Il telescopio Webb ha lanciato con successo uno schermo solare delle dimensioni di un campo da tennis

James Webb Space Telescope, che Inaugurato il giorno di Natale, martedì ha completato con successo il dispiegamento del parasole da 70 piedi (21 m). Questo importante traguardo è una delle tante cose che devono accadere affinché l’osservatorio della NASA funzioni correttamente nello spazio, e averlo raggiunto è stato un enorme sollievo per il team di Webb.

“L’apertura del parasole nello spazio è una pietra miliare straordinaria e fondamentale per il successo della missione”, ha dichiarato in una nota Gregory L. Robinson, Web Program Manager presso la sede della NASA. “Migliaia di parti hanno dovuto lavorare meticolosamente affinché questa meraviglia ingegneristica potesse dispiegarsi completamente. Il team ha compiuto un’impresa audace con la complessità di questa distribuzione, uno dei compiti più audaci finora per Webb”.

Secondo l’agenzia, è uno dei dispiegamenti di veicoli spaziali più difficili che la NASA abbia mai tentato.

Una visiera parasole sovradimensionata a cinque strati proteggerà il gigantesco specchio e gli strumenti di Webb dal calore del sole. Lo specchio e gli strumenti devono essere tenuti a una temperatura estremamente fredda di meno 370 gradi Fahrenheit (meno 188 gradi Celsius) per poter osservare l’universo come progettato. Ciascuno dei cinque fogli è sottile come un capello umano e rivestito di metallo riflettente.

Quando Webb è stato lanciato, il parasole è stato ripiegato per essere posizionato all’interno del razzo Ariane 5 che ha trasportato il telescopio nello spazio. L’operazione di otto giorni per allentare e stringere lo scudo protettivo è iniziata il 28 dicembre. Ciò ha comportato l’apertura della struttura di supporto dello scudo per diversi giorni prima che ogni strato iniziasse a essere allungato o allungato.

READ  Il rover su Marte della NASA riporta selfie e panorami spettacolari in maestose formazioni rocciose

Il quinto strato della visiera parasole è stato stretto e fissato in posizione martedì alle 11:59 ET.

Nel complesso, l’intero processo, controllato da squadre a terra, ha comportato il movimento perfetto e coordinato di centinaia di meccanismi di sblocco, cerniere, attuatori di sega, pulegge e cavi.

“La fase di tensionamento del film per l’implementazione del parasole è particolarmente impegnativa perché ci sono interazioni complesse tra le strutture, i meccanismi di tensione, i cavi e le membrane”, ha detto James Cooper, direttore del Web Shield della NASA, che ha sede presso il Goddard Space Flight Center, in un dichiarazione. . “Questa è stata la parte più difficile dei test sulla Terra, quindi è fantastico che le cose vadano bene oggi”.

I team lavorano in turni di 12 ore per assicurarsi che tutto funzioni senza intoppi con le distribuzioni di Webb.

Con il parasole installato con successo, Bill Ochs, project manager di Webb, ha affermato che il telescopio ha superato una probabilità dal 70% al 75% di oltre 300 guasti a punto singolo che potrebbero interrompere la sua capacità di operare.

Ecco come appare il parasole del telescopio Webb una volta completamente dispiegato.  I team hanno testato questo impegnativo processo sul campo un anno prima del suo lancio.

Jim Flynn, direttore di Sunshield presso Northrop Grumman, principale appaltatore della NASA per Webb, ha dichiarato in una nota.

Il telescopio ha la capacità di guardare indietro nel tempo, utilizzando osservazioni a infrarossi per rivelare aspetti altrimenti invisibili e per guardare più in profondità nell’universo che mai.

Il telescopio Webb esaminerà ogni fase della storia cosmica, incluso Si illumina per la prima volta dopo il Big Bang che ha creato il nostro universo Forma le galassie, le stelle e i pianeti che lo riempiono oggi. Le sue capacità consentiranno all’osservatorio di Un isotopo nelle atmosfere degli esopianeti e indagare sui deboli segnali delle prime galassie che si sono formate 13,5 miliardi di anni fa.

“Questa è la prima volta che qualcuno ha tentato di mettere un telescopio di queste dimensioni nello spazio”, ha detto in una nota Thomas Zurbuchen, amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA. “Webb ha richiesto non solo un attento assemblaggio, ma anche precise diffusioni. Il successo della sua pubblicazione più impegnativa – la protezione solare – è un’incredibile testimonianza dell’ingegno umano e dell’abilità ingegneristica che consentiranno a Webb di raggiungere i suoi obiettivi scientifici”.

READ  L'astronave SN11 si prepara al lancio con i piani di SpaceX per il futuro

Cosa verrà dopo

Si prevede che Webb impiegherà circa 29 giorni per raggiungere la sua orbita prevista a un milione di miglia dalla Terra, con altri importanti passaggi lungo il percorso, e questo include un’altra grande sfida alla fine di questa settimana: l’apertura dello specchio del telescopio.

Lo specchio può estendersi per 21 piedi e 4 pollici (6,5 metri), una lunghezza enorme che gli consente di raccogliere più luce dagli oggetti una volta che il telescopio è nello spazio. Più luce può raccogliere lo specchio, più dettagli può osservare il telescopio.

È lo specchio più grande che la NASA abbia mai costruito, ma le sue dimensioni hanno creato un problema unico. Lo specchio era troppo grande per entrare in un missile. Gli ingegneri hanno progettato il telescopio come una serie di parti mobili che potrebbero piegare origami e adattarsi a uno spazio di lancio di 16 piedi (5 m).

Scott Murray, tecnico ottico di Ball Aerospace, ispeziona le prime clip dorate degli specchietti durante l'assemblaggio.
Questa è la prossima serie di passaggi cruciali di Webb: garantire che i 18 segmenti esagonali dello specchio placcati in oro si aprano e si chiudano insieme. Tutti questi passaggi Dovrebbe essere completato entro la fine di questa settimana.

Infine, Webb effettuerà un’altra modifica della traiettoria per inserirsi in un’orbita oltre la Luna.

Anche se ciò richiede 29 giorni, il telescopio attraverserà un periodo operativo nello spazio della durata di circa cinque mesi e mezzo, che include il raffreddamento, l’allineamento e la calibrazione dei suoi strumenti. Tutti gli strumenti passeranno anche attraverso un processo di logout per vedere come funzionano.

Webb inizierà a raccogliere dati e le sue prime immagini più avanti nel 2022, che dovrebbero essere rilasciate a giugno o luglio, cambiando per sempre il modo in cui vediamo e comprendiamo l’universo.

READ  La NASA condivide una splendida foto di vaste dune di sabbia su Marte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *