi istanti dopo. La commissione ha accusato la pirateria.

La performance della Missione speciale delle Nazioni Unite in Libia è stata ampiamente criticata negli ultimi mesi per la sua incapacità di dimostrare la leadership, esercitando un’enorme pressione sulla gestione della Commissione elettorale libica, un organismo in gran parte amministrativo, per farsi carico di una competizione politicamente carica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *