Israele consente esportazioni limitate da Gaza un mese dopo la tregua | Notizie di Gaza

Israele ha permesso una ripresa limitata delle esportazioni commerciali dalla Striscia di Gaza bloccata in quella che ha descritto come una misura “condizionata”, un mese dopo che la tregua ha interrotto un’offensiva di 11 giorni sulla striscia.

“A seguito di una valutazione della sicurezza, è stata presa la decisione per la prima volta dalla fine (dei combattimenti) di consentire … () un’esportazione limitata di prodotti agricoli dalla Striscia di Gaza”, ha affermato COGAT, una filiale del ministero della Difesa israeliano. di lunedi.

Il Coordinatore delle attività di governo nei Territori ha affermato che questa misura è stata approvata dal governo del primo ministro Naftali Bennett ed è “condizionata al mantenimento della stabilità della sicurezza”.

Funzionari palestinesi, che hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a parlare con i media, hanno affermato che 11 camion carichi di vestiti sono stati esportati attraverso il valico di Kerem Shalom (Kerem Abu Salem) per la prima volta in 40 giorni. Domenica, Israele ha dichiarato che avrebbe consentito esportazioni agricole limitate da Gaza.

Un poliziotto palestinese ispeziona un camion carico di tessuti che dovevano essere esportati al valico di Kerem Shalom (Kerem Abu Salem) a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 21 giugno 2021. [Said Khatib/AFP]

L’agevolazione includeva anche la ripresa del servizio postale dentro e fuori Gaza, secondo Saleh al-Zaq, un funzionario del Comitato di collegamento dell’Autorità palestinese. Migliaia di passaporti e documenti sono stati ritardati da quando sono scoppiati i combattimenti tra Israele e Hamas, il gruppo palestinese che governa Gaza, il 10 maggio.

Tuttavia, altre restrizioni imposte da Israele rimangono in vigore e colpiscono vari settori a Gaza.

Lunedì, l’impianto di imbottigliamento PepsiCo ha dichiarato di chiudere e licenziare 250 lavoratori perché le materie prime necessarie per rimanere in attività sono state respinte. Invece, la società importerà prodotti finiti dalla sua fabbrica nella Cisgiordania occupata.

READ  Colpo di stato del Myanmar: l'esercito blocca l'accesso a Facebook mentre cresce la disobbedienza civile | Sviluppo globale

“Le materie prime non sono consentite. Le stiamo aspettando da 60 giorni”, ha affermato Hammam Al Yazigi, responsabile dello sviluppo dello stabilimento. I materiali includono anidride carbonica e sciroppo.

Nizar Ayyash del Sindacato dei pescatori ha affermato che la ripresa delle esportazioni non include il pesce. Ha detto che Israele ha ridotto la pesca di oltre la metà, mantenendola a sei miglia nautiche (11 km) invece di 20 miglia (37 km), come concordato negli accordi di Oslo.

“Questo è molto negativo per il sostentamento dei pescatori; il potere d’acquisto è basso a Gaza ei pescatori difficilmente compensano le spese di carburante.

Altre restrizioni includono una limitazione al numero di pazienti che possono ricevere cure in Israele o nella Cisgiordania occupata.

Il capo dell’ala politica del movimento palestinese Hamas nella Striscia di Gaza Yahya Sinwar parla ai giornalisti durante una conferenza stampa a Gaza City il 21 giugno 2021. [Mohammed Abed/ AFP]

Non c’è alcuna intenzione di risolvere una crisi umanitaria

Dopo un incontro con i mediatori delle Nazioni Unite, il leader di Hamas a Gaza Yahya Sinwar ha affermato che l’allentamento delle restrizioni israeliane non è stato sufficiente e non ha fatto nulla per cambiare la situazione a Gaza, osservando che Israele continua a bloccare gli aiuti internazionali, così come i biocarburanti. Rifornimenti per la centrale elettrica.

“L’incontro è stato negativo e per nulla positivo”, ha detto ai giornalisti.

Al-Sinwar ha aggiunto: “Ci hanno ascoltato con interesse, ma non ci sono indicazioni di intenzioni per risolvere la crisi umanitaria nella Striscia di Gaza”.

Ha aggiunto che Israele stava “ricattando” Hamas in cambio della revoca di ulteriori restrizioni.

A quanto pare Sinwar si riferiva alla posizione di Israele secondo cui un miglioramento significativo a Gaza dipende dal rilascio di due israeliani da parte di Hamas e dei corpi di due soldati che detiene. Sinwar ha detto di aver detto al principale inviato regionale delle Nazioni Unite, Tour Winesland, che Hamas “non lo accetterà”.

READ  Dentro la città più fredda d'Europa che è diventata una spaventosa città fantasma deserta - notizie dal mondo

Israele mantiene rigide restrizioni ai valichi di Gaza, con il sostegno del vicino Egitto, citando le minacce di Hamas. Le restrizioni israeliane si sono intensificate durante i combattimenti di maggio, bloccando di fatto tutte le esportazioni.

Sinwar ha anche accusato Israele di non ricevere aiuti dal Qatar, che negli ultimi anni ha finanziato centinaia di milioni di dollari in progetti di ricostruzione di Gaza.

“Sembra che l’occupazione (Israele) non abbia compreso il nostro messaggio e che forse abbiamo bisogno di fare resistenza popolare per fare pressione sull’occupazione”, ha detto Sinwar.

L’ufficio del primo ministro israeliano Naftali Bennett non ha commentato i commenti di Sinwar.

Durante una funzione commemorativa domenicale per i soldati israeliani uccisi nella guerra di Gaza del 2014, Bennett, che ha prestato giuramento la scorsa settimana ed è succeduto al primo ministro di lunga data Benjamin Netanyahu, ha affermato che Israele non tollererà alcuna ripresa delle ostilità.

“(Noi) non tollereremo nemmeno pochi razzi”, ha detto, riferendosi a precedenti attacchi di gruppi armati diversi da Hamas, “non tollereremo e non eserciteremo contenimento nei confronti delle fazioni scisse”.

“La nostra pazienza si è esaurita.”

L’Egitto e le Nazioni Unite hanno intensificato la mediazione la scorsa settimana dopo che gli aerei israeliani hanno bombardato la Striscia di Gaza sfidando un fragile cessate il fuoco.

La guerra ha ucciso 257 palestinesi, tra cui 66 bambini. 13 persone sono state uccise in Israele, tra cui due bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *