Jonathan Rhys Meyers come un uomo complicato

Anthony Hopkins regala una delle migliori prestazioni della sua carriera il padre (12a), vincitore di Oscar e BAFTA per il ruolo di Anthony, un uomo anziano che si prende cura di sua figlia Ann (Olivia Colman). Il vecchio patriarca tirannico, Anthony, governa la sua casa, e Anne, con ferrea volontà – o almeno così pensa.

Soffrendo delle prime fasi della demenza, Anthony non vive più a casa sua, ma in quella di Anne, e lotta per distinguere tra passato e presente. Florian Zeller e Christopher Hampton hanno anche vinto un Oscar e un BAFTA per la migliore sceneggiatura non originale—diretto da Zeller, avendo co-adattato la sua opera—e non c’è da meravigliarsi: il padre Non solo intelligente, ma un resoconto straziante della miseria e dell’orrore di testimoniare chi sei, e la tua comprensione di chi sei e cosa, falla franca.

Olivia Colman e Anthony Hopkins nel film The Father

Zeller ha messo insieme un cast davvero impressionante: Olivia Williams, Mark Gatiss, Imogen Potts e Rufus Sewell sono tutti co-protagonisti – ma quello che fa con la sua troupe è il più impressionante di tutti, con Olivia Colman e Olivia Williams, ad esempio, che interpretano Anne, a volte scambiando l’uno con l’altro all’interno delle scene, dando al pubblico un senso della sconcertante confusione che Anthony deve affrontare quando non riesce a riconoscere sua figlia (la stessa doppia funzione si applica a Mark Gatiss e Rufus Sewell, entrambi i quali interpretavano il marito di Anne ).

In effetti, per la maggior parte del film, il pubblico non aveva idea di se stesse affrontando la realtà confusa di Anthony o una fantasia che aveva inconsciamente costruito per compensare la sua perdita di memoria. Ma mentre il film fornisce certamente molti spunti di riflessione, a livello emotivo colpisce davvero nel segno, in particolare nelle fasi successive, quando il lavoro di Anthony contro il declino alla fine crolla, lasciandoci con un epilogo che perseguiterà lo spettatore molto tempo dopo il la lista è finita crediti. (versione cinematografica)

READ  WarnerMedia rivela l'EMEA Kids Team; Netflix acquisisce Rainbow Rangers DinoCity vende in Europa, Balcani, Medio Oriente e Nord Africa - TBI Vision

Luca ****

Luca della Disney e della Pixar
Luca della Disney e della Pixar

Pixar ultima versione, Luca (PG) Ambientato sulla Riviera italiana, si apre con il giovane Luca (doppiato da Jacob Tremblay), un timido ragazzo mostro marino, e incontra un ragazzo umano, Alberto (Jack Dylan Grazer), quando viene accidentalmente lavato su una spiaggia. . Non è uno spoiler dire che Alberto si rivela presto lui stesso un ragazzo mostro marino, e che Luca è in grado di trasformarsi in umano mentre è a terra: il vero succo della storia è l’amicizia temporanea che si sviluppa con il gruppo di ragazzi. Fuori per esplorare il pericoloso mondo degli umani.

Scritto da Jesse Adams e Mike Jones – il mio ultimo credito per il libro per quest’ultimo è un grande film Pixar Anima Regia di Enrico Casarosa. Luca È un affascinante racconto di come i ragazzi si insegnano a vicenda lezioni di vita cruciali, mentre tentano di vincere la Coppa Portorosso sotto la direzione della giovane e dinamica Giulia (Emma Berman), il cui unico obiettivo nella vita è sconfiggere il prepotente Ercole (Saverio Raimondo ).

Lo sfondo italiano è reso magnificamente: i ragazzi si dirigono rapidamente dalla loro isola isolata a un piccolo porto sul mare, come potresti immaginare, il villaggio italiano per antonomasia di case bianche e strade tortuose. Il libro si diverte molto a prendere in giro gli stereotipi italiani: Luca e Alberto possono essere dei mostri marini, ma sono dei mostri marini italiani, e quindi ossessionati dal possedere una Vespa. Veloce e divertente, che si trasforma in chiassoso e commovente, Luca È un’amicizia selvaggia ma carina. (Disney +)

confine del mondo ****

READ  Ecco una prima occhiata al tanto atteso documentario Netflix di Pelé
Jonathan Rhys Meyers in Ai confini del mondo
Jonathan Rhys Meyers in Ai confini del mondo

Sulla base di eventi storici, confine del mondo (12A) con protagonista l’attore di Cork Jonathan Rhys Myers nei panni di Sir James Brooke, un aristocratico inglese che si recò nel Borneo nel 1839 per sfuggire alla sua disgrazia a casa. Come esemplare ex soldato, naturalista e filosofo, il Giacomo che cita il Corano fu inizialmente acclamato dalla gente di Sarawak, ma presto fu coinvolto negli intrighi politici di Mkhota (Bronte Ballari) e del principe Badr al-Din (Samo Raffaello), entrambi in lizza per il potere e l’obiettivo finale è la successione al potente Sultano del Brunei.

Scritto da Rob Allen e diretto da Michael Hausmann, confine del mondo Forse tratto direttamente dalle pagine del romanzo di Joseph Conrad: James Brooke è il personaggio di Lord Jim, e un uomo che sarebbe (a malincuore) re. È roba vecchio stile, piena di cacciatori di teste e pirati, boschi affollati e audaci, con lo stesso Brock uno stanco romantico del mondo che si rifiuta di sopportare il “fardello dell’uomo bianco”, preferendo invece andare in guerra contro l’Impero britannico per conto della sua nazione adottiva.

Jonathan Rhys-Myers è perfettamente ritratto come il Perronek di Brock, un uomo complesso in un mondo complesso in cui la bellezza e la “brutalità” sono negli occhi di chi guarda. (versione in streaming)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *