Italia, Algeria per lanciare progetti congiunti politici, economici ed energetici

DUBAI: L’emancipazione delle donne in posizioni di leadership in tutto il mondo continua a rimanere indietro, un anziano ministro degli Emirati Arabi Uniti ritiene che alcuni governi stiano adottando misure per incoraggiare le leader donne.

Il ministro di Stato per lo sviluppo degli Emirati Arabi Uniti Ohud Al-Roumi ha presentato la richiesta durante una sessione al vertice del governo mondiale a Dubai lunedì dal titolo “Donne al governo: creare un futuro migliore per il mondo”.

Nel suo discorso, al-Rumi ha chiesto una maggiore rappresentanza femminile nella leadership e che più donne svolgano un ruolo chiave nelle discussioni su questioni globali.

“Semplicemente non possiamo parlare del nostro mondo senza mettere le donne al centro della conversazione”, ha affermato, aggiungendo che le donne rappresentano solo il 26,1% dei seggi parlamentari e il 22,6% degli incarichi ministeriali in tutto il mondo.

“C’è bisogno di più donne nella leadership del governo in tutto il mondo. L’attuale velocità di avanzamento non è sufficiente.

Al-Rumi ha affermato che è necessario aumentare l’impatto sulle donne. Ha usato il suo viaggio dal settore privato al governo come lezione su come intimidire le donne e gli uomini.

“Ho aderito al programma di leadership, guidato da uomini e donne, il che ha permesso alla mia attuale posizione di prosperare”, ha detto.

“Il supporto è necessario per plasmare i leader del futuro e della prossima generazione. Crescere 10 giovani donne e responsabilizzarle.

Il World Government Summit Expo 2020 si sta svolgendo a Dubai, in concomitanza con gli ultimi giorni dell’evento globale.

Fondata quasi un decennio fa, la conferenza mira a identificare le opportunità e definire l’agenda per i futuri governi. Attrae alti funzionari governativi, alti rappresentanti di organizzazioni internazionali, leader del settore privato, pensatori, commentatori, futuristi ed esperti.

READ  Lilly ha vinto il PSG per il titolo Ligu 1, con la Juve che è arrivata quarta in Italia

I relatori generalmente discutono delle sfide globali più urgenti, suggeriscono modi per migliorare le prestazioni del governo e affrontano questioni come affrontare i cambiamenti bruschi. Quest’anno, il vertice ha creato 15 forum globali per affrontare le minacce provenienti dai mercati finanziari volatili e dai nuovi mondi virtuali.

“Il lancio di questi forum globali fa parte dell’obiettivo di identificare ed evidenziare le tendenze globali più importanti nei settori chiave e comunicare politiche, strategie e piani che miglioreranno la prontezza e l’adattabilità dei governi per la prossima fase di sviluppo”. Lo ha affermato Mohammed bin Abdullah Al-Gergawi, Ministro degli Affari di Gabinetto degli Emirati Arabi Uniti e Presidente della World Government Summit Foundation.

Tra le donne leader di tutto il mondo che hanno partecipato lunedì, il ministro serbo per i diritti umani e le minoranze, Cordana Comic, ha affermato che è giunto il momento di riconoscere che “le donne sono la metà di tutto” nella sessione “Women in Government”.

Ha detto: “Il mio ruolo moderno di donna deve essere armonioso e non confrontarsi con passato e tradizioni. Noi che siamo educati siamo ancora istruiti. Ci viene sempre detto di prenderci cura degli altri; agli uomini viene insegnato a prendersi cura gli uni degli altri. Umani, clima e mondo, a prendersi cura degli altri Insegneremo agli uomini.

Patricia Francord, ministro dell’Occupazione e degli affari sociali delle Seychelles, ha descritto come ha imparato a vivere in modo flessibile nel Regno Unito. “Emozione e flessibilità sono qualità che vuoi condividere, qualcosa che noi donne dobbiamo fare”, ha detto.

Cercando di condividere ciò che aveva guadagnato vivendo nel resto del mondo, Francord ha detto che quando è tornato alle Seychelles ha creato “armadi delle risorse” e avviato seminari.

READ  Italia vs Irlanda del Nord: Ian Barclays esorta i giocatori a diventare storici nel settore farmaceutico

Sono stati condotti seminari rivolti alle donne nella leadership che sentivano di dover fare il possibile.

Prima di entrare a far parte del governo, Francord, uno psichiatra, ha affermato di non separare la sua conoscenza dalla sua esperienza, sottolineando che una buona salute mentale dovrebbe prosperare. Ha consigliato alle donne di non scoraggiarsi, anche se sono una minoranza, a spingere e sfidare.

Hessa Buhmid, ministro per lo sviluppo comunitario negli Emirati Arabi Uniti, ha affermato che “una madre, una figlia, una zia, come si chiama” – che le donne hanno altri ruoli in una comunità oltre a essere coinvolte nel lavoro o nel governo.

“Le donne hanno molte responsabilità, ma è molto importante che si concentrino sulla famiglia. I ruoli devono essere più equilibrati di prima”, ha detto.

INNumeri

Più di 4.000 partecipanti.

Più di 110 relatori.

Più di 110 sessioni e workshop.

Più di 30 aziende internazionali.

Discutendo il ruolo delle donne nel plasmare l’economia resiliente, il ministro egiziano della pianificazione, della supervisione e della riforma amministrativa Hala El-Sayed ha sottolineato la necessità di mandati che sostengano la scelta delle donne in termini di volontà politica, struttura istituzionale e leadership. “Servono donne qualificate. Dobbiamo investire nelle donne “, ha affermato.

Il ministro delle finanze marocchino Nadia Fettah Alaoui ha affermato che le donne dovrebbero essere autorizzate nei settori pubblico e privato.

“Le donne nelle alte cariche possono fornire modi diversi per affrontare i problemi e stabilire le priorità”, ha affermato. “Le donne rurali, in particolare, hanno bisogno di essere educate e incluse”.

In un discorso programmatico separato, Hooda al-Hashimi, viceministro per gli affari strategici degli Emirati Arabi Uniti, ha discusso il ruolo delle donne nel “portare sul tavolo la leadership strategica morale globale”.

READ  Delizia assoluta è stata data ai pellegrini post-epidemia in Italia

Mia Motley, il Primo Ministro delle Barbados, ha definito il concetto di fare la cosa giusta, scegliere le battaglie giuste e lavorare insieme sui grandi temi.

“Il tempo non è dalla nostra parte; Le guerre devono essere vinte immediatamente”, ha detto Motley.

“Tutte le persone, non solo i governi, hanno un ruolo da svolgere nel rendere il mondo un posto migliore. La tecnologia è un amplificatore grazie all’accesso alle informazioni. La tecnologia può democratizzare, ma, se non utilizzata correttamente, portare alla repressione.

Ha aggiunto: “Bisogna fare la cosa giusta. Costruire fiducia e partnership sono cose che alla fine verranno ricordate.

“Come esseri umani, abbiamo più cose in comune che dividerci. Il progresso non avviene sempre in linea retta. La capacità di concentrarsi, essere radicati e umili è importante.

Anwar Karkash, Consigliere Diplomatico del Presidente degli Emirati Arabi Uniti. (Fornito)


“Siamo pronti per un nuovo ordine mondiale?”

Martedì, durante la sessione plenaria, ha chiesto: “Siamo pronti per il nuovo ordine mondiale?” Tra le tante questioni discusse c’era la convivenza con l’Iran.

Anwar Karkash, consigliere diplomatico del Presidente degli Emirati Arabi Uniti, afferma che gli Emirati Arabi Uniti si stanno avvicinando a tutte le parti nel tentativo di ridurre le tensioni in Medio Oriente mentre il mondo attraversa un decennio difficile.

Ha detto che la missione degli Emirati Arabi Uniti era trovare un modo per lavorare con l’Iran: “Ci stiamo avvicinando ad amici e nemici e stiamo ricostruendo ponti”.

“Non accetteremo tutto ciò che vogliono fare. Il Medio Oriente non è solo per Iran e Israele”.

Karkash ha detto che voleva voltare pagina sull’area e raggiungere tutti. “La nostra intera missione è trovare un modo per lavorare con l’Iran e garantire che ci sia un’agenda per la stabilità e la prosperità nella regione, compreso l’Iran e altri”, ha affermato.

Il consulente ha sostenuto che le domande su democrazia e dittatura non erano binarie, evidenziando i vari approcci alla governance epidemica nel Govt-19.

“Ogni sforzo democratico nel mondo arabo è diventato ideologico o tribale, quindi non so se questo è qualcosa che possiamo fare con successo. Ma abbiamo bisogno di gestione, ha bisogno di molti elementi. Probabilmente è tra i due.

L’opinione di Kharkash è stata ripresa dal presidente e CEO del Consiglio Atlantico Frederick Kembe, che ha descritto la legittimità nei governi accettati dai cittadini come il modo migliore per costruire comunità.

“Il problema è se esiste un governo efficace e se le persone lo considerano legittimo”, ha affermato.

“La democrazia è un modo per raggiungere questo obiettivo, ma ci sono altri modi. La legittimità è ottenuta dai governi che possono fornire beni e servizi alla loro gente.

“La libertà delle persone, i diritti umani e i governi devono garantire ordine, sicurezza e salute”, ha affermato Kempe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *