Israele furioso mentre la Polonia firma una legge che limita le rivendicazioni di proprietà | Notizie Israele

Israele ricorda il suo alto diplomatico in Polonia dopo che il presidente ha approvato un disegno di legge che limita le richieste di risarcimento nell’era della seconda guerra mondiale.

Il presidente polacco decise di firmare un disegno di legge che avrebbe posto limiti alla capacità degli ebrei di reclamare le proprietà sequestrate dagli occupanti nazisti tedeschi e detenute dai governanti comunisti dopo la guerra, facendo infuriare Israele, che chiamò la legge “antisemita”.

“Ho preso una decisione oggi sulla legge, che negli ultimi mesi è stata oggetto di un intenso e rumoroso dibattito in patria e all’estero”, ha detto Andrzej Duda in una nota pubblicata sabato.

“Dopo un’analisi approfondita, ho deciso di firmare l’emendamento”.

Prima della seconda guerra mondiale, la Polonia ospitava una delle più grandi comunità ebraiche del mondo, ma è stata quasi completamente spazzata via dai nazisti e dagli ex proprietari terrieri ebrei e dai loro discendenti che stavano combattendo per un risarcimento.

Fino ad ora, gli ebrei espatriati o i loro discendenti potevano presentare un reclamo per il sequestro illegale della proprietà e chiederne la restituzione, ma i funzionari polacchi hanno sostenuto che ciò causa incertezza sulla proprietà della proprietà.

Nel 2015, la Corte costituzionale polacca ha stabilito che dovrebbero esistere termini specifici dopo i quali le decisioni amministrative sugli atti di proprietà non possono essere impugnate. Il parlamento polacco ha adottato modifiche alla legge all’inizio di questa settimana.

Il disegno di legge pone un limite di 30 anni alle richieste di rimborso.

La questione dei diritti di proprietà degli ebrei in Polonia è ulteriormente complicata dal fatto che, a differenza di altri paesi dell’UE, non ha creato un fondo per risarcire le persone le cui proprietà sono state confiscate.

READ  Gli Stati Uniti possono aggiungere due stelle alla bandiera in quanto capitale e Porto Rico prevede di essere stati entro 10 anni notizia

legge immorale

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha criticato la decisione e sabato ha ordinato all’incaricato d’affari a Varsavia di tornare.

“Oggi la Polonia ha approvato, non per la prima volta, una legge immorale e antisemita”, ha affermato Lapid in una nota di sabato.

“Questa sera ho incaricato l’incaricato d’affari della nostra ambasciata a Varsavia di tornare immediatamente in Israele per consultazioni a tempo indeterminato”, ha detto.

Lapid ha aggiunto che “il nuovo ambasciatore israeliano in Polonia, che doveva partire per Varsavia, rimarrà per il momento in Israele”.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha criticato la legge definendola “vergognosa” e ha affermato che mostra “disprezzo vergognoso per la memoria dell’Olocausto”.

“Questa è una misura pericolosa alla quale Israele non può rimanere indifferente”, ha affermato in una nota.

Lapid ha affermato che il ministero degli Esteri raccomanderà all’inviato polacco in Israele, che attualmente è in vacanza, “di continuare il suo congedo nel suo paese”.

“Dovrebbe usare il tempo a sua disposizione per spiegare ai polacchi il significato dell’Olocausto per gli israeliani”, ha detto Lapid.

Gli Stati Uniti si sono uniti a Israele nella sua opposizione alla legislazione e Lapid ha affermato che Israele è in trattative con gli americani per ulteriori misure.

Sei milioni di polacchi, metà dei quali ebrei, furono assassinati durante la seconda guerra mondiale in Polonia.

READ  L'ex avvocato di Trump interrogato sull'indagine sulla Russia dopo due anni di battaglia | Donald Trump

Dopo la guerra, le autorità comuniste nazionalizzarono un gran numero di proprietà che furono lasciate vuote perché i loro proprietari furono uccisi o fuggiti.

Mentre la legge copre sia i richiedenti ebrei che non ebrei, gli attivisti affermano che i proprietari ebrei saranno colpiti in modo sproporzionato perché spesso ritardano la presentazione di reclami dopo la guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *