Insediamento di Pompei: la tomba mostra come un ex schiavo è andato lontano | Italia

L’iscrizione sulla lapide testimonia con orgoglio fino a che punto sia andato in vita Marco Vinerius Secondo, un ex schiavo dell’antica città romana di Pompei. In ordine di importanza, elenca le sue realizzazioni dopo essere state modificate. Il primo fu il suo ruolo di custode del Tempio di Venere, costruito poco dopo l’insediamento di Pompei come colonia romana.

Si unì anche ai ranghi degli Augustales, un gruppo di sacerdoti responsabili di una qualche forma di culto dell’imperatore. Ma forse l’indicazione più significativa del suo status finale è che ha finanziato l’intrattenimento sia in greco che in latino.

“Essere uno schiavo è umiliante, sei in possesso di qualcun altro”, ha detto Gabriel Zustregel, direttore del Parco Archeologico di Pompei. “Quindi vediamo qui la prova di un cambiamento nell’assetto sociale … Mostra che è diventato una persona diversa, che lo ha fatto nella vita”.

I resti parzialmente mummificati della mummia di Secondo, compresi i capelli bianchi, le ossa e l’orecchio in parte visibile, sono stati recentemente ritrovati in una massiccia tomba situata in una posizione privilegiata nel cimitero di Porta Sarno, che era una delle principali porte d’ingresso all’antica Pompei.

Secondo, identificato per la prima volta come schiavo generale negli archivi di Caecilius Iucundus, un ricco banchiere che viveva in città, sarebbe morto all’età di 60 anni nei decenni precedenti. Pompei fu distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Nella tomba sono state rinvenute anche due urne, una portante il nome di Novia Amabilis, forse moglie di Secondo, e una moneta commemorativa dell’atletica greca organizzata dall’imperatore Nerone.

READ  Le azioni di ViacomCBS sono scese del 23% dopo che la società ha fluttuato quasi $ 3 miliardi di azioni

La straordinaria scoperta fornisce ulteriori informazioni sulla prosperità di Pompei negli anni precedenti la catastrofica eruzione del Vesuvio e sulla vivace scena culturale della città.

Si sapeva già che a Pompei fiorivano gli schiavi liberati, un esempio notevole è la Casa dei Vettii, una casa ornata in città che era di proprietà di due fratelli che si arricchirono attraverso il commercio. All’interno della casa si trova un affresco raffigurante Priapo, il dio della fertilità, con un grande pene accanto a una valigia piena di denaro che si ritiene simboleggia la fortuna accumulata dai fratelli.

Gli schiavi di solito dovevano pagare una tassa per assicurarsi il loro rilascio. “Naturalmente, c’erano molti schiavi liberati che non diventavano ricchi, e quindi formavano le classi medio-basse, diventando mercanti, artigiani o impiegati pubblici”, ha detto Zustregel. “Ma poi altri sono diventati davvero ricchi, a volte anche più ricchi dei loro ex padroni.”

Ma ciò che è più importante nel caso di Secundio – i cui resti sarebbero i meglio conservati mai a Pompei – è che fu sepolto e non cremato, come avveniva per i pompeiani adulti. Inoltre, il suo corpo è stato imbalsamato.

“Solo i bambini sono stati sepolti, quindi questa sepoltura è qualcosa di davvero eccezionale e può essere un segno dell’importanza e della ricchezza che ha portato alla città e di quanto fosse integrata”, ha aggiunto Zustregel. “Avremo anche bisogno di analizzare i resti per vedere se i materiali sono stati usati di proposito [to preserve the body]. “

Gli schiavi di quel periodo ebbero la fortuna di aver vissuto sotto l’imperatore Nerone, che ne favorì la liberazione rispetto ai senatori romani che a volte tentarono di ricacciarli in schiavitù. Il ruolo di Secondo con i sacerdoti Augustales potrebbe avergli dato maggiore protezione dall’imperatore.

READ  Before Fiddler celebra la ricchezza della musica di Klizmir e il mondo del compositore Sholem Alishim | notizia

L’analisi preliminare del suo scheletro ha mostrato che Secondo non ha svolto lavori manuali pesanti durante la sua vita. “Ma era ancora uno schiavo e lavorava in città”, ha detto Zustregel.

Fu proprio il ruolo di Secundio di custode del Tempio di Venere che lo avrebbe spinto a organizzare feste ludiche che potevano essere qualsiasi cosa, da spettacoli teatrali e gare musicali a giochi di atletica e gladiatori. Il riferimento a Lodi in greco sulla sua lapide è la prima chiara testimonianza di spettacoli a Pompei in greco e riflette anche il clima culturale vivace e aperto dell’antica Pompei, secondo Zuchtriegel. Ha aggiunto: “Abbiamo appreso che molte persone imparavano, studiavano e parlavano il greco, ma questa iscrizione sembra confermare l’esistenza di commedie in greco”.

L’anno prossimo gli archeologi effettueranno ulteriori scavi nel cimitero di Porta Sarno, con l’obiettivo di aprire eventualmente l’area al pubblico. La maggior parte dei resti umani rinvenuti a Pompei appartengono alle vittime del Vesuvio.

Gli scavi a Reggio 5, una vasta area del parco archeologico, hanno portato alla luce lo scorso anno i resti di due uomini ritenuti essere uno schiavo e il suo padrone morti mentre fuggivano dall’esplosione. Negli ultimi anni sono stati ritrovati anche resti di animali, oltre a ville, affreschi e Termopoliao snack bar. Nell’agosto 2019, gli archeologi hanno scoperto a “Il tesoro del mago” Con oggetti d’antiquariato tra cui cristalli, perline di vetro, specchi e borchie in osso.

I reperti attirano a frotte i visitatori del sito. Prima della pandemia di coronavirus, Pompei era uno dei siti archeologici più visitati al mondo. C’era una lunga fila di persone in attesa di entrare nel parco giovedì mattina; Il numero dei visitatori è quasi tornato ai livelli pre-pandemia. Zuchtriegel non ha dubbi che la scoperta di Secundio attirerà di più. Ha detto: “Questa storia, da un angolo della città, è più simile a un prologo… ti trascina dentro l’intera storia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *