Italia e Irlanda del Nord: Martin O’Neill e Jerry Armstrong ricordano il nostro ultimo grande scalpo ad Amburgo

Dopo tutti questi anni, gli atleti di Amburgo Martin O’Neill e Jerry Armstrong vengono ricordati sull’ultimo grande scalpo sul suolo straniero dell’Irlanda del Nord.

Il vincitore a distanza ravvicinata di Norman Whitesight, Jerry McLean, la star del Bayern Monaco Carl Haynes Rummenike e Billy Bingham si scontrano per un giro di drink all’hotel della squadra.

“Se Billy avesse comprato un giro di drink, me lo sarei ricordato”, rise O’Neill, indossando l’armatura del capitano quando il famoso Manschaft fu umiliato nel loro discorso a casa la notte del novembre 1983.

Alla vigilia della spaventosa trasferta di giovedì sera in Birmania in Italia, l’epica vittoria di qualificazione a Euro 84 è l’ultima vittoria di una delle potenze del calcio dell’Irlanda del Nord.

“È emozionante vedere quella squadra tedesca vincere fuori casa”, ha detto O’Neill.

“Avevano veri giocatori di livello mondiale che hanno battuto la Germania Ovest nella finale della Coppa del Mondo del 1982 o hanno raggiunto la finale della Coppa del Mondo del 1986.

“Li abbiamo battuti a Belfast un anno fa e abbiamo ricevuto un’accoglienza dal pubblico ad Amburgo, quindi penso che abbiamo ottenuto il loro rispetto.

“Siamo stati molto uniti e concisi in Germania, che è stata una vittoria speciale contro una squadra fantastica”.

Con la star adolescente del Manchester United Whiteside, Armstrong ha vinto la sua 50esima presenza e il debuttante difensore del Bolton McLean Hinney ha fatto un’apparizione duratura nel gioco.

Armstrong ha fatto riferimento all’uomo Hans-Peter Briggle – un colpo da maestro tattico di Pingam – mentre McLean si è anche presentato alle porte di apertura dell’attaccante classico e capitano tedesco Rummenike.

READ  Papa Francesco chiede al governo italiano di intervenire in Vaticano

“Jerry proviene da un background GAA e ha schiaffeggiato Romney – non c’è altro modo per descriverlo”, ha ricordato O’Neill. “Ha finito per fare un debutto fantastico”.

I gemelli leggendari Martin O’Neill e Jerry Armstrong

“Non so se Carl Haynes abbia mai incontrato qualcuno come Jerry McLean”, rise Armstrong. “Rummenick era un nome da star per Bayer all’epoca, ma è stato coinvolto nel big 10 di apertura di Jerry.

“Le sue guance sono scese al lato della guancia. Puoi vedere i graffi. Lo giuro, la faccia di Romneyke è una foto. Dopodiché era lontano da Jerry.”

Il gol della vittoria dell’Irlanda del Nord è arrivato al 50 ° minuto, quando aveva solo 18 anni – dopo che una corsa sciatta del portiere tedesco Harold Schumacher e un tiro di Ian Stewart e Paul Ramsay hanno causato il panico all’interno dell’area di rigore tedesca.

O’Neill, all’epoca centrocampista 31enne di Notes County, disse: “È straordinario pensare che Norman fosse ancora un giovane ad Amburgo, ma era un ragazzo nel corpo di un uomo.

“Onestamente, se combattono contro qualcuno di età inferiore ai 20 anni, è Norman. È forte, può mescolarlo con il meglio ed è il miglior giocatore. Quando è arrivato per la prima volta ai Mondiali del 1982, ha fatto una grande differenza per noi. “

Questa è la portata del successo ad Amburgo, dove il famoso boss Pingham ha scavato a fondo nella sua squadra felice per riacquistare un drink celebrativo presso l’hotel della squadra.

READ  Euro 2020: l'Italia garantisce di consentire ai fan su dispositivi ROM

“Billy non lo fa spesso, quindi è davvero speciale”, lo rimproverò Armstrong. “Ricordo persone come Big Pat (Jennings) che dicevano ‘va bene, prendo una vodka e un tonico’.

“So che sconfiggere i tedeschi è stato uno dei momenti salienti della mia carriera e poi Billy ha detto che è stata la mia migliore prestazione per l’Irlanda del Nord.

Norman Whiteside celebra il suo gol vincente contro la Germania Ovest

“Ho giocato sul lato destro del centrocampo, e il mio lavoro era trovare Hans-Peter Breegel perché minacciava di bombardare sul lato sinistro. Billy era furioso per lui.

“Brigall era uno storpio, indossava calze intorno alle caviglie e un mostro da uomo, ma ero in grado di correre tutto il giorno e quel lavoro era nella mia strada.

“Siamo stati brillanti di notte. Per l’ultima mezz’ora, Briggle ci ha inseguito.”

L’Irlanda del Nord ha sconfitto la Germania Ovest durante quella memorabile qualificazione a Euro 84, mentre gli uomini di Pingam hanno perso per differenza reti in Francia.

Un mese dopo il gol di Ian Stewart nella vittoria per 1-0 sui tedeschi a Belfast nel novembre 1982, un pareggio senza reti con l’Albania a Trana: una catastrofe.

Quattro giorni dopo la sconfitta ad Amburgo, i tedeschi si qualificheranno 2-1 per l’onore degli albanesi del defunto vincitore del poco noto colpo di Heckhart nell’ultima partita del girone.

Billy Bingham

O’Neill, che ha vinto 64 presenze ai Mondiali del 1982 in Spagna e ha guidato il suo paese, ha dichiarato: “Eravamo molto vicini, ed è molto triste.

READ  Riapertura del liceo, lotta al governo. Si riparte l'11 gennaio - Corriere.it

“Odio dirlo, ma quella grande squadra tedesca non meritava di battere la casa e la casa, devi davvero incolpare te stesso.

“La Germania ha battuto l’Albania nell’ultima partita e ha superato il girone, ha segnato troppo tardi, altrimenti saremmo andati in finale.

“Non c’era la tecnologia moderna allora, quindi un amico tedesco mi ha tenuto aggiornato con i punteggi, e ha dovuto dirmi che aveva un vincitore in ritardo contro l’Albania. Era difficile da accettare”.

Ad oggi, l’Irlanda del Nord è l’unico paese calcistico ad aver lasciato la casa dei Die Manschaft nella campagna di qualificazione ai Mondiali o agli Europei.

Bingham in seguito ha dichiarato: “Era troppo vicino per andare a nostro favore, ma dovremmo comunque essere orgogliosi di ciò che abbiamo ottenuto”.

La squadra dell’Irlanda del Nord che ha sconfitto la Germania Ovest ad Amburgo nel novembre 1983 si legge come segue …

Pat Jennings, Jimmy Nicole, Jerry McLenny, John McClelland, Mal Donkey, Paul Ramsay, Martin O’Neill; Jerry Armstrong, Ian Stewart, Billy Hamilton, Norman Whiteside.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *