Incontra Mary Philip, coach di Beckham Town

All’inizio di quell’anno, il club francese Clermont Foot, in seconda divisione, ha nominato Helena Costa per gestire la prima squadra maschile, anche se il suo mandato è stato breve anche dopo le dimissioni a causa della “totale mancanza di rispetto” della gerarchia del club. Ben presto, è stata seguita da Corinne Diacre, che ha ricevuto fiori dal manager avversario nella sua prima partita. Nelle tre stagioni in cui ha guidato Diakre, ha portato Claremont al settimo posto, nonostante avesse uno dei budget più giovani del campionato. Attualmente è l’allenatore della nazionale femminile della Francia.

Potrebbero questi pionieri cambiare il quadrante? Nel 2020 in Inghilterra c’erano poco meno di 35.000 allenatori qualificati della Federcalcio; Il numero di donne in possesso di una licenza UEFA A è raddoppiato in tre anni da 41 a 82. Tuttavia, quando il mese scorso l’allenatrice femminile del Chelsea Emma Hayes è stata brevemente legata al lavoro nel club di prima classe maschile AFC Wimbledon, le reazioni sessuali sono state come A promemoria di quanto lontano deve ancora arrivare lo sport. L’episodio ha evidenziato che nessuno dei 158 club nei primi sei livelli del calcio maschile inglese aveva nominato una donna come allenatore. Per molti, c’è ancora la percezione che devi giocare al gioco degli uomini per poter gestire il gioco degli uomini.

Tuttavia, Filippo sembra smentire questa teoria. Da allora, le chiusure del coronavirus hanno ritardato la sfida della loro squadra per un ulteriore successo nella Kent County League, ma la vittoria del primo grande trofeo del club sarà ricordata come un momento “speciale”. Il club è gestito da volontari, tra cui Philip, che nonostante sia in possesso di una licenza “A” sta attualmente allenando la squadra – e ha meno di 18 anni – per amore per il gioco e per il suo club locale, mentre lavora a tempo pieno in il suo lavoro quotidiano aiutando i giovani della comunità. Dice che un ruolo a tempo pieno e retribuito come manager in cima alla piramide sarebbe “bello”, ma solo se il ruolo fosse giusto per lei e la sua famiglia.

READ  Accettazione delle domande per quattro borse di studio | Notizie, sport, lavoro

Le sue capacità di allenatore non passano inosservate e questo inverno le è stato offerto un ruolo con le ragazze under 18 inglesi, ma Philip ha chiarito che ha rifiutato temporaneamente la posizione a causa di impegni di lavoro e familiari durante il blocco. Comprensibilmente, la Federcalcio le tiene spazi aperti quando sarà il momento.

Alle leggende inglesi Rachel Yankee e Vara Williams, così come all’allenatrice dell’Accademia dell’Arsenal Corinne Brown, sono stati offerti ruoli all’interno del gruppo giovanile inglese, come parte di una serie di iniziative della FA per aumentare le opportunità per le allenatrici.

Questo mese, la FA ha anche presentato una nuova “Coaching Excellence Initiative” di 18 mesi che mira a sviluppare allenatori più performanti che lavorano per l’élite del calcio femminile. Il piano non è specificamente mirato a vedere più donne nel calcio maschile, ma Audrey Cooper, capo della divisione sviluppo allenatori femminili della FA, ha detto che fa parte del “tentativo della federazione calcistica di normalizzare le donne in allenamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *