“Jack ha avuto una straordinaria capacità di farci credere che se seguiamo la sua strada, possiamo essere capaci di qualcosa di molto speciale”.

L’ex capitano della Repubblica d’Irlanda Andy Townsend teme che il nostro attuale gruppo di star internazionali non sperimenterà mai l’euforia che ha provato durante il suo periodo al vertice.

È diventato capitano dell’Irlanda nelle finali della Coppa del Mondo del 1994 e ha svolto un ruolo importante nella squadra guidata da Jack Charlton agli allori mentre metteva l’Irlanda sulla mappa del calcio.

Tuttavia, ha ammesso che l’attuale gruppo di giocatori irlandesi potrebbe non vivere mai il tipo di altezze che hanno assicurato che i campioni di Big Jack rimarranno per sempre impressi nel cuore della nazione.

“Ho visto la partita ieri sera contro la Serbia, ed è molto difficile in questo momento per Stephen Kenny e tutti i giocatori”, ha detto Townsend al quotidiano Sunday World.

“Sono solidale con loro perché sembra che le cose siano lontane un milione di miglia da quello che abbiamo vissuto sotto Jack.

“Il calcio può essere molto divertente, ma si perde quando le cose non vanno secondo i piani ed è difficile per l’Irlanda in questo momento.

“Spero che i giocatori che stanno giocando ora abbiano la possibilità di provare ciò che abbiamo fatto come gruppo durante il regno di Jack come allenatore dell’Irlanda perché era così speciale.

“È difficile credere che l’Irlanda si classificasse al sesto posto nella classifica FIFA quando eravamo all’apice del nostro potere sotto il Big Jack, dato che ora sembra fuori portata”.

Centro

Townsend ha avuto un ruolo fondamentale nella produzione di Finding Jack, che sarà trasmesso stasera su Virgin Media One. Una foto toccante del più grande allenatore di calcio irlandese, compresi i suoi ultimi giorni in cui soffriva di demenza e faticava a identificare alcuni dei giocatori che ha contribuito a trasformare in campioni irlandesi.

READ  Il capitano del Galles Jones mette in guardia contro la sottovalutazione dell'Italia

Tuttavia, Andy preferisce ricordare il Jack che tutti conoscevamo, poiché era ansioso di insistere sul fatto che l’immagine ottenuta dalla sua squadra irlandese fosse fuori luogo.

“Siamo sempre stati chiamati la squadra della palla lunga, ma Jack ha fatto molto per quello che ha fatto solo per colpire la palla per molto tempo”, continua Townsend. “Ho sempre pensato che fosse ingiusto che le persone vedessero Jack come un tattico.

“Jack ha trascorso alcuni giorni con i giocatori e ha dovuto escogitare un modo per ottenere i migliori risultati da loro. Non è facile convincere i migliori giocatori a vedere le cose da una diversa angolazione e farli adattare rapidamente a un diverso stile di calcio. , ma è stato in grado di farlo e farlo rapidamente. “

“Il motivo principale per cui ha funzionato è stato che lo amiamo tutti, e come vincitore della Coppa del Mondo, aveva il rispetto assoluto di tutti i membri della squadra. Eravamo tutti pronti a fare quello che ha detto e se non segui le sue regole, troverà qualcuno che lo faccia.

“È stato bravissimo a convincerci che anche quando stavamo giocando contro le grandi nazioni, potevamo sconfiggerle e questa è un’abilità rara come allenatore.

“Non tutti quelli che hanno lavorato per lui potevano farlo, ma Jack aveva una straordinaria capacità di farci credere che se seguiamo la sua strada, possiamo essere capaci di qualcosa di molto speciale”.

Tra le infinite storie dell’era Charlton, Townsend sceglie un ricordo che brilla brillantemente per riassumere le regole “alternative” seguite dalla squadra.

Townsend ha aggiunto: “Ci ha dato la libertà di fare ciò che desideriamo e questo non può accadere ora”.

READ  Serena Williams ha ammesso che il rinvio degli Australian Open le ha dato il tempo per rimettersi in forma

“A questa età c’è sempre qualcuno dietro l’angolo con un cellulare con fotocamera pronto a cogliere di sorpresa qualcuno, e questo sarà sui giornali il giorno dopo.

“Questo è un momento completamente diverso, ma la politica di Jack era quella di fidarsi di noi per divertirci e quindi essere pronto a giocare quando necessario.

“Il mio ricordo preferito con Jack potrebbe essere la notte prima della partita dei quarti di finale dei Mondiali del 1990 contro l’Italia a Roma.

“Verso le 22, ha convocato una riunione di squadra. Siamo scesi tutti al piano di sotto e ci siamo chiesti di cosa avrebbe parlato perché non era proprio da lui.

“Alla fine, non c’è stata una riunione di squadra, ma ha fatto portare un barile di Guinness da qualche parte e abbiamo bevuto pinte prima di andare a letto.

“La tensione si è spezzata in un istante ed è stata una gestione meravigliosa da parte di Jack.

“La sua mentalità era invece di preoccuparsi di quello che succederà domani, rilassiamoci e godiamoci il momento.

Ha anche ucciso i tentativi dei tassisti italiani di tenerci svegli tutta la notte. Stavano suonando le loro trombe pensando che avrebbero reso le nostre vite infelici, ma poche pinte di Guinness ci hanno fatto addormentare tutti e non importava quanto fossero forti le trombe! Quello era Jack. “

* “Finding Jack” andrà in onda su Virgin Media One stasera alle 21:00.

Redattori in linea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *