Incendi in Grecia: migliaia di evacuati dal sobborgo di Atene mentre gli incendi infuriano nella peggiore ondata di caldo degli ultimi 30 anni

Migliaia di persone sono state evacuate da Faripoppi, un sobborgo nord-orientale di Atene, e più di 100 case e attività commerciali sono state distrutte mentre elicotteri, aerei e forze di terra combattevano per appiccare un incendio iniziato martedì.

Un totale di 77 persone sono state ricoverate in ospedale con problemi respiratori, secondo funzionari statali, e si prevede che i venti aumentino mercoledì pomeriggio mentre l’incendio continua nella pineta di Faripoppi e Parnitha.

Nel frattempo, la guardia costiera greca stava assistendo alle evacuazioni sull’isola di Evia, mentre i residenti in fuga dagli incendi sono fuggiti a terra per sicurezza.

Si dice che migliaia di animali selvatici siano stati bruciati nel fuoco.

Martedì, dozzine di cavalli hanno vagato per le strade di Faribobi dopo che i proprietari di quattro allevamenti di cavalli della zona non sono stati in grado di evacuarli. Poche ore dopo, molti degli animali sono stati portati in una fattoria sicura.

Una densa nuvola di fumo ha coperto la capitale greca da quando sono scoppiati gli incendi più di 24 ore fa. L’Osservatorio Nazionale di Atene ha consigliato a residenti e visitatori di rimanere in casa, a causa dell’elevata concentrazione di particelle fini nell’aria.

La periferia nord-orientale di Atene è stata duramente colpita lo scorso inverno quando un fronte freddo con molta neve e basse temperature, chiamato Medea, ha lasciato centinaia di case senza elettricità e acqua per un’intera settimana.

La gente del posto come Yiannis Paraskevopoulos, 71 anni, che camminava ogni giorno nella foresta, crede che alberi e rami caduti a terra a causa di abbondanti nevicate siano diventati il ​​combustibile perfetto per questo fuoco.

READ  Afghanistan: la folla sale sul ponte aereo dell'aeroporto di Kabul nel disperato tentativo di fuggire dai talebani

“Siamo stati fortunati che la nostra casa non sia bruciata perché la direzione del vento è cambiata all’ultimo momento”, spiega Paraskevopoulos. Abbiamo ricevuto un messaggio di testo che ci ordinava di evacuare. Siamo partiti, ma dopo qualche ora siamo tornati con mio figlio e abbiamo dormito a turno».

La situazione è peggiorata con temperature in aumento fino a circa 45 gradi Celsius poiché la regione sperimenta alcune delle condizioni più calde d’Europa in una delle ondate di calore più lunghe degli ultimi 30 anni. L’ondata di caldo dovrebbe durare fino alla fine della settimana, ma una nuova ondata di caldo dovrebbe continuare lunedì.

Da martedì sono scoppiati 41 incendi in tutta la Grecia, con il più grande nelle regioni di Kalamata, Mani, Evia e Olimpia. Le case stanno attualmente bruciando a Evia e Olimpia e, secondo i resoconti dei media greci, le persone sono intrappolate dal fuoco.

Al di fuori di Atene, sono stati distrutti migliaia di ulivi e altre piantagioni. Le case sono rimaste senza elettricità né acqua a causa dell’incendio. Le autorità dicono che ci vorranno giorni per riparare i danni.

Un aereo antincendio doma gli incendi nel quartiere Faribobi di Charnes, a nord di Atene

(Anatolia/Getty Images)

Dopo un decennio di austerità, a causa della crisi economica iniziata nel 2008, i vigili del fuoco greci sono rimasti a corto di personale e mal equipaggiati, mentre le strade forestali utilizzate dai camion dei pompieri in caso di emergenza non sono state mantenute.

Anche la vicina Turchia sta vivendo i peggiori incendi boschivi degli ultimi dieci anni.

secondo Servizio di monitoraggio dell’atmosfera Copernicus (CAMS) – Programma di osservazione della Terra dell’Unione europea – all’Europa sudorientale [is] che stanno attualmente vivendo condizioni di ondata di caldo, [and] Il rischio di incendio rimane elevato nella regione, in particolare nella maggior parte della Turchia e nel Mediterraneo”.

I dati EAMS mostrano che l’energia radiante giornaliera totale degli incendi per la Turchia ha raggiunto valori senza precedenti nell’intero set di dati, a partire dal 2003.

I dati di Copernicus mostrano che le emissioni e l’intensità degli incendi boschivi stanno aumentando rapidamente, colpendo non solo Turchia e Grecia, ma anche Marocco, Albania, Macedonia del Nord e Libano.

Il gruppo di risposta ai disastri dell’Unione europea ha affermato che gli aiuti, compresi i vigili del fuoco e gli aerei per la caduta dell’acqua, sono stati inviati dagli Stati membri dell’UE in Italia, Grecia, Albania e Macedonia del Nord.

Segui la situazione con grande preoccupazione. Lo ha scritto su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *