Il telescopio Hubble ispeziona i pianeti più lontani

Queste tempeste di solito compaiono alle medie latitudini e vanno alla deriva verso l’equatore del pianeta, dove si indeboliscono e poi si disintegrano. Nel 2018, Hubble ha individuato un’enorme macchia scura che si spostava a sud verso una “zona mortale” tropicale, nell’emisfero settentrionale di Nettuno.

Due anni dopo, tuttavia, tra lo stupore degli astronomi e le simulazioni al computer, la tempesta ha invertito la rotta ed è tornata a nord. Inoltre, l’inversione ha coinciso con la comparsa di Una nuova tempesta leggermente più piccola chiamata “Dark Spot Jr.” A sud – un pezzo del vortice più grande potrebbe essersi diviso, portando via energia e slancio come in alcuni giochi di biliardo cosmici.

“È stato davvero emozionante vedere questa persona agire come avrebbe dovuto, e poi improvvisamente fermarsi e oscillare all’indietro”, ha detto Michael Wong, ricercatore presso l’Università della California, Berkeley. In un comunicato stampa della NASA l’anno scorso. “È stato sorprendente.”

Nell’ultima immagine di Nettuno, la grande macchia scura è ancora a nord. Ma Junior è scomparso e l’intera regione artica è oscurata. I meteorologi di Nettuno non sanno ancora perché.

Assapora queste cartoline cosmiche il più a lungo possibile. Il telescopio spaziale Hubble era Lì da più di 30 anniDopo la sua lunga vita operativa pianificata, recentemente ha dovuto affrontare problemi più frequenti. Tre volte quest’anno, il telescopio ha subito arresti prolungati a causa di problemi software.

Ma ci sono potenzialmente buone notizie che arrivano con il lancio programmato di Telescopio spaziale James Webb a dicembre. Il telescopio Webb è Quasi tre volte più grande di Hubble. È progettato per vedere i raggi infrarossi o “termici” piuttosto che le lunghezze d’onda visibili, quindi può vedere attraverso le nuvole e la nebbia di questi pianeti e mappare il calore sottostante, diffondendo luce, per così dire, su come funzionano questi pianeti. Comunque per un po’, se tutto va bene – e Le cose non sono sempre andate bene Gli astronomi possono avere due modi complementari per capire cosa sta succedendo lì.

READ  Una nuova mappa mostra come la materia oscura agisce sui "ponti" che collegano le galassie

Questo è un bollettino meteorologico dagli esopianeti. C’è vento là fuori e non dimenticare di indossare la crema solare più forte su Urano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *