Italia e Francia avanzano sull’agenda tedesca

Italia e Francia sembrano essere in cima all’agenda politica europea della Germania se, come previsto, il ministro delle Finanze Olaf Scholz guiderà il nuovo governo di Berlino prima di Natale.

Ci sono stati pochi accenni a iniziative europee concrete in Documento tripartito pubblicato il 15 ottobre Come preludio ai colloqui formali di coalizione tra i socialdemocratici (SPD) di Schulze ei Verdi e i liberaldemocratici (FDP). Tuttavia, sembra probabile che Scholz farà molto affidamento sulla raccolta di benevolenza europea. Cercherà benefici dalla presidenza di un anno della Germania del G7 e dalla leadership di sei mesi della Francia dell’Unione Europea, che inizieranno entrambi il 1 gennaio.

I potenziali partner dell’alleanza in quella che potrebbe essere la prima partnership federale “a semaforo” della Germania – che prende il nome dai singoli colori del trio – nelle ultime due settimane hanno mostrato una letteratura quasi iperbolica. Ma dovranno affrontare pressioni quando emergono polemiche sulle richieste di una posizione al Tesoro, con il leader dell’FDP Christian Linder che finora ha fatto un’offerta ancora più forte al rivale Robert Habeck, il copresidente dei Verdi più risentiti.

Il documento introduttivo di 4.500 parole era lungo sull’ambizione e sulle frasi di alto livello, ma andava ben oltre i dettagli rotondi, in particolare su ambiziosi finanziamenti, infrastrutture e piani sociali per la mitigazione del clima. Molti di questi problemi, che riflettono profonde differenze soprattutto con l’LDP sulle virtù di una campagna di investimenti statali e del deficit, probabilmente riaffioreranno quando inizieranno i colloqui formali di coalizione.

In un sorprendente abbraccio di concetti di ingegneria finanziaria, la co-presidente di Green, Annalena Baerbock, parla dell’ideazione di strumenti istituzionali per fornire finanziamenti fuori bilancio per investimenti verdi.

READ  Ultime: ICE non effettuerà arresti nei siti di vaccinazione | Notizie di affari

I confidenti di Scholz credevano che, a condizione che avesse strappato la cancelliera, il presunto leader della Germania avrebbe rapidamente perseguito un’offensiva di fascino con Roma. Berlino dovrà sviluppare ulteriormente le idee precedenti al ministero delle Finanze a Schulze per rafforzare l’unione bancaria attraverso un sistema di assicurazione dei depositi per le banche europee e riforme dell’accordo di stabilità e crescita attualmente in fase di stallo.

Il primo ministro italiano Mario Draghi, desideroso di consolidare la sua presidenza di successo per otto mesi, chiederà azione a Berlino e parole affettuose. La sconfitta CDU e i suoi alleati dell’Unione cristiano-sociale bavarese, probabilmente in conflitto con sospette concessioni tedesche in Europa, saranno molto più ostili alle sospette concessioni tedesche in Europa di quanto non lo siano stati nel governo sotto Angela Merkel, ora cancelliere ad interim.

Schulz vuole assicurarsi un’alleanza tra SPD, Verdi e FDP il più rapidamente possibile per dare energia a quella che spera sarà una cancelleria riformista. Desidera negare all’FDP qualsiasi possibilità di riaprire i colloqui di partenariato con la ricostituita CDU/CSU dopo che i partiti conservatori hanno sostituito Armin Laschet, il loro sfortunato candidato al ballottaggio del 26 settembre.

L’impegno italiano di Scholz nasce in parte da una campagna per ricostruire i ponti con la Banca Centrale Europea. Poco dopo aver assunto la carica di ministro delle finanze nel marzo 2018 nell’ambito dell’accordo di coalizione SPD con la Merkel, Schulz ha sviluppato un buon rapporto personale con Draghi, allora presidente della BCE.

Schulz ha contribuito a spianare la strada a un piano per uscire dal debito della Grecia dopo otto anni di salvataggi internazionali. Ciò ha portato al ritorno della normale finanza greca, ha ammorbidito il ruolo della Banca centrale europea nel controllo del debito greco e ha sanato alcune delle divisioni tra Draghi e la Germania durante gli otto anni di Wolfgang Schäuble come ministro delle finanze.

READ  In futuro gli NRI potrebbero provenire da questi paesi

In una lunga sezione sull’Europa, l’accordo tripartito iniziale del 15 ottobre punta fortemente su Emmanuel Macron, fissando l’obiettivo di sostenere la “sovranità strategica” dell’Europa, lo slogan preferito del presidente francese. I tre presunti alleati hanno rilasciato forti dichiarazioni di sostegno europeo nelle dichiarazioni elettorali. Ma l’SPD-Verdi-FDP collettivamente non è all’altezza delle iniziative pionieristiche. Un esempio tipico degli sforzi per scremare le potenziali differenze è l’affermazione nell’accordo iniziale a favore di una “cooperazione più forte tra gli eserciti nazionali europei”. Questo è molto al di sotto dell’ovvio appello per un esercito europeo che si è classificato in alto nelle classifiche federaliste europee per 70 anni.

Figura 1: Parole d’ordine negli accordi politici tedeschi

I confronti tra il documento iniziale “semaforo” e il CPA finale dettagliato a marzo 2018 tra CDU, CSU e SPD sono stati distorti dalla significativa differenza nelle lunghezze dei due documenti (vedi tabella). La prolungata fedeltà all’ultima coalizione tedesca, che ha seguito il crollo dei colloqui molto documentati nel 2017 tra CDU/CDU, i Verdi e il Partito Libertà e Giustizia, è servita da monito a tutte le parti nell’ultima contrattazione di coalizione.

L’emergere dei Verdi 2021 è testimoniato dalla grande importanza di parole come “clima”, “sostenibilità” e “donne”. Le parole d’ordine più utilizzate nel linguaggio politico tedesco sono “digitale” e “digitalizzazione”, che esprimono un desiderio generale di far progredire il paese in un campo in cui molti critici in patria e all’estero ne sottolineano i gravi difetti. Il termine “numerico” è usato con approssimativamente la stessa frequenza in entrambi i testi (impostato su una lunghezza molto più breve rispetto alla dichiarazione del 2021).

READ  Il centro sinistra ha preferito prendere Roma nelle repliche comunali italiane

Tuttavia, tutti i partner comprendono che la modernizzazione delle strutture economiche della Germania richiederà sforzi che vanno ben oltre la formulazione delle parole nei documenti della coalizione.

David Marsh è il presidente del consiglio di amministrazione di OMFIF.

Venerdì 22 ottobre, l’OMFIF riunisce esperti del Ministero federale dell’economia, del Ministero federale delle finanze e dell’Institut der Deutschen Wirtschaft per una tavola rotonda informale per discutere del mutevole panorama politico ed economico della Germania. Richiedi di venire qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *