Italia, Libia per lavorare insieme su migrazione ed energie rinnovabili: BM – Xinhua

Il Primo Ministro italiano Mario Draghi (R) saluta il Primo Ministro libico Abdul Hamid Deepa in una conferenza stampa congiunta il 31 maggio 2021 a Roma, Italia. Una conferenza stampa congiunta dopo che Draghi e Deepa si sono incontrati qui lunedì ha detto che l’Italia e la Libia lavoreranno insieme sull’immigrazione illegale e le energie rinnovabili. (Pool via Xinhua)

ROMA, 31 mag. (Xinhua) – Italia e Libia lavoreranno insieme su immigrazione clandestina ed energie rinnovabili, hanno detto in una conferenza stampa il premier Mario Draghi e il premier libico Abdul Hamid Deepa dopo essersi incontrati qui lunedì.

“L’Italia sta con la Libia e la sostiene durante questa complessa transizione: attuazione decisiva del cessate il fuoco, eliminazione di mercenari e truppe straniere e creazione di un quadro istituzionale”, ha detto Draghi.

Se tutto va bene, il processo si concluderà con le elezioni e sarà un “processo di riconciliazione nazionale” entro la fine di quest’anno, ha aggiunto.

Tragi ha detto che altri paesi europei faranno parte dello sforzo.

Come parte del suo impegno, l’Italia aiuterà a costruire ospedali e inviare personale medico, e porterà in Italia “diverse dozzine di bambini malati di cancro libici” per le cure, ha detto Drake.

“La Libia è il” più grande partner energetico italiano “in termini di combustibili fossili, ma vogliamo iniziare a collaborare nel campo delle energie rinnovabili”, ha detto il leader italiano.

I due leader hanno anche discusso “questioni umanitarie e migratorie, lotta contro i trafficanti di esseri umani, assistenza ai rifugiati, corridoi umanitari e sviluppo delle comunità rurali”.

“L’Italia continua a finanziare il rimpatrio volontario e l’espulsione umanitaria dalla Libia”, ha aggiunto.

Da parte sua, il premier libico ha espresso la propria soddisfazione per le “ottime relazioni bilaterali” tra i due Paesi, “rafforzate dalla reciproca buona volontà”.

READ  14.842 nuovi casi e 634 morti - Corriere.it

“Ci occuperemo di immigrazione illegale con altri paesi europei e paesi di origine degli immigrati illegali”, ha detto il primo ministro libico.

“Il problema dell’immigrazione non solo può essere risolto nel Mediterraneo, ma deve essere gestito andando alle radici del problema, che non è solo responsabilità della Libia o dell’Italia, è una responsabilità comune”, ha detto.

La Libia “vuole rafforzare le relazioni commerciali (con l’Italia) e lavorare sulle energie rinnovabili e la ricostruzione della Libia”, ha detto Dibba.

“L’Italia potrebbe svolgere un ruolo essenziale e primario come investitore in Libia”, ha detto.

La Libia sta vivendo insicurezza e caos dalla caduta del defunto leader Muammar Gheddafi nel 2011 e vuole il Nord Africa come destinazione per migliaia di immigrati illegali che cercano di attraversare il Mediterraneo. Endem

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *