In futuro gli NRI potrebbero provenire da questi paesi

Allo stato attuale, la maggior parte degli NRI al di fuori dell’India proviene dal Medio Oriente o dal mondo occidentale di lingua inglese. Il primo opera principalmente in paesi come Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Qatar, ecc. Questi sono (per lo più) stabiliti in modo permanente o impiegati in paesi come Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda e Irlanda. C’è anche una presenza limitata negli stati membri dell’Unione Europea. Ciò include professionisti IT che lavorano su contratti, imprenditori e dirigenti che gestiscono altre società di proprietà indiana.

Usa il nostro calcolatore di immigrazione per scoprire se sei idoneo a trasferirti in Australia/Canada/Regno Unito/Germania
clicca qui

Sebbene la preferenza per i paesi di lingua inglese possa continuare, potrebbe esserci un elemento di sorpresa poiché altri paesi potrebbero iniziare a recuperare terreno.

La ragione principale per consentire ai lavoratori stranieri e ai coloni nei propri paesi è contro le aspettative demografiche. Quest’ultimo fornisce informazioni sul cambiamento nelle proiezioni demografiche di un paese, aggiungendo età, occupazione e vari altri criteri, nei prossimi decenni. A volte, potrebbe non riguardare la dimensione della popolazione, ma la prevista carenza di forza lavoro critica in occupazioni specifiche – occupazioni o mestieri. Il governo di oggi ha bisogno di pianificare sia per bilanciare la popolazione prevista che il deficit dell’occupazione. Questo va fatto per mantenere accesi i motori dell’economia e per sostenere la dinamica fiscale del Paese. Una popolazione che invecchia richiede più sostegno della previdenza sociale. A ciò si aggiungono i progressi della scienza e della medicina e quindi una durata della vita media più elevata. Ciò che peggiora le cose per questi paesi è il calo della fertilità e l’aumento della migrazione dei giovani verso altri paesi della stessa regione. L’Unione Europea è un tipico esempio in cui i cittadini degli Stati membri sono liberi di lavorare senza alcuna restrizione. Nessuno di questi aiuta perché ogni paese ha bisogno di una percentuale più alta della sua popolazione nella sua fascia di contribuzione per sostenere la sua spesa di bilancio.

READ  Ue approva 191,5 miliardi di euro di recovery fund per l'Italia

E qui sta la dinamica delle destinazioni dove si possono aggiungere forza lavoro, imprenditori e future generazioni di indiani. E gli indiani sono sempre in prima linea nel seguire questa tendenza. Sono incontrovertibili, laboriosi e adattabili alla cultura locale. Gli indiani non sfidano lo status quo di residenti e cittadini.

Paesi come Giappone, Russia, Germania, Francia, Italia, Portogallo, Grecia, Corea del Sud, Stati baltici (Lituania, Lettonia ed Estonia) e Paesi scandinavi come Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia e Islanda sono nuove interessanti destinazioni di insediamento .

La sfida, rispetto al mondo occidentale anglofono, sarà la lingua. La maggior parte di questi paesi offre opzioni di cittadinanza a lungo termine e, nel tempo, ai candidati che sono aperti all’apprendimento della/e lingua/e locale/e. È probabile che molti giovani indiani – 25-40 anni – si trasferiscano, trovino lavoro e si stabiliscano in queste prossime destinazioni. Imparare le lingue straniere è più facile in giovane età.

I segni si vedono già. Germania, Francia e Russia stanno facendo del loro meglio per attirare studenti indiani per studi post-laurea. Imparare la lingua locale è uno standard piuttosto che un’eccezione durante lo studio. Gli stati baltici attirano studenti indiani in medicina e ingegneria e le tasse sono abbordabili. I professionisti indiani, soprattutto nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, andranno a lavorare in numero sempre maggiore in questi paesi. Anche gli individui facoltosi e gli uomini d’affari indiani danno un’occhiata più da vicino alle opzioni di alloggio offerte da molti di questi paesi attraverso i loro programmi di residenza, investendo in immobili. Aziende sempre più ambiziose aprono i loro uffici di rappresentanza. La maggior parte delle opzioni di visto sono di natura a doppio intento. In effetti, significa che sono disponibili percorsi per convertire il visto iniziale per non immigranti in uno status di residente permanente.

READ  Busy Bees amplia la sua offerta di assistenza all'infanzia con l'acquisizione italiana

Nei prossimi due o tre decenni, questa tendenza diventerà visibile. Ma ora stiamo creando potenziali destinazioni per la prossima generazione di NRI!!

agenzie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *