Immigrati deportati dall’Italia in Tunisia maltrattati dalle ONG

Secondo un recente studio condotto da tre gruppi di avvocati, oltre il 70% dei tunisini espulsi dall’Italia – spesso senza accesso alla rappresentanza legale – affronta condizioni di vita disumane nei centri di pre-deportazione.

Un recente articolo di tre importanti ONG (ONG), gli Avocats sans Frontières (ASF) e il Forum tunisino per i diritti economici e sociali (FTDES) afferma che molti migranti tunisini affrontano condizioni di vita precarie nei centri italiani di pre-deportazione (CPR) e non hanno accesso al patrocinio a spese dello Stato. ), e l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI). Questo articolo è basato su interviste a tunisini di ritorno dall’Italia.

“Il viaggio dei migranti tunisini è simile a quello di una raffineria dall’essere stati trattenuti in mare dalla Guardia costiera italiana fino a quando non sono stati rimpatriati in Tunisia e detenuti in luoghi diversi”, ha affermato la Ong.

Le condizioni per i tunisini nel CPR, hanno detto, “sono solo la punta dell’iceberg per la gestione della migrazione, il che mostra che l’attuale approccio alla migrazione si sta muovendo nella direzione della sicurezza”. Hanno invitato le autorità italiane a “garantire il rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani”.

Secondo tre organizzazioni di volontariato, la stragrande maggioranza dei migranti che sono stati rimpatriati forzatamente o volontariamente dall’Italia sono tunisini: oltre il 70% di quelli che sono tornati. Si stima che 1.922 tunisini saranno espulsi entro il 2020 e 1.872 entro il 2021.

La Tunisia è considerata una “patria sicura” in Italia, il che significa che le domande di asilo dei tunisini vengono generalmente respinte e devono affrontare procedure di espulsione rapida.

Gli immigrati non hanno accesso a consulenza o informazioni legali

Le ONG affermano che gli immigrati nei CPR devono affrontare seri ostacoli nel cercare protezione legale e nel presentare ricorso a un giudice.

READ  Cleotna Moloni afferma che l'Irlanda si concentrerà sul conflitto italiano

Secondo quanto riferito, la maggior parte degli immigrati intervistati per i tre enti di beneficenza di volontariato ha affermato di non aver ricevuto informazioni sui loro casi in una lingua che capivano. Secondo uno studio della ONG, l’89% degli ex detenuti per RCP che hanno intervistato non ha indicato i motivi della loro detenzione, l’80% non ha fornito alcuna documentazione dalle autorità italiane al ritorno a casa e il 70% ha dichiarato di no. Non erano disponibili informazioni sulla sicurezza internazionale.

“Limitare l’accesso alle informazioni per gli immigrati è diventata una pratica utilizzata per impedire alle persone di rivendicare i propri diritti, quindi un modo per accelerare il rimpatrio”, hanno affermato le ONG.

Niente letti o sanitari; Cibo insufficiente; Molte persone si sentono insicure

Non solo gli immigrati devono affrontare ostacoli all’informazione e alla rappresentanza legale, ma anche le condizioni di vita nei centri non sono dure, secondo il rapporto dell’ONG.

“Il 52,9% dei rianimatori ha affermato di non avere accesso a un letto, una panca o un materasso e una coperta pulita; il 56,8% ha affermato di non aver accesso ad attrezzature e servizi igienici oltre agli indumenti puliti; il 68,6% non aveva cibo adeguato”, disse il giornale.

Molti degli intervistati dagli insegnanti hanno affermato di non sentirsi al sicuro all’interno delle strutture. L’88,2% degli intervistati ha affermato di essere stato maltrattato durante la RCP, nella maggior parte dei casi dal personale del centro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *