India e Stati Uniti raggiungono un compromesso sulle tasse digitali

India e Stati Uniti hanno raggiunto un compromesso sulla tassa di perequazione del 2% o tassa digitale sulla fornitura di servizi di e-commerce applicata dal paese e le misure di ritorsione proposte dagli Stati Uniti contro di essa.

Secondo una dichiarazione ufficiale rilasciata mercoledì dal Ministero delle finanze, “i due paesi hanno concordato i termini per la risoluzione delle misure unilaterali il 21 ottobre 2021 che gli Stati Uniti hanno concordato con Regno Unito, Austria, Francia, Italia e Spagna. .”

New Delhi si è guadagnata tempo fino al 1° aprile 2022 per iniziare il periodo di attuazione dell’accordo provvisorio. “Tra l’India e gli Stati Uniti, il periodo interinale andrà dal 1 aprile 2022 fino all’attuazione del primo pilastro o al 31 marzo 2024, a seconda dell’evento che si verifica per primo”, afferma la nota.

Gli Stati Uniti hanno annunciato a gennaio di quest’anno che la tassa sull’uguaglianza dell’India era discriminatoria e applicabile e a marzo hanno proposto tariffe di ritorsione del 25% su circa 40 prodotti tra cui gamberetti, mobili in legno, oro, argento, gioielli e riso basmati. La commissione potrebbe arrivare a circa $ 55 milioni, che è l’importo approssimativo dell’ora legale pagabile da società con sede negli Stati Uniti come Google, Amazon, Linkedin e Facebook, secondo i calcoli dell’USPTO.

La vendetta delle carte

Tuttavia, a giugno, gli Stati Uniti hanno sospeso l’imposizione di dazi di ritorsione a sei paesi, compresa l’India, per un massimo di 180 giorni per liberare tempo per i negoziati in seno all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e il Gruppo dei Venti sulle tasse internazionali.

Con i due paesi che stanno raggiungendo un compromesso sulla questione, ci si aspetta che gli Stati Uniti abbandonino la loro intenzione di ritorsione.

READ  A Wyandanch Village, la nuova filiale di Chase: Long Island Business News

L’8 ottobre 2021, India e Stati Uniti si sono uniti ad altri 134 membri del Comprehensive Framework dell’OCSE/G20 (tra cui Austria, Francia, Italia, Spagna e Regno Unito) per raggiungere un accordo sulla dichiarazione su una soluzione a due pilastri. affrontare le sfide fiscali derivanti dalla digitalizzazione dell’economia Il 21 ottobre 2021, Stati Uniti, Austria, Francia, Italia, Spagna e Regno Unito hanno raggiunto un accordo su un approccio transitorio alle misure unilaterali esistenti durante l’attuazione del primo pilastro.

“I due Paesi decidono di rimanere in stretto contatto per garantire una comprensione comune dei rispettivi obblighi e cercare di risolvere eventuali ulteriori divergenze di opinioni su questo tema attraverso un dialogo costruttivo; i termini definitivi dell’accordo saranno definiti entro il 1 febbraio 2022. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *