Italia e Spagna aiutano a spingere l’eurozona fuori dalla recessione Eurozona

I dati ufficiali mostrano che Italia e Spagna hanno contribuito a spingere l’eurozona fuori dalla recessione dopo un’espansione del 2% oltre le aspettative nel secondo trimestre del 2021.

La regione della moneta unica di 19 paesi ha vinto la previsione di un aumento dell’1,5% del PIL.

Statistiche dell’UE, Eurostat, Mostrando che l’eurozona è cresciuta a un tasso annuo del 13,7% nel periodo aprile-giugno, in netto contrasto con il calo della produzione causato dalle ambite serrature nello stesso periodo del 2020 nella performance di quest’anno.

La crescita nel secondo trimestre del 2021 è scesa allo 0,6% negli ultimi tre mesi del 2020 e ulteriormente allo 0,3% nel primo trimestre di quest’anno, poiché la zona euro è stata colpita da nuove ondate di epidemia.

La Germania avrebbe dovuto crescere del 2% nel secondo trimestre dopo un calo del 2,1% nei primi tre mesi dell’anno, ma ha gestito solo un’espansione dell’1,5% dopo che il suo forte settore manifatturiero ha colpito. Chip per computer.

Tuttavia, l’Italia e la Spagna, la terza e la quarta economia nella regione della moneta unica, sono cresciute più rapidamente di quanto previsto dagli economisti urbani. La Spagna ha registrato una crescita del 2,8% nei primi tre mesi di giugno da un calo dello 0,4% nella produzione del primo trimestre, mentre l’espansione dell’Italia del 2,7% ha raddoppiato l’1,3% indicato dagli analisti.

Delle quattro maggiori economie dell’Eurozona, la Francia ha avuto la crescita più debole nel secondo trimestre dopo una performance piatta nei primi tre mesi dell’anno, con una crescita dello 0,9% nel periodo aprile-giugno.

Registrazione e-mail aziendale Guardian

Eurostat ha anche attribuito l’aumento dei prezzi dell’energia all’inflazione della zona euro, che è salita all’1,2% a giugno dal 2,9% di giugno, il tasso annuale più alto da ottobre 2018 e leggermente al di sopra dell’obiettivo del 2% della Banca centrale europea.

READ  Tolina del Revodano - Rio de Janeiro, Italia

Andrew Kenningham, uno dei principali economisti europei sulla consulenza in economia del capitale, ha dichiarato: “Ci aspettiamo che l’euro abbia un’altra forte crescita del PIL nel terzo trimestre, forse leggermente superiore al 2% per trimestre, che avvicinerà l’economia, ma al di sotto, livello epidemico. “

Le statistiche pubblicate giovedì mostrano che l’economia statunitense è tornata al livello pre-epidemia, nonostante sia cresciuta a un ritmo più debole del previsto nel secondo trimestre. La Cina è diventata la prima grande economia a riprendersi da una recessione globale innescata da un’epidemia lo scorso autunno. Il Regno Unito, una delle peggiori recessioni nel mondo avanzato, non dovrebbe riprendersi fino alla fine di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *