Italian Grandma è l’ondata di positività di cui abbiamo bisogno durante il lockdown

Non ha venduto quasi nulla durante il blocco, ma se vuoi una storia di Will, sei nel posto sbagliato.

Nel bel mezzo di una pandemia, Miss Portolin-Papa è un’ondata di positività di cui tutti abbiamo bisogno.

“È dura, ma penso di essere positiva”, dice. “Ci passeremo tutti”.

La formulazione non è del tutto corretta, quindi ho provato di nuovo: “Supera. Ce la faremo”.

Nata a Messina, in Sicilia, Miss Portolin-Papa ricorda l’emigrazione in Australia da bambina sulla nave passeggeri Sorrento nel 1952, parte dell’ondata di immigrati italiani che seguì la guerra.

Figlia di un pescatore che aveva un peschereccio nella vicina Iron Cove, è cresciuta a Lichardt in un’epoca in cui Norton Street era piena di frappè, negozi di frutta, barbieri, prelibatezze e macellerie che di solito erano di proprietà di famiglie italiane e servite da una persona. Vecchio tram per la città.

Ha lasciato la scuola a St Fiacre all’età di 15 anni e ha lavorato in un negozio di scarpe e in un negozio di abbigliamento maschile, traduzione per immigrati italiani, ma ha sempre voluto un negozio tutto suo.

Molte famiglie italiane partirono per il Lichardt, dirigendosi spesso a ovest verso i sobborghi come Five Dock, Ashfield e Abbotsford.

“Alcuni di loro sono andati al cimitero”, dice Miss Portolin Papa. “Prima di tutto, i miei genitori. Se ne sono andati. E tutto [my mother’s eight] Fratelli e sorelle, se ne sono andati tutti.

“Ho dei cugini e anche loro se ne andranno. Sono tra i 70, gli 80 e i 90”.

Fa parte del residuo patrimonio italiano di Leichhardt che comprende Bar Italia, Bar Sport e i partner della Lega Italiana e del Forum italiano, un’area che è stata ufficialmente designata Little Italy dal Board of Geographical Names lo scorso anno.

READ  The Warriors aren't the best five-man team yet, but Steve Kerr can wait

Questo lo rende un ricordo umano del mutevole panorama culturale della città.

“Comunicato con tutti”, dice. “Ovunque io sia, la gente mi ferma”.

Mentre la strada non è più in forte espansione, la signorina Bortolin-Papa mira a essere nel negozio sette giorni su sette dalle 10 del mattino, anche se a volte sarà lì di notte se deve andare da qualche parte durante il giorno.

Dice: “Sono felice con me stessa”. “I miei clienti, 48 anni dopo, lo sanno”.

Scarica

La signorina Bortolin-Papa si tiene occupata durante i momenti tranquilli del negozio – cucinare, pulire, lavare – mentre l’orologio sopra la porta suona ogni ora con uno strumento musicale diverso. 14:00 è il pianoforte. Tromba alle 15:00; Sassofono alle 16:00.

Oltre ad essere in buona salute – “grazie a Dio” – la sua situazione finanziaria la rende meno nervosa per la mancanza di vendite. E il negozio la aiuta a rimanere social.

“Dal primo giorno in cui ho iniziato, ho sempre amato quello che faccio e lo amo ancora oggi”, dice. “Faccio del mio meglio per servire come JP. Faccio del mio meglio per le persone che vogliono qualcosa con urgenza.

“Non solo per il mio negozio. Tutto ciò che faccio, tutto ciò che tocco. È la mia natura. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *