Jacob Zuma: l’ex presidente sudafricano incarcerato per 15 mesi per oltraggio alla corte | notizie dal mondo

L’ex presidente sudafricano Jacob Zuma è stato incarcerato per 15 mesi per oltraggio alla corte dopo non essere comparso prima di un’indagine per corruzione all’inizio di quest’anno.

L’indagine sta esaminando le accuse di corruzione di alto livello durante il mandato di Zuma in carica dal 2009 al 2018.

Zuma nega illeciti e deve ancora collaborare con l’indagine.

Martedì, un giudice costituzionale ha dichiarato: “Il signor Jacob Gidelikisa Zuma è stato condannato a 15 mesi di carcere”.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

L’ex presidente del South Australia condannato a 15 mesi di carcere

Il giudice ha aggiunto che l’ex presidente che non si è presentato in tribunale deve presentarsi davanti alla polizia entro cinque giorni.

Se non si è costituito, il ministro della polizia sudafricano e commissario di polizia è stato ordinato di trattenerlo entro tre giorni.

Zuma è il primo ex presidente sudafricano ad essere condannato al carcere.

In una precedente lettera di 21 pagine al Presidente della Corte Suprema Mogoeng Mujung, che la corte ha definito “scandalosa”, l’ex leader di 79 anni ha affermato di essere disposto a essere mandato in prigione.

Questo avviene dopo che gli avvocati per l’indagine hanno presentato alla Corte Costituzionale per richiedere un ordine di carcerazione di Zuma.

Un portavoce dell’ex leader politico ha detto all’emittente ENCA che Zuma rilascerà una dichiarazione in un secondo momento, senza fornire ulteriori dettagli.

Zuma è diventato sempre più impopolare dopo aver affrontato una serie di accuse di corruzione quando si è dimesso nel febbraio 2018.

READ  Xinjiang Uyghurs: UK fined companies that do not disclose imports linked to the Chinese region

Le accuse contro Zuma includono che ha permesso agli uomini d’affari a lui vicini – i fratelli Atul, Ajay e Rajesh Gupta – di saccheggiare risorse statali e influenzare la politica.

I Gupta hanno anche negato qualsiasi illecito e hanno lasciato il paese dopo che Zuma è stato costretto a lasciare l’incarico e gli è succeduto il presidente Cyril Ramaphosa.

Zuma deve anche affrontare un caso separato in tribunale e accuse di tangenti che avrebbe ricevuto in relazione a un affare di armi da 2 miliardi di dollari nel 1999, quando era vicepresidente, cosa che Zuma ha negato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *