Il telescopio spaziale Hubble della NASA offre nuove epiche visioni dei pianeti giganti gassosi

Le immagini Hubble degli esopianeti nel 2021 mostrano i cambiamenti nelle atmosfere di Giove (a sinistra), Saturno (in alto a destra), Urano (al centro) e Nettuno (in basso a destra).

Scienze: NASA, ESA, Amy Simon (NASA GSFC), Michael H. Wong (UC Berkeley). Elaborazione delle immagini: Joseph DePasquale (STScI)

Il nostro sistema solare ha sicuramente dei bellissimi pianeti. Giovedì, la NASA e l’Agenzia spaziale europea hanno rilasciato un nuovo sguardo su Giove, Saturno, Urano e Nettuno visti dal telescopio spaziale Hubble.

Tutti e quattro i pianeti sono giganti gassosi, il che li rende molto diversi dalla Terra o da Marte, sono rocciosi. Come ha detto poeticamente la NASA in una dichiarazione sulle immagini di HubbleEstendendosi da 500 milioni a 3 miliardi di miglia dal sole, questi mostri sono tanto distanti quanto misteriosi, abitando così lontano dal sole che l’acqua si congela istantaneamente in ghiaccio solido.

Hubble, un progetto congiunto della NASA e dell’Agenzia spaziale europea, monitora annualmente i pianeti esterni in modo che gli scienziati possano monitorare i cambiamenti del tempo e dell’atmosfera nel tempo. Le immagini fanno parte dell’Outer Planets Legacy Program (OPAL) e sono state scattate a settembre e ottobre.

Su Giove, il 4 settembre, il telescopio ha osservato nuove tempeste. “Ogni volta che otteniamo nuovi dati, la qualità dell’immagine e i dettagli nelle funzionalità cloud mi affascinano sempre”, Amy Simon ha detto Dal Goddard Space Flight Center.

Una vista di Saturno il 7 settembre ha mostrato cambiamenti di colore associati ai cambiamenti stagionali. L’occhio acuto di Hubble consente ai ricercatori di contattare qualsiasi banda sul pianeta mappato che cambia colore.

Il pianeta Urano appare in una regione polare bianca brillante nell’immagine del telescopio Hubble il 25 ottobre. “I ricercatori studiano come la copertura polare luminosa è causata dai cambiamenti nella concentrazione atmosferica di metano e dalle caratteristiche delle particelle di nebbia, nonché dai modelli di flusso atmosferico”, ha detto la NASA.

Nettuno sembra una biglia blu vista al telescopio il 7 settembre. Sta scuotendo alcuni punti oscuri interessanti, uno dei quali era commovente. La NASA ha affermato che il pianeta è molto simile a quello che era nel 1989 quando la missione Voyager 2 diede un’occhiata.

Hubble ha trascorso più di tre decenni a svelare i segreti dello spazio. Il Il team del telescopio sta attualmente lavorando su un problema tecnico, ma uno dei suoi principali strumenti scientifici è all’opera durante la risoluzione dei problemi. Se tutto va bene, possiamo aspettarci che Hubble presenti un’altra serie di immagini dei pianeti nel 2022.

READ  Gli astronauti completano la prima passeggiata spaziale in tandem della Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *