Isaac Herzog: il nuovo presidente israeliano è un veterano del centrosinistra israeliano

L’elezione di Isaac Herzog da parte dei membri del Parlamento come nuovo presidente israeliano, sullo sfondo delle deliberazioni della coalizione che potrebbero concludersi con la lunga permanenza al potere di Benjamin Netanyahu come primo ministro del paese, è un elegante pezzo dell’analogia e certamente simbolico.

Come ha scritto Alison Kaplan-Somer sul quotidiano di sinistra Haaretz, Herzog è tanto vicino ai “re” quanto immagina il sistema politico israeliano, e fa parte dell’élite un tempo dominante ashkenazita – un riferimento agli ebrei che arrivarono dall’Europa – che ha costituito uno stato per decenni dopo la fondazione nel 1948.

Il figlio di origine irlandese di Chaim Herzog, che ha servito come presidente dal 1983 al 1993, e suo nonno era il rabbino Yitzhak Halevi Herzog, il primo rabbino capo d’Irlanda per più di un decennio, prima di diventare rabbino capo di Palestina, e poi di Israele , dal 1936 al 1959.

Suo zio Abba Eban, forse il diplomatico più famoso del paese, era ministro degli esteri israeliano e ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite e gli Stati Uniti.

120 parlamentari hanno scelto Herzog al posto di Miriam Peretz, considerata più vicina al campo politico conservatore e nazionalista del Paese, per succedere a Reuven Rivlin, che appartiene allo stesso partito di destra Likud di Netanyahu ma è visto come suo avversario. Il voto sarà inevitabilmente interpretato come un’ulteriore prova della fine dell’era Netanyahu e della politica da lui definita.

Ha messo da parte l’ambiente di sinistra da cui Herzog è emerso come nemico, nel suo appello agli ebrei orientali generalmente più conservatori – come Peretz – che provenivano da luoghi come il Marocco e hanno subito una diffusa discriminazione.

READ  Il processo di Derek Chauvin: guarda un esperto riprendere la sua testimonianza - IN DIRETTA | Notizie dagli Stati Uniti

Il partito laburista, un tempo potente, guidato da Herzog, un ricco avvocato, ha perso influenza nel rimodellare la politica israeliana verso la destra sotto Netanyahu.

Herzog è insolito nel mondo virile, spesso schietto della politica israeliana, in quanto è visto come più gentile, rispettoso e persino gentile di molti dei suoi contemporanei. Alcuni osservatori hanno accusato questo tratto di non aver realizzato la sua prima ambizione di diventare primo ministro.

La carriera politica di Herzog è iniziata come segretario del governo di Ehud Barak tra il 1999 e il 2000. Ha poi corso per la Knesset nella lista del partito laburista tra il 2003 e il 2018, salendo la scala con varie cariche ministeriali fino a salire alla guida del partito dal 2013 al 2018 – rendendolo infruttuoso. Si è candidato alla carica di primo ministro nel 2015.

Dopo aver perso la guida del partito, nel 2018 è stato nominato capo dell’Agenzia Ebraica, un organismo di alto livello che coordina tra Israele e gli ebrei della diaspora, in un ruolo che lo ha aiutato a sviluppare ulteriormente le relazioni politiche e a salire sulla scena sia a livello nazionale che internazionale. Con festosa fioritura.

Netanyahu, che si è opposto senza successo alle ambizioni di Rivlin per lo stesso ruolo, non ha espresso la sua preferenza tra Herzog e Peretz prima delle elezioni. Alcuni osservatori hanno indicato che non vuole sostenere il cavallo sbagliato per il presidente, una posizione che ha il potere di perdonare i reati secondo le “leggi fondamentali” del paese.

Per ora, la domanda è se l’elezione di Herzog rappresenti un segnale di cambiamento nel clima politico in Israele, almeno in termini di politica interna.

READ  La Trump Organization rimuove il direttore finanziario Allen Weisselberg dalle posizioni di leadership

L’ovvio è l’ambizione. Nel suo primo discorso dopo la sua elezione, Herzog ha affermato che intendeva “costruire ponti” all’interno della società israeliana e con la diaspora ebraica e “proteggere le basi della nostra democrazia” – processi che Netanyahu è stato accusato di minare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *