Il Sudan richiama il suo ambasciatore in Etiopia in mezzo a tensioni nei rapporti | notizie sull’Etiopia

La decisione di Khartoum arriva pochi giorni dopo che Addis Abeba ha respinto l’offerta del Sudan di mediare nel conflitto nel Tigray.

Il Sudan ha richiamato il suo ambasciatore nella vicina Etiopia, frustrato dalla posizione dei funzionari etiopi che hanno affermato di rifiutare l’offerta di Khartoum di mediare nel conflitto nel Tigray.

Una dichiarazione rilasciata domenica dal ministero degli Esteri etiope ha affermato che “l’Etiopia migliorerà la sua posizione se prenderà in considerazione ciò che il Sudan può fare… invece di rifiutare completamente tutti i suoi sforzi”.

Il primo ministro sudanese Abdalla Hamdok ha parlato mercoledì con il segretario di Stato americano Anthony Blinken del conflitto nella regione del Tigray, nel nord dell’Etiopia.

La dichiarazione affermava che l’offerta di Hamdok rientrava nel quadro della sua presidenza di Ijad, un raggruppamento che comprende Kenya, Etiopia, Uganda, Gibuti, Sudan, Uganda e Somalia.

La mossa di Khartoum è stata l’ultimo segno del deterioramento delle relazioni tra i due vicini. Le tensioni sono iniziate dopo che il Sudan ha schierato truppe al confine con l’Etiopia alla fine dello scorso anno.

La decennale disputa sul confine tra Sudan ed Etiopia è incentrata su vaste aree di terreno agricolo che, secondo il Sudan, si trovano all’interno dei suoi confini nell’area di Al-Fashika, secondo l’accordo di demarcazione del confine tra i due paesi all’inizio del XX secolo.

I due paesi hanno tenuto una serie di colloqui, l’ultimo a Khartoum a dicembre, per risolvere la controversia, ma non hanno fatto progressi.

La disputa si è intensificata negli ultimi mesi dopo che il Sudan ha schierato truppe a Fashaqa. Il Sudan ha affermato di aver riconquistato la maggior parte del suo territorio e ha invitato l’Etiopia a ritirare le sue forze da almeno due punti che si dice siano all’interno del Sudan.

READ  Terremoto in Alaska: il terremoto di magnitudo 8,2 è stato il più forte degli ultimi 50 anni, afferma il sindaco

Ma i funzionari etiopi hanno accusato il Sudan di sfruttare la zona del conflitto del Tigray per entrare nel territorio etiope. Ha invitato le forze sudanesi a tornare alle loro posizioni prima che a novembre scoppiasse la battaglia contro il Tigray.

Le tensioni al confine arrivano in un momento in cui Etiopia, Sudan ed Egitto stanno anche cercando di risolvere una disputa tripartita sulla Grande diga rinascimentale etiope.

Beilin Seyoum, portavoce del primo ministro etiope Abiy Ahmed, ha dichiarato giovedì che le relazioni con il Sudan sono state “un po’ difficili” e ha accusato Khartoum di occupare il territorio etiope, un riferimento ad Al-Fashika.

Ha detto che il Sudan non era un “partito credibile” per facilitare i negoziati tra il governo di Abiy ei leader del Tigray.

Il conflitto nel Tigray è scoppiato a novembre dopo una spaccatura tra Abiy e il partito al governo del Tigray, che ha dominato il governo etiope per quasi 30 anni. La crescente guerra minacciava di destabilizzare l’intera regione del Corno d’Africa.

Non ci sono stati commenti immediati dall’Etiopia domenica.

A febbraio, il Sudan ha ordinato all’ambasciatore Jamal al-Sheikh di tornare dall’Etiopia dopo aver accusato le forze etiopi di attraversare il Sudan e avvertito di “pericolose ripercussioni” per la sicurezza e la stabilità della regione. Al-Sheikh tornò ad Addis Abeba settimane dopo.

La guerra del Tigray uccise migliaia di persone e spinse la regione sull’orlo della carestia. Più di 60.000 persone sono fuggite dal Tigray e hanno cercato rifugio in Sudan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *