Israeliani e palestinesi si preparano ai disordini per la marcia ultranazionalista | Israele

Gli israeliani e i palestinesi Si preparano a potenziali disordini in vista di una marcia pianificata da ultranazionalisti in tutta Gerusalemme Est che potrebbe innescare proteste e scontri con la polizia poche settimane dopo Guerra di Gaza 11 giorni.

La marcia costituisce un primo banco di prova per il fragile nuovo governo israeliano. Chi ha prestato giuramento domenica Comprende partiti di tutto lo spettro politico, incluso un piccolo partito arabo.

L’annullamento del raduno avrebbe aperto il premier, Naftali Bennett, e altri membri di destra della coalizione sono stati oggetto di pesanti critiche da parte di coloro che potrebbero vederla come una capitolazione ai leader di Hamas a Gaza.

Hamas ha invitato i palestinesi a “resistere” alla marcia.

Mansour Abbas, il cui piccolo partito è la prima fazione araba a unirsi alla coalizione di governo, ha detto a una stazione radio locale che si oppone a qualsiasi “provocazione”, aggiungendo che “tutti coloro che hanno visto e seguito questo spettacolo ne conoscono lo scopo”.

La polizia ha approvato una strada che attraverserà Bab al-Amud nella Città Vecchia di Gerusalemme, dove i manifestanti palestinesi si sono scontrati con la polizia per le restrizioni agli incontri pubblici durante il mese sacro del Ramadan ad aprile e maggio.

Il tumulto alla fine si è diffuso a Complesso della Moschea di Al-Aqsa, un luogo sacro per ebrei e musulmani e fuso con le proteste contro Ha minacciato di sfrattare dozzine di famiglie palestinesi da coloni ebrei.

Ogni anno, i nazionalisti israeliani sventolano bandiere blu e bianche e intonano slogan mentre marciano attraverso Bab al-Amud e nel cuore dell’affollato quartiere musulmano per celebrare la presa di Gerusalemme est da parte di Israele nella guerra del 1967.

READ  "Io lavoro": il dottore porta Zoom in tribunale durante l'intervento | California

Lo spettacolo era originariamente previsto per il 10 maggio. Quando migliaia di attivisti ebrei hanno iniziato la marcia, alla polizia è stato ordinato di cambiare corsia per evitare Bab al-Amud. Poi gli agenti di Hamas a Gaza hanno lanciato una raffica di razzi verso Gerusalemme, iniziare una guerra che ha ucciso più di 250 palestinesi e ucciso 13 persone in Israele.

Il vice portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq ha affermato che i funzionari delle Nazioni Unite hanno esortato tutte le parti a evitare “provocazioni” al fine di consolidare il cessate il fuoco non ufficiale che ha fermato la guerra di Gaza.

Omar Bar-Lev, il nuovo ministro che sovrintende alla polizia, ha detto che i funzionari della sicurezza gli hanno assicurato che erano pronti per la marcia. Non ha specificato quale strada prendere.

I media israeliani hanno affermato che la folla stava camminando davanti a Bab al-Amud, ma non voleva entrare nel quartiere musulmano. Centinaia di poliziotti saranno schierati nella marcia, che dovrebbe iniziare questa sera presto.

Israele ha annesso Gerusalemme Est dopo la guerra del 1967 e ha considerato l’area, sede dei siti religiosi più sensibili della città, come parte della sua capitale. Le rivendicazioni contrastanti di palestinesi e israeliani per la città santa sono al centro del conflitto e hanno scatenato numerose violenze.

Hamas ha rilasciato una dichiarazione invitando i palestinesi a “coraggiosa resistenza” alla marcia. Ha esortato le persone a radunarsi nelle strade della Città Vecchia e nella moschea di Al-Aqsa “per resistere all’occupante e resistere con tutti i mezzi per fermare i suoi crimini e la sua arroganza”.

Muhammad Shtayyeh, primo ministro dell’Autorità palestinese sostenuta a livello internazionale, ha condannato la marcia, descrivendola come “una provocazione e un’aggressione contro il nostro popolo”.

READ  Un sostenitore di Joe Biden ha detto di nascondere la firma dei passeggeri "violati" nella fila dell'aeroporto statunitense | mondo | Notizia

Il canale israeliano 13 ha detto che l’esercito è in massima allerta nella Cisgiordania occupata e lungo il fronte di Gaza, in preparazione a possibili violenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *