Italia: Divieto regionale al lavoro agricolo quando fa caldo dopo la morte di un lavoratore maliano

Dopo la morte di un lavoratore migrante, la regione meridionale della Puglia, in Italia, ha vietato il lavoro agricolo durante la parte più calda della giornata. Kamara Fontamati, del Mali, è morta dopo essere collassata mentre lavorava all’aperto con un caldo di 40 gradi la scorsa settimana.

La regione Puglia ha annunciato sabato il divieto di lavoro agricolo. Dalle 12:30 alle 16:00, i lavoratori agricoli della regione meridionale dovrebbero interrompere il lavoro se esposti a un’esposizione prolungata al sole, secondo una valutazione fisica e una valutazione del rischio delle temperature esterne.

Il divieto limitato, che ha effetto immediato, durerà fino al 31 agosto, hanno affermato i funzionari regionali in una nota.

Si indaga sulla morte dell’agricoltore

La mossa è arrivata troppo tardi per la bracciante agricola maliana di 27 anni Kamara Fontamati, morta la scorsa settimana mentre tornava a casa dal lavoro.

“Ha smesso di pedalare, ha posato la bicicletta a terra e si è inginocchiato. Poi è crollato. Così è finita la vita di Camara Fontamadi”, scrive il giornale. Repubblica Annunciato venerdì 25 giugno.

Lavoratore stagionale presso Fontamaty Princi. All’inizio della scorsa settimana si è trasferito da Eboli con il fratello per vivere a Tuturano. Giovedì stava lavorando nei campi a 40 gradi quando ha parcheggiato la bici, l’ha appoggiata a terra e si è inginocchiato mentre la sua bicicletta tornava a casa. Poi è crollato ed è morto.

Funzionari locali hanno detto che è stata avviata un’indagine sulla morte di Pantamadi.

Ondata di caldo

I meteorologi affermano che l’Italia sta vivendo ondate di calore, con temperature che dovrebbero salire fino a 44 o 45 gradi in alcune parti del sud.

READ  La piccola italiana scozzese Assura a nome della squadra che ha vinto Euro 2020

Migliaia di fattorie temporanee dall’Africa e dall’Est Europa raccolgono frutta e verdura dai campi italiani. Sono spesso sottopagati o sfruttati e vivono in campi di fortuna. Si dice che Fontamadi venga pagato 6 all’ora.

Molti immigrati lavorano senza contratto nell’ambito di un’organizzazione illegale chiamata “Caboralado”. In questo sistema, i lavoratori sono costretti a svolgere occupazioni, a volte da mafie locali – “caborali” o intermediari, e organizzano il reclutamento e il trasporto giornalieri di lavoratori nei campi.

In Focia e in Cambogia, un’importante operazione questo mese ha portato all’arresto di sette persone accusate di sfruttare i lavoratori migranti, compresi “cambiamenti drastici”. […] Anche nelle ore più calde della giornata. “

I lavoratori agricoli migranti protestano in Piazza Montecitorio durante uno sciopero del 18 maggio 2021 a Roma, in Italia, da parte di un gruppo di lavoratori agricoli che chiedono diritti e diritti | Foto: Image Alliance / Sirio Decidor / Norphoto

Ricardo Rossi, sindaco della Francia, ha detto in un’intervista Roy News24 Sabato non c’erano prove mediche sul posto di lavoro per Fontamati e altri cani da fattoria.

“È stata una morte disumana”, ha detto Rosie. “Queste sono aree inaccettabili, soprattutto durante queste ore e temperature. Ha bisogno di essere controllato”.

Sito di notizie RAPPORTO PRINDICEAlla richiesta di donazioni per restituire il corpo di Fontamati al Mali, ha detto: “È morto di sfruttamento, non di malattia”.

Con AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *