Jorginho ammette la frustrazione per essere stato chiamato “figlio” di Maurizio Sarri

Jorginho ha ammesso di essere stato motivato dalle critiche che ha affrontato quando si è unito al Chelsea (Immagine: GETTY)

Jorginho ha ammesso la sua frustrazione per essere stato chiamato ex E penso che il “figlio” del tecnico del Chelsea Maurizio Sarri lo abbia spinto a dimostrare che si sbagliavano.

Il centrocampista italiano ha disputato una stagione fantastica la scorsa stagione, vincendo la Champions League con il Chelsea ed Euro 2020 con la Nazionale italiana, diventando il decimo giocatore della storia a vincerle entrambe nello stesso anno.

L’ex capo dei Blues Sarri ha portato Jorginho a Stamford Bridge nel 2018 dopo che la coppia ha lavorato insieme ai giganti italiani del Napoli.

Nonostante il suo difficile inizio della sua carriera al Chelsea, Sarri ha continuato a scegliere Jorginho, portando alcuni fan a dire che era il suo preferito.

Ma il 29enne, che ha ammesso pubblicamente di aver trovato un difficile adattamento dalla Serie A alla Premier League, ritiene che la classifica sia ingiusta.

“L’inizio al Chelsea mi ha fatto sentire la sua mancanza [Napoli] ancora di più. Ci ricordiamo tutti cosa stavano dicendo, giusto? Sei troppo lento. Ero così debole. Ero il figlio di Sari. Oh amico, questo mi ha fatto arrabbiare così tanto, ha detto Tribuna dei giocatori.

Sarri era un grande fan di Jorginho anche prima che lo firmasse al Chelsea.

Sarri ha portato Jorginho al Chelsea nel 2018 (Immagine: GETTY)

«Ma ascolta, mi hanno sottovalutato. Vedi, è stato un inizio turbolento in ogni club in cui sono stato. ogni club. È incredibile.

Quando sono arrivato a Verona nessuno mi voleva. Mi hanno mandato in prestito al quarto grado. Anche lì nessuno mi vuole. Ma ho continuato a lavorare e ho ottenuto rispetto. Sono tornato al Verona e siamo stati promossi in prima divisione”.

Anche a Napoli ho avuto un anno difficile, poi è arrivato Sarri e ha cambiato tutto. E allora il Chelsea? boh! Ho usato solo contanti come carburante. Stavo pensando: “Queste persone saranno imbarazzate”.

Ora sono seduto qui con il titolo di Europa League e il titolo di Champions League. Quindi a tutti i critici, voglio solo dire una cosa. Grazie. Davvero, grazie a tutti.

Come risultato dei suoi successi in campo nell’ultimo periodo, Jorginho è stato insignito del premio UEFA Player of the Year nel sorteggio della Champions League all’inizio della settimana.

Il 29enne ha vinto i titoli di Champions League ed Euro 2020 la scorsa stagione (Immagine: GETTY)

Ha battuto personaggi del calibro di Lionel Messi, Kylian Mbappe e il compagno di squadra del Chelsea N’Golo Kante per il trofeo e ha ricevuto quel messaggio non appena lo ha ricevuto.

“Vorrei dire grazie a tutte le persone che hanno contribuito a realizzare questo”, ha detto.

“Un grande grazie dal profondo del mio cuore a tutte le persone che mi hanno aiutato in questo viaggio, dalla famiglia agli amici, ai miei fan, ai miei compagni di squadra e alle persone che non hanno creduto in me.

Mi hanno motivato a lavorare ancora di più anche grazie a loro. Sono felicissima, un abbraccio a tutti.

ALTRO: Saul Niguez conferma le sue ragioni dietro il nuovo numero di squadra del Chelsea

ALTRO: Chelsea incriminato dalla FA dopo che Reece James è stato espulso contro il Liverpool

Per altre storie come questa, dai un’occhiata alla nostra pagina sportiva

Segui Metro Sport sui nostri canali social, su Sito di social network Facebooke Twitter e Instagram

READ  Nikola Miktyk e Matti Pavi vincono il sesto titolo congiunto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *