Italia: Archeologi scoprono “stanza degli schiavi” a Pompei | Notizie | DW

Gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una “stanza degli schiavi” nella villa romana di Pompei, hanno detto i funzionari sabato.

Un raro ritrovamento in un’antica città sepolta nelle ceneri quando il Vesuvio eruttò nel 79 d.C. sembra essere stato ben conservato.

All’inizio di quest’anno è stato scoperto un carro cerimoniale completo in un sito dell’Italia meridionale. Gli archeologi ritengono che in quella stanza potessero esserci degli schiavi accusati di prendersi cura del rospo.

Cosa è stato trovato nella stanza?

La stanza di 16 metri quadrati (170 piedi quadrati) aveva tre letti in legno, vasi di ceramica e un vaso da soggiorno.

I due letti sono lunghi circa 1,7 metri (circa 5 piedi e 7 pollici) e uno è di soli 1,4 metri. C’era solo una piccola finestra nella stanza.

Negli angoli della stanza c’era una specie di contenitore – ambra – che sembrava appartenere al padrone di casa. Le autorità ritengono che gli schiavi custodissero le loro cose in due ambra sotto i letti.

Gli archeologi hanno trovato una scatola di legno al centro della stanza e un cassetto appoggiato al letto.

Nelle vicinanze, una cassa di legno conteneva oggetti metallici e tessuti che “sembrano essere parti di selle per cavalli”, secondo il Parco Archeologico di Pompei.

Una ‘finestra’ sulla vita quotidiana degli schiavi

I funzionari hanno salutato la scoperta come una rara visione della schiavitù e della vita quotidiana degli schiavi.

“È una finestra sulla pericolosa realtà di persone che raramente compaiono nelle fonti storiche, scritte quasi esclusivamente da uomini d’élite”, ha affermato Gabriel Justrick, direttore generale di Pompei.

READ  Fai attenzione a queste potenziali discrepanze nello stipendio di dicembre

“La” testimonianza unica “di come vivevano i più vulnerabili nella società antica è una delle scoperte più emozionanti della mia vita di archeologo”, ha affermato Zuchtriegel in una nota.

La stanza è stata scoperta durante gli scavi in ​​una delle ville suburbane. “Non ci aspettavamo di ottenere una stanza del genere, ma ci siamo spesso passati davanti”, ha detto Zuchtriegel, nato nello stato sud-occidentale tedesco del Baden-Württemberg.

“Questa nuova importante scoperta arricchisce la nostra comprensione della vita quotidiana degli antichi pompeiani, tanto più che quella classe non è ancora conosciuta nella comunità”, ha affermato il ministro della Cultura italiano Dario Francisini.

Riscoperta nel XVIII secolo, Pompei è una delle attrazioni turistiche più popolari d’Italia e ancora una volta rivela scoperte entusiasmanti.

fb / nm (AFP, AP, dpa, Reuters)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *